Pronto o no – La standardizzazione USB di tipo C è in arrivo

Pubblicato il 13 ottobre 2023
CUI Devices

Nel panorama in continua evoluzione della tecnologia, un’innovazione è stata al centro dell’attenzione per la sua notevole versatilità, capacità e adozione diffusa: USB Type C. Questo connettore compatto e reversibile ha rivoluzionato il modo in cui trasferiamo i dati e ricarichiamo i dispositivi, offrendo velocità di trasferimento dati più elevate e opzioni di erogazione di potenza.

Allo stesso tempo, quando il connettore USB di tipo C fu introdotto nel 2014, si trattava di uno dei tanti diversi tipi di connettori disponibili sul mercato. Dai connettori di alimentazione CC ad altri tipi di connettori USB, gli OEM dei dispositivi elettronici di consumo hanno una gamma di opzioni. Ciò ha portato i consumatori ad aver spesso bisogno di un diverso tipo di caricabatterie ogni volta che acquistavano un nuovo dispositivo, aumentando ulteriormente la quantità di rifiuti elettronici come sottoprodotto.

È chiaro che è necessaria la standardizzazione dei connettori per semplificare la ricarica dei dispositivi per i consumatori e limitare la quantità di rifiuti elettronici. L’Unione europea (UE) si sta impegnando in tal senso e sta preparando delle leggi sui caricabatterie comuni che si basano sulla tecnologia USB di tipo C. In questo post del blog, approfondiamo il percorso verso la standardizzazione USB di tipo C all’interno dell’UE, esplorandone il significato, le tempistiche chiave e il potenziale impatto. La migrazione dei progetti a USB di tipo C sarà fondamentale per gli OEM che vendono ai clienti finali in Europa e prevedono di rendere strategicamente i loro prodotti a prova di futuro, se la standardizzazione “USB Type C” interesserà presto altre regioni e applicazioni.

Evoluzione degli standard SUB e crescita dell’USB di tipo C

Come abbiamo già dimostrato nel blog Storia degli standard USB , i vari standard di dati, alimentazione e connettori fisici USB hanno fatto molta strada dall’introduzione dei connettori USB 1.0 e USB Type A. Tuttavia, l’avvento dell’USB di tipo C ha segnato un punto di svolta nella connettività. Il suo design reversibile, le velocità di trasferimento dati più rapida e le capacità di erogazione di energia lo hanno reso la scelta preferita per una vasta gamma di dispositivi. Man mano che la tecnologia continua ad avanzare, la standardizzazione diventa essenziale per garantire una comunicazione senza soluzione di continuità tra dispositivi di diversi produttori.

Il ruolo dell’Unione europea nella standardizzazione USB di tipo C

Al centro degli sforzi di normazione dell’UE ci sono organismi di regolamentazione come il Comitato europeo di normazione (CEN) e il Comitato europeo di normazione elettrotecnica (CENELEC). Queste organizzazioni collaborano con le parti interessate del settore, i gruppi di consumatori e gli esperti per stabilire linee guida che garantiscano connettori USB di tipo C, cavi e protocolli di alimentazione sicuri e interoperabili.

In effetti, lo standard “USB Type C” è stato ritenuto come quello migliore per la presa di ricarica comune perché lo standard del connettore USB fisico era già stato adottato a livello di standard internazionali dal CENELEC ai sensi dello standard europeo EN IEC 62680-1-3: Universal serial bus interfaces for data and power – Part 1-3: Common components – USB Type-C® Cable and Connector Specification. Lo stesso vale per la specifica USB Power Delivery, definita in EN IEC 62680-1-2.

Altre normative esistenti, come la Direttiva sulle apparecchiature radio (RED) e la Direttiva sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) , hanno tutte svolto un ruolo fondamentale nel plasmare il panorama della standardizzazione USB di tipo C.

A causa delle enormi dimensioni del mercato dei dispositivi mobili, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno infine stabilito che l’azione legislativa obbligatoria a livello dell’Unione, piuttosto che a livello nazionale o le misure volontarie, era l’unico modo per garantire l’interoperabilità dei dispositivi, migliorare la comodità dei consumatori e ridurre i rifiuti ambientali.

Quando entra in vigore la standardizzazione USB di tipo C nell’UE?

La standardizzazione USB di tipo C si sta avvicinando rapidamente. Dal 28 dicembre 2024, tutti i dispositivi mobili venduti nell’UE devono essere dotati di una porta di ricarica USB di tipo C e conformi alle specifiche USB Power Delivery (PD). Questi requisiti USB di tipo C e PD si estenderanno quindi ai laptop a partire dal 28 aprile 2026.

