Red Hat: perché la città intelligente ha bisogno dell’Edge Computing

Pubblicato il 6 maggio 2022

Secondo Jens Kühner, Senior Sales Manager Telco EMEA di Red Hat, Smart city ed edge computing vanno di pari passo.

Sono sempre più numerose le città che stanno perseguendo strategie di smart city. Con tecnologie quali IoT, intelligenza artificiale (AI) e apprendimento automatico (ML), è necessario riconoscere e risolvere rapidamente le sfide sociali e ambientali da affrontare, con obiettivi generali che sono riassumibili nell’ottimizzazione del servizio ai cittadini, il miglioramento dell’efficienza e il risparmio dei costi.

Esempi di iniziative di smart city sono la gestione del traffico con la messa in rete del trasporto pubblico e del traffico individuale, la gestione dei parcheggi, il controllo della fornitura di energia, la gestione dei disastri o, come semplice applicazione, l’ottimizzazione dell’illuminazione stradale.

Finora, l’implementazione di tali concetti è stata possibile solo in misura limitata per motivi tecnologici. Le reti 4G utilizzate presentano limiti in termini di velocità e possibilità di comunicazione in tempo reale. A causa dei tempi di latenza, è difficile attivare reazioni critiche per tempestività, come l’apertura automatica dei sistemi di ventilazione nei parcheggi multipiano in caso di livelli pericolosi di monossido di carbonio.

Grazie a velocità più elevate e tempi di latenza estremamente bassi, il nuovo standard 5G supporterà in modo ottimale gli scenari di smart city e darà il via a una nuova generazione di servizi. In linea di principio, il 5G può essere utilizzato per una vasta gamma di casi d’uso diversi, tra cui applicazioni con un’elevata velocità di trasmissione dati, o per implementare casi che richiedono il supporto di molti dispositivi e piccole quantità di dati a basso costo e ridotto consumo energetico – anche in condizioni di ricezione difficili.

È proprio questo punto a rivestire la massima importanza per la creazione di modelli di città intelligenti basati su applicazioni IoT ottimizzate.

Tuttavia, la diffusione del 5G da sola non contribuirà necessariamente a una maggiore efficienza dei servizi IoT e a guidare l’implementazione di modelli di smart city, la combinazione di implementazioni 5G ed edge è cruciale. I benefici del 5G possono essere pienamente realizzati solo portando l’elaborazione dei dati e la potenza di calcolo più vicino al “punto finale”, che può essere un sensore o un’auto connessa.

L’edge computing descrive la possibilità di eseguire l’elaborazione dei dati nel luogo in cui sono generati – cioè ai margini della rete, per esempio su sensori o gateway a bordo strada. I dati vengono consolidati e analizzati in mini-centri dati sul posto prima della loro trasmissione. Solo quelli veramente rilevanti o i risultati intermedi aggregati vengono inviati per un’ulteriore elaborazione centrale, eliminando così i problemi dovuti a larghezza di banda o latenza. La riduzione dei ritardi di trasmissione evita anche le interruzioni di servizio. I dati trasmessi possono poi essere centralizzati in data center locali e in ambienti cloud e utilizzati per ottenere insight utilizzando tecnologie AI o ML.

L’edge computing viene attualmente promosso in modo massiccio, soprattutto nel settore delle telecomunicazioni nel contesto del 5G. I fornitori di servizi stanno modernizzando le loro reti implementando le funzionalità software e disaccoppiandole dalla piattaforma sottostante. Standardizzazione e automazione end-to-end sono fondamentali, con l’obiettivo di arrivare a livelli superiori di flessibilità e scalabilità, a una commercializzazione più rapida e costi più bassi.

L’edge computing rappresenta quindi un aspetto essenziale per l’attuazione di strategie smart city. Tuttavia, man mano che le città diventano sempre più digitalizzate, cambiano anche le richieste generali all’IT che deve offrire agilità e flessibilità, velocità o scalabilità. È qui che entrano in gioco le infrastrutture IT hybrid cloud o multi-cloud che permettono la distribuzione di applicazioni in brevi cicli di sviluppo in un ambiente dinamicamente scalabile.

Una piattaforma open hybrid cloud supporta anche distribuzioni complete edge: può agire come piattaforma orizzontale comune che fornisce un’esperienza di sviluppo e operativa unificata, dal nucleo alla periferia, assicurando anche un elevato grado di portabilità delle applicazioni.

