Alimentazione: alcuni suggerimenti (parte 17) – Determinazione dello snubber per un convertitore flyback

Dalla rivista:
Elettronica Oggi

 
Pubblicato il 13 febbraio 2012

La figura 1 mostra lo stadio di alimentazione del convertitore flyback e la forma d’onda di tensione del MOSFET al primario. Questo convertitore funziona immagazzinando l’energia nell’induttanza primaria di un trasformatore e trasferendola al secondario quando il MOSFET si apre. Spesso è necessario uno snubber quando il MOSFET va in interdizione, in quanto l’induttanza di dispersione del trasformatore fa sì che la tensione di drain aumenti oltre la tensione di uscita accoppiata (Vreset).

PT17Figure1

Fig. 1 – L’induttanza di dispersione crea una tensione eccessiva all’apertura del FET

L’energia immagazzinata nell’induttanza di dispersione può produrre l’effetto valanga nel MOSFET, per cui si aggiunge un circuito di clamping della tensione composto da D1, R24 e C6, che fissa la tensione a un valore dipendente dalla quantità di energia esistente nell’induttanza di dispersione e dalla dissipazione di potenza nel resistore: una resistenza inferiore riduce la tensione di clamping, ma aumenta la perdita di potenza.

La figura 2 mostra le forme d’onda della corrente nel primario e nel secondario del trasformatore. Il circuito a sinistra è lo schema semplificato dello stadio di alimentazione quando il MOSFET è in conduzione. La corrente d’ingresso aumenta attraverso l’induttanza di dispersione e quella mutua, collegate in serie. Il circuito a destra, anch’esso semplificato, corrisponde al periodo di interdizione, durante il quale la tensione si è invertita sino al punto che il diodo di uscita e quello di clamping sono polarizzati direttamente. Il circuito include anche il condensatore di uscita e il diodo accoppiati al primario.

PT17Figure2

Fig. 2 – L’induttanza di dispersione riduce l’energia di uscita

È interessante il fatto che si possa calcolare la relazione di variazione inversa tra la tensione di clamping e la dissipazione di potenza nello snubber. Come illustrato nella figura 2, la potenza assorbita dal circuito di clamping è uguale al prodotto del valore medio della corrente nel diodo di clamping e della tensione di clamping (supponendo che quest’ultima sia costante). Nell’equazione possiamo individuare il termine ½ * F *L * I2, correlato alla potenza di uscita di un convertitore flyback discontinuo. In questo caso, l’induttanza è quella di dispersione. Il risultato è un po’ sorprendente, nel senso che la perdita di potenza non corrisponde semplicemente all’energia immagazzinata nell’induttanza di dispersione; è sempre maggiore, ma dipende dalla tensione di clamping. La figura 3 mostra questa relazione. Il grafico rappresenta la perdita, normalizzata rispetto all’energia esistente nell’induttanza di dispersione, in funzione del rapporto tra la tensione di clamping e quella di reset. A valori elevati della tensione di clamping, la perdita nello snubber è prossima all’energia nell’induttanza di dispersione. A mano a mano che diminuisce la tensione di clamping a causa della riduzione della resistenza, l’energia viene trasferita dall’uscita principale e la dissipazione nello snubber aumenta drasticamente: a un valore di 1,5 del rapporto Vclamp/Vreset, è quasi il triplo della perdita risultante dall’energia immagazzinata nell’induttanza di dispersione.

PT17Figure3

Fig. 3 – Aumentando la tensione di clamping si riduce la perdita nello snubber

Riepilogando, l’induttanza di dispersione di un convertitore flyback può creare uno stress di tensione inaccettabile sull’interruttore di alimentazione. Uno snubber RCD può limitare questo stress; tuttavia, esiste una relazione di variazione inversa tra la tensione di clamping e la dissipazione di potenza nello snubber.

Nel prossimo numero della rubrica esamineremo la precisione di un divisore di tensione.