CUI Devices

La standardizzazione USB di tipo C nell’UE sarà in vigore per i dispositivi mobili entro la fine del 2024 e per i laptop entro la primavera del 2026

A quali dispositivi si applica la standardizzazione USB di tipo C?

Per quanto riguarda la standardizzazione USB di tipo C nell’UE, qualsiasi dispositivo elettronico ricaricabile tramite un cavo cablato e funzionante con un’alimentazione fino a 100 W richiederà una presa USB di tipo C. Le categorie di dispositivi elencate nella proposta della Commissione, che devono essere conformi entro la fine del 2024, includono:

  • Telefoni cellulari palmari
  • Tablets
  • Fotocamere digitali
  • Cuffie
  • Auricolari
  • Console per videogiochi portatili
  • Altoparlanti portatili
  • e-reader
  • Tastiere e tastierini numerici
  • Mouse
  • Sistemi di navigazione portatili
  • Auricolari
  • Laptop (primavera 2026)

È importante notare che alcuni prodotti, come smart watch, dispositivi di monitoraggio della salute, dispositivi per la cura personale e altri dispositivi indossabili, potrebbero essere esentati qualora fossero troppo piccoli per avere una presa USB di tipo C.

Entro la fine del 2025, e successivamente ogni cinque anni, la Commissione valuterà e riferirà regolarmente se il caricabatterie comune debba essere reso obbligatorio per dispositivi aggiuntivi a causa dei rapidi progressi tecnologici o degli sviluppi del mercato. Mentre la direttiva iniziale prendeva atto dei dispositivi fino a 100 W di potenza erogata, l’UE ha riconosciuto la natura in continua evoluzione degli standard USB. Di conseguenza, una modifica alla direttiva originale ha già preso nota dello standard USB PD aggiornato di USB-IF fino a 240 W. Anche i dispositivi fino a questo nuovo livello di potenza di 240 W saranno considerati per la potenziale inclusione nel mandato.

Altre regole e considerazioni importanti

Al di fuori degli obblighi riguardanti l’USB di tipo C e l’erogazione di potenza, ci sono diverse altre regole e considerazioni elencate nella nuova direttiva dell’UE:

  • Unbundling (separazione): uno degli obiettivi principali di questa direttiva è quello di ridurre i rifiuti elettronici utilizzando un caricatore comune per tutti i dispositivi; l’idea di separazione ha lo scopo di dare ai consumatori la scelta di acquistare un nuovo dispositivo con o senza caricabatterie. Sebbene la separazione non sia inizialmente obbligatoria, entro la fine del 2026 la Commissione è tenuta a presentare una relazione sull’impatto della separazione, per decidere se renderla un requisito obbligatorio per i produttori. Tutte le confezioni dovranno inoltre includere una nuova etichetta per indicare se un dispositivo di ricarica è o non è incluso. Vedi sotto.

CUI Devices

Il dispositivo di ricarica viene fornito con il prodotto finale (a sinistra) rispetto a nessun dispositivo di ricarica fornito con il prodotto finale (a destra)

  • Ricarica wireless: mentre la direttiva iniziale si concentra sulla ricarica cablata utilizzando connettori e cavi USB di tipo C, entro la fine del 2024, la Commissione dovrà anche richiedere alle organizzazioni standard dell’UE di sviluppare un’interfaccia di ricarica e protocolli armonizzati per la ricarica wireless.
  • Etichettatura delle specifiche di ricarica: oltre all’etichettatura “unbundling” mostrata sopra, le specifiche relative alle capacità di ricarica e ai dispositivi di ricarica compatibili devono essere stampate su qualsiasi manuale utente e imballaggio, come mostrato di seguito.

CUI Devices

Le lettere “XX” definiscono la potenza minima richiesta dall’apparecchiatura per la ricarica, mentre le lettere “YY” definiscono la potenza massima richiesta dall’apparecchiatura per ottenere la massima velocità di ricarica

Sfide e considerazioni future

Mentre il percorso verso la standardizzazione è promettente, le sfide rimangono. I produttori potrebbero incontrare difficoltà ad adattarsi ai nuovi requisiti e l’applicazione degli stessi potrebbe rivelarsi un compito complesso. Guardando al futuro, l’evoluzione della tecnologia USB porterà probabilmente nuovi progressi, rendendo necessaria la continua adattabilità e collaborazione dell’UE.

