Ricerca Dynabook: la sicurezza IT al primo posto

Pubblicato il 20 ottobre 2022

Da una recente ricerca Dynabook emerge che il 47% delle PMI italiane ha considerato la sicurezza l’aspetto IT più impegnativo da gestire durante la pandemia. Questa percentuale, che si divide tra sicurezza della rete (22%) e dei dispositivi (25%), evidenzia come la sicurezza debba essere posta alla base di ogni componente dell’infrastruttura IT, dal core della rete fino all’hardware in possesso dei dipendenti.

La nuova ricerca di Dynabook dimostra però che c’è ancora molta strada da fare. La maggior parte delle piccole e medie imprese (PMI) italiane è ancora in fase di transizione, con il 78% che deve ancora ottimizzare completamente le proprie soluzioni IT per il lavoro ibrido e il 33% che prevede un aumento del proprio budget IT.

“Le nuove esigenze hanno fatto sì che le PMI si trovassero ad affrontare sfide IT più complesse che mai in termini di affidabilità, sicurezza e produttività”, ha dichiarato Massimo Arioli, Business Unit Director Italy di Dynabook Europe GmbH. “Uno dei maggiori svantaggi del passaggio al lavoro ibrido è stato il rapido aumento dei cyber attacchi. L’insufficiente sicurezza della rete e dei dispositivi è stato una conseguenza prevedibile della disperata corsa per rimanere operativi durante i primi periodi di lockdown, quando l’unica priorità era portare avanti le attività”.

Non sorprende quindi che l’infrastruttura di cybersecurity (41%), le soluzioni basate sul cloud (35%) e l’assistenza IT da remoto (25%) siano attualmente considerate tra le principali priorità di investimento IT in Italia, nel tentativo delle PMI di ristabilire l’equilibrio.

Dalla ricerca emerge anche il grande valore attribuito ai dispositivi mobile, in particolare ai notebook, che secondo il 47% sono in grado di aumentare la produttività e la collaborazione dei dipendenti, garantendo al contempo sicurezza e affidabilità. Il 71% dei responsabili IT delle PMI ritiene che le decisioni di acquisto dei computer portatili siano più importanti oggi rispetto a prima della pandemia, dato che non sorprende visto il ruolo sempre più centrale dell’hardware all’interno dell’ecosistema di lavoro ibrido. Il 91% delle PMI italiane considera necessario un aggiornamento completo o parziale dei propri dispositivi per essere competitivi nel mondo ibrido di oggi.



Contenuti correlati

  • Panasonic TOUGHBOOK: una ricerca sulla sostenibilità

    In base ai risultati di una nuova ricerca di Opinion Matters commissionata da Panasonic TOUGHBOOK, gli uffici acquisti IT europei si trovano costretti in un ciclo che prevede ogni quattro anni la sostituzione dei dispositivi informatici in...

  • Cohesity : le tecnologie obsolete compromettono le risposte ai ransomware

    In una nuova ricerca globale commissionata da Cohesity, quasi la metà degli intervistati afferma che la propria azienda dipende da un’infrastruttura di backup e ripristino obsoleta per gestire e proteggere i propri dati. In alcuni casi, questa...

  • Una ricerca Barracuda evidenzia le sfide nell’implementazione della sicurezza industriale

    Barracuda Networks ha annunciato i risultati del report The State of Industrial Security in 2022. La ricerca globale commissionata da Barracuda ha coinvolto 800 responsabili IT, responsabili della sicurezza e project manager da cui dipendono i progetti...

  • Il trend in forte crescita delle schede di sviluppo in Italia

    Le schede di sviluppo sono oggi sempre più adottate anche in ambito industriale grazie alla loro semplicità d’uso e di programmazione, basso costo e capacità di essere supportate da un’ampia gamma di sistemi. Reichelt elektronik e l’Istituto...

  • La quarta edizione del sondaggio sull’IoT di Farnell

    Farnell ha presentato i risultati della sua quarta indagine annuale sull’IoT globale, che evidenzia, fra l’altro, una forte crescita dell’IoT in un’ampia gamma di settori. In particolare, quest’anno si è assistito a un cambiamento radicale nell’atteggiamento verso...

  • Gli scenari economici per le soluzioni tecnologiche evolute di illuminazione

    Il quadro che emerge dalla ricerca “Il PNRR e l’impatto economico, sociale e ambientale delle soluzioni tecnologiche evolute di illuminazione” che ASSIL (Associazione Nazionale Produttori Illuminazione) ha commissionato a Energy & Strategy del Politecnico di Milano, indica...

  • Le previsioni di Gartner sui ricavi dei semiconduttori

    Gli analisti di Gartner, in una recente ricerca, prevedono che i ricavi mondiali dei semiconduttori aumenteranno del 13,6% nel 2022 rispetto al 2021. Secondo le stime, infatti, le entrate globali per i semiconduttori dovrebbero raggiungere i 676...

  • La ricerca di Ivanti su supply chain e IIoT

    Una recente ricerca di Ivanti Wavelink, la business unit di Ivanti per le soluzioni di supply chain, ha evidenziato i trend verso l’incremento di automazione, connettività e intelligence nei processi della supply chain industriale. Il sondaggio, condotto...

  • Dynabook: il potenziale del connubio fra intelligenza artificiale e realtà aumentata

    Recenti ricerche sull’adozione di Realtà assistita/aumentata (AR) e intelligenza artificiale (AI) indicano che la dimensione del mercato globale dell’AR dovrebbe raggiungere 8,8 milioni di unità entro il 2026, con gli smart glass che stanno registrando una sempre...

  • Dynabook aggiorna gli smart glass dynaEdge

    dynaEdge DE200 è la nuova generazione degli smart glass a realtà aumentata (AR) di Dynabook. Questo device di mobile edge computing per Windows 10/11 Pro offre infatti miglioramenti come LTE 4G, processori Intel Core di 11a generazione....

Scopri le novità scelte per te x