Freescale: Single Chip Module per l’IoT

Pubblicato il 30 giugno 2015

Freescale Semiconductor  ha lanciato il più piccolo modulo single chip (SCM) del mondo per IoT – Internet of Things.

Poiché l’IoT richiede la concentrazione di una maggiore potenza di elaborazione in spazi sempre più ridotti, la nuova linea di prodotti SCM di Freescale può integrare centinaia di componenti, compresi processori, memoria, gestione dell’alimentazione e componenti RF che sarebbero altrimenti implementati su una scheda da sei pollici, in un piccolo package 17 mm x 14 mm x 1,7 mm – le dimensioni di una monetina americana da 10 cent.

L’innovativo modulo single chip Freescale integra un processore dual core con funzionalità completa e oltre 100 componenti in un package delle dimensioni di una monetina americana da 10 cent.

Progettato per funzionare come un computer su un chip, SCM i.MX 6Dual è abilitato per la memoria DDR e abbina le prestazioni del processore applicativo i.MX 6Dual di Freescale a un circuito integrato di gestione dell’alimentazione (PMIC – power management integrated circuit), memoria flash, software/firmware embedded e tecnologia di sicurezza a livello di sistema compresi generazione di numeri casuali, motori di cifratura e sistemi antimanomissione.

I prodotti SCM sono stati progettati per abbreviare drasticamente il “time to market”, favorendo una diminuzione stimata al 25% dei tempi di sviluppo hardware nonché una riduzione superiore al 50% delle dimensioni rispetto alle attuali soluzioni discrete. Gli straordinari livelli prestazionali e di connettività del modulo consentono ai clienti che puntano ai mercati IoT di incorporare nei propri prodotti funzionalità avanzate di analisi di dati predittivi, con la possibilità di immettere sul mercato prodotti finali all’avanguardia e potenzialmente rivoluzionari.

I moduli SCM di Freescale sono ideali per applicazioni quali occhiali 3D per videogiochi, dove la durata delle batterie e il consumo energetico sono elementi importanti, i droni IoT di nuova generazione che richiedono prestazioni elaborative estremamente elevate per il riconoscimento degli oggetti e altri prodotti IoT, per i quali interfacce utente e grafica molto avanzate sono considerate fattori chiave per favorirne la diffusione. Tra gli altri mercati che ben si adattano all’uso della tecnologia SCM di Freescale figurano dispositivi indossabili, apparati medicali di nuova generazione e applicazioni autonome di rilevazione dati.



Contenuti correlati

  • La quarta edizione del sondaggio sull’IoT di Farnell

    Farnell ha presentato i risultati della sua quarta indagine annuale sull’IoT globale, che evidenzia, fra l’altro, una forte crescita dell’IoT in un’ampia gamma di settori. In particolare, quest’anno si è assistito a un cambiamento radicale nell’atteggiamento verso...

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

  • I microcontrollori a 8 bit hanno ancora un ruolo chiave nel mondo IoT

    L’utilizzo di una MCU a 8 bit durante la progettazione di nodi edge rappresenta una soluzione a basso costo, con consumi ridotti, intelligente (ma non dedicata all’IoT) e in grado di gestire compiti ausiliari e di gestione della potenza...

  • Circuiti integrati a segnali misti: tra analogico e digitale

    Telefonia mobile, IoT e automotive sono i principali propulsori della domanda di circuiti analogici, digitali e a segnali misti con caratteristiche di basso consumo e ingombro ridotto Leggi l’articolo completo su EO 499

  • Spazi abitativi sempre più intelligenti e protetti

    Ai nostri giorni, lavastoviglie, frigoriferi, lavatrici, condizionatori d’aria, macchine per caffè e una miriade di altri dispositivi domestici sono sempre più spesso preceduti dalla parola “smart” Leggi l’articolo completo su EO 499

Scopri le novità scelte per te x