Per leggere numeri precedenti della rubrica “Suggerimenti sull’alimentazione” di Robert Kollman: www.eo-web.it/webexclusive
Per ulteriori informazioni su questa e altre soluzioni per gli alimentatori, visitare: www.ti.com/power-ca
Per contattare Robert Kollman: powertips@list.ti.com

Per ulteriori informazioni su questa e altre soluzioni per gli alimentatori, visitare www.ti.com/power-ca

Robert Kollman, Texas Instruments



Contenuti correlati

  • TEXAS INSTRUMENTS
    Nuove gamme di dispositivi GaN da Texas Instruments

    Texas Instruments (TI) ha presentato due nuove gamme di dispositivi di conversione di potenza che consentono di ottenere maggiori densità di potenza. I nuovi stadi di potenza integrati al nitruro di gallio (GaN) da 100 V di...

  • COSEL
    Gli alimentatori ad alta affidabilità per applicazioni industriali di COSEL

    COSEL ha ampliato la sua offerta con gli alimentatori AC/DC ad alta affidabilità della serie PDA, destinati ad applicazioni industriali. La nuova serie utilizza una topologia quasi risonante con un numero limitato di componenti con l’obiettivo di...

  • TDK-Lambda
    TDK-Lambda: alimentatori AC-DC trifase su guida DIN da 480W e 960W

    TDK Corporation ha aggiunto alla sua gamma di alimentatori TDK-Lambda DRB dei nuovi modelli con ingresso CA trifase. Questi prodotti, caratterizzati da installazione su guida DIN, sono progettati per il funzionamento continuo a 480 W o 960...

  • Diagnostica di carico avanzata per ridurre i tempi di downtime

    Il rilevamento della corrente è una soluzione diagnostica del carico che, una volta aggiunta a una rete di distribuzione della potenza 24 VCC, permette di migliorare la raccolta dei dati, rendendo possibile diagnosticare correnti di sovraccarico, rotture...

  • Implementazione di un master IO-Link con temporizzazione deterministica

    Questo articolo affronterà l’argomento dell’implementazione di master IO-Link ad alte prestazioni in sistemi industriali per ottenere tempi di ciclo precisi e latenza deterministica Leggi l’articolo completo su Embedded 91

  • Texas Instruments
    Texas Instruments presenta nuovi chip automotive

    Texas Instruments (TI) ha presentato a CES2024  i suoi nuovi semiconduttori progettati per migliorare la sicurezza e l’intelligenza nel settore automotive. Il chip sensore radar a onde millimetriche AWR2544 a 77 GHz è il primo nel settore...

  • XP Power
    XP Power: alimentatori programmabili da 3 kW per applicazioni mediche e industriali

    XP Power ha annunciato la nuova serie di alimentatori programmabili da 3 kW 3HPF3K0 utilizzabile nel settore medico. Sono disponibili quattro varianti con uscite singole nominali da 24, 36, 48 e 60VDC. L’efficienza raggiunge il 93% e...

  • TI
    TI espande la sua gamma di FET GaN

    Texas Instruments (TI) ha annunciato di aver ampliato la sua gamma di prodotti basati su tecnologia GaN con nuovi FET con gate driver integrati, tra cui i dispositivi LMG3622, LMG3624 e LMG3626, che permettono di raggiungere velocità...

  • 2024: buone prospettive per i semiconduttori

    Il mercato globale dei semiconduttori si trova in una fase di solida inversione di tendenza. Questa è l’opinione degli analisi di WSTS,  che hanno rivisto al rialzo i dati relativi alla crescita del 2° trimestre 2023 rispetto...

  • COSEL
    Una nuova generazione di alimentatori ultracompatti da COSEL

    COSEL ha realizzato una nuova generazione di alimentatori estremamente compatti per applicazioni industriali, la serie TE. Utilizzando le tecnologie più avanzate, come i semiconduttori wide bandgap al nitruro di gallio (GaN), i trasformatori planari ad alta frequenza...

Scopri le novità scelte per te x