L’UE potrebbe anche rappresentare solo la prima tessera del domino a cadere nel potenziale dell’adozione globale dello standard USB di tipo C. L’India, che ora rappresenta il secondo più grande mercato di smartphone al mondo, ha già annunciato l’USB di tipo C come porta di ricarica comune entro marzo 2025. Allo stesso modo, diversi senatori negli Stati Uniti hanno già iniziato a sollecitare i legislatori a seguire le orme dell’UE per standardizzare dell’USB di tipo C. Sebbene l’adozione negli Stati Uniti richiederà probabilmente del tempo, i benefici e l’impatto ambientale potrebbero accelerarla più velocemente di quanto molti si aspettino.

Conclusioni

In un mondo in cui la connettività regna sovrana, l’USB di tipo C è emerso come un punto di svolta. Gli sforzi dell’UE per standardizzare i connettori e i cavi USB di tipo C sottolineano il suo impegno a migliorare le esperienze degli utenti, ridurre i rifiuti elettronici e promuovere l’innovazione tecnologica. Mentre l’UE naviga tra le onde della standardizzazione USB di tipo C, apre la strada a un futuro in cui la connettività senza soluzione di continuità sarà la norma, a vantaggio di individui, industrie e del pianeta. CUI Devices offre una gamma di connettori USB di tipo C e cavi, nonché prese USB di tipo C di sola alimentazione per andare incontro alla standardizzazione UE.



Contenuti correlati

  • Cui Devices
    Guida alla norma IEC 60601-1-8 e ai sistemi di allarme medicali

    Di Jeff Smoot, CUI Devices La progettazione di apparecchiature elettromedicali sembra un compito semplice, finché non si entra nei dettagli. Ricorda che questo tipo di apparecchiature viene utilizzato in situazioni che vanno dall’assistenza sanitaria a domicilio alle...

  • gestione termica
    Gestione termica nei sistemi elettronici: le basi fondamentali

    In questo articolo vengono analizzate le potenziali fonti di calore all’interno di un’applicazione elettronica e illustrati vari metodi di gestione termica Leggi l’articolo completo su EO 514

  • CUI Devices
    I nuovi buzzer conformi ai requisiti IEC 60601-1-8 di CUI Devices

    L’Audio Group di CUI Devices ha annunciato una nuova linea di cicalini (buzzer) per applicazioni medicali conformi ai requisiti dei segnali di allarme previsti nella norma IEC 60601-1-8. La famiglia CPIM è una gamma di indicatori audio...

  • L’importanza dei materiali di interfaccia termica

    di Ryan Smoot, CUI Devices Viene data molta attenzione alle ventole, ai dissipatori di calore e ai dispositivi Peltier quando si parla di gestione termica, quindi potrebbe essere facile trascurare il modo cruciale in cui sono messi...

  • Tutto quello che devi sapere sui potenziometri

    Che cosa sono i potenziometri? I potenziometri o “pot”, come sono comunemente chiamati dagli ingegneri, sono essenzialmente resistori che incorporano un meccanismo di regolazione meccanica che consente di modificarne manualmente la resistenza. I resistori, come sappiamo, offrono...

  • Cui Devices
    I nuovi microfoni MEMS di CUI Devices

    L’Audio Group di CUI Devices ha aggiunto all’offerta dell’azienda tre nuovi microfoni MEMS caratterizzati da un’ampia gamma di frequenze (da 20 a 20.000 Hz). I microfoni sono siglati rispettivamente CMM-2718AB-38162W-TR, CMM-2718AB-38164W-TR e CMM-2718AT-38164W-TR e sono tutti componenti...

  • Qual è il modo più efficace per commutare un motore BLDC?

    Di Jason Kelly Motori CC brushless I motori elettrici a corrente continua brushless (o motori BLDC) sono motori a commutazione elettronica pilotati da una fonte elettrica CC tramite un controller esterno per motori. A differenza dei loro...

  • Interruttori tattili 101

    Un interruttore elettrico, nella definizione più semplice, è un dispositivo che accende o spegne la corrente elettrica. Se bastasse dire solo questo sugli interruttori, sarebbe una storia molto breve. Tuttavia, gli interruttori elettrici sono disponibili in migliaia...

  • Una panoramica sui sensori di pressione

    Il modo migliore per iniziare una discussione sui sensori di pressione è partire con alcune definizioni. La pressione è la quantità di forza esercitata da un liquido o un gas su un’area unitaria di una superficie. L’equazione...

  • Nuove opzioni per guida DIN per le morsettiere di CUI Devices

    L’Interconnect Group di CUI Devices  ha annunciato l’espansione della sua linea di morsettiere con l’aggiunta di nuovi modelli su guida DIN. La famiglia TBDR offre connettori a molla o con tappo di chiusura a innesto. Queste morsettiere...

Scopri le novità scelte per te x