Quando si sceglie una piattaforma cloud ibrida è necessario assicurarsi in partenza che supporti lo sviluppo di applicazioni unificate e cloud-native su qualsiasi infrastruttura, che si tratti di un mix ibrido multi-cloud o di implementazioni on-premise. Il vantaggio di una piattaforma standard è la sua capacità di evitare il cloud vendor lock-in, elemento particolarmente rilevante per il settore pubblico dove le economie di scala o l’efficienza dei costi sono fattori importanti nelle decisioni di investimento.

In linea di massima, il successo nell’introduzione dei concetti di smart city dipende in larga misura dall’IoT e dall’uso strategico dei dati. Il networking e la digitalizzazione richiedono l’utilizzo di una varietà di soluzioni, piattaforme e tecnologie, che comprendono sensori, gateway IoT edge, sistemi backend agili e, soprattutto, un’architettura cloud ibrida aperta che permette la collaborazione con una vasta gamma di partner da un ecosistema certificato.



Contenuti correlati

  • Red Hat fornisce l’automazione gestita Ansible per Microsoft Azure

    Red Hat ha annunciato la disponibilità di Red Hat Ansible Automation Platform su Microsoft Azure che consente alle organizzazioni IT di automatizzare e scalare rapidamente nel cloud, con la flessibilità di fornire qualsiasi applicazione, ovunque, senza ulteriori...

  • Sistemi embedded medicali, nuovi rischi e opportunità di sviluppo

    Una delle aree tecnologiche più in fermento, nell’era di COVID-19, è senza dubbio quella delle tecnologie medicali. Diversi sono i filoni di sviluppo che in questo momento guidano l’innovazione: dall’Internet of Medical Things (IoMT), alle prospettive applicative...

  • Alleanze europee per processori ed edge/cloud computing

    L’Unione Europea ha di recente annunciato due nuove Alleanze Industriali, la prima che riguarda processori e semiconduttori e la seconda relativa alle tecnologie edge e cloud. L’Alleanza Industriale sulle tecnologie a semiconduttore e processori riguarda le tecnologie...

  • Edge computing – la killer app del 5G?

    Il 5G è finalmente arrivato. Molti di noi hanno già abbandonato il loro smartphone 4G, mentre le aziende stanno facendo i conti con il nuovo standard. Il momento non potrebbe essere migliore: ci sono ora più di...

  • Lattice Automate: uno stack per l’automazione industriale

    Lattice Semiconductor  ha di recente ampliato il proprio portafoglio di stack di soluzioni basati su FPGA a basso consumo con l’introduzione di Lattice Automate. Si tratta di uno stack che include tool software, core IP industriali, schede...

  • Compatibilità: l’elemento chiave per il successo delle applicazioni per Industry 4.0

    Intervista a Peter Müller, VP Product Center Modules di Kontron La digitalizzazione ha preso velocità, soprattutto negli ambienti industriali. Sono sempre maggiori le soluzioni che vengono sviluppate per soddisfare le esigenze di sicurezza, flessibilità e compatibilità e...

  • La rivoluzione dell’elaborazione ai margini della rete

    In questo articolo vengono evidenziati i progressi dell’edge computing, confrontandolo con il cloud computing e delineati alcuni requisiti chiave per l’implementazione IoT Leggi l’articolo completo su EO 493

  • Edge computing: adesso è mission-critical

    Dal fog computing all’edge computing mission-critical : l’evoluzione di un paradigma di elaborazione nelle parole di Flavio Bonomi, Technology Visionary for Fog/Edge Computing che attualmente ricopre la carica di Board Technology Adviser presso Lynx Software Technologies Prima...

  • Utilizzo delle MRAM nelle applicazioni di edge computing

    Grazie alle loro caratteristiche le memorie magnetoresistive consentono di migliorare l’affidabilità, ridurre le latenze e diminuire i consumi   Leggi l’articolo completo su EO 491

  • Dall’edge al fog: congatec amplia gli orizzonti dell’elaborazione embedded

    congatec amplia la propria offerta di soluzioni per l’elaborazione embedded e alla periferia della rete (edge computing) con l’aggiunta di piattaforme per il nuovo mercato dei fog computer di tipo “rugged”. Utilizzati in un gran numero di...

Scopri le novità scelte per te x