Duty-cycle: alcune considerazioni

Pubblicato il 6 agosto 2015

Per alcune tipologie di dispositivi, come quelli per applicazioni IoT (Internet of Things) e “indossabili”, l’autonomia della batteria è il fattore chiave. Gli utenti non vogliono assumersi l’onere di ricaricare le batterie e, nel caso di nodi sensori distribuiti, effettuare cambi frequenti della batteria o cicli di ricarica possono risultare operazioni poco pratiche se non addirittura impossibili. Si immagini ad esempio di voler sostituire una pila a bottone di un estensimetro celato all’interno di un pilastro in cemento di un ponte.

Long life batterySebbene si senta spesso parlare dei problemi legati ai consumi di potenza, il vero obbiettivo è rappresentato dall’energia. Nel caso di dispositivi che non possono essere ricaricati, il problema è stabilire di quanta energia avrà bisogno il sistema nel corso della sua vita operativa prevista.

Molti sistemi embedded raggiungono i loro obbiettivi in termini di consumi di potenza funzionando in modo tale che buona parte dei circuiti risultano spenti quando sono inattivi. Togliendo potenza a un circuito laddove possibile, le perdite sono ridotte al minimo in quanto nessuna corrente di alimentazione viene sprecata.

Ottimizzare l’autonomia della batteria significa mantenere il microcontrollore nel suo stato di bassa energia il più a lungo possibile, “risvegliandolo” solamente quanto è richiesto il controllo software per l’elaborazione dei dati in ingresso. Questo si traduce in un duty-cycle (ovvero un fattore di utilizzo) molto basso – verosimilmente il sistema si troverà nello stato di completa attività per non più dell’1% dell’intera vita operativa. Per il restante 99% gran parte dei suoi circuiti sono spenti.

La domanda chiave è dunque la seguente: come e quando “svegliare” il microcontrollore. I sistemi caratterizzati da un basso duty-cycle si possono suddividere in due categorie: reattivi e periodici. Nel funzionamento in modo reattivo, un sistema si trova nello stato di stand-by in attesa di una qualche attività o di un evento prima di iniziare l’elaborazione per poi tornare in uno stato di “deep-sleep”.

Un tipico esempio di sistema reattivo a bassa energia è un dispositivo di allarme usato per il monitoraggio della salute di persone anziane o disabili che si attiva quando un paziente cade:  in questo caso un segnale in uscita da un accelerometro può innescare un interrupt quando rileva un movimento che supera una soglia preimpostata.

I sistemi periodici, invece, si svegliano a intervalli fissi, eseguono un controllo per vedere se si è verificato un evento che merita attenzione, elaborano i dati e quindi ritornano nella modalità di stand-by.  I sistemi in cui è difficile eseguire una verifica di un ingresso rispetto a un valore di soglia possono usare una modalità di “sleep” periodico: alcuni tipi di sensori, come ad esempio quelli per touchscreen e induttivi, spesso rientrano in questa categoria.

Un risveglio periodico può anche sembrare la miglior strategia da adottare nel caso la modalità di “deep sleep” del microcontrollore supporta solamente un interrupt proveniente dal timer del sistema. In alcuni progetti è prevista la disabilitazione di altre fonti di interrupt esterne quando il dispositivo si trova in modalità “deep sleep”,  per cui è richiesto un risveglio su base periodica semplicemente per verificare se nel frattempo è successo qualcosa. Un approccio di questo tipo comporta un dispendio maggiore rispetto a quello reattivo, ma i più frequenti cicli di “risveglio” abbinati alla modalità “deep sleep” si possono tradurre in una maggiore autonomia della batteria rispetto a quella che si otterrebbe facendo girare in una modalità di “sleep” meno “profonda” ma più onerosa in termini di consumi il microcontrollore per la maggior parte del tempo.

Il punto centrale è la scelta di un’architettura che riesca ad abbinare la modalità “deep sleep” con un approccio di tipo reattivo. Esistono RTC (Real Time Clock) a bassissima energia che possono verificare l’esistenza di problematiche esterne, come ad esempio quelle provocate da interrupt hardware o da variazioni  della tensione di ingresso rilevate da un comparatore.

Nel momento un cui viene rilevato un evento esterno, il sistema può svegliarsi rapidamente, senza incorrere nella penalizzazione, in termini di consumi, tipica della strategia di polling (interrogazione ciclica), ottimizzando il periodo di tempo in cui il sistema si trova nello stato “deep sleep”.

Poiché il consumo di potenza di un microcontrollore nello stato attivo è di ordini di grandezza superiore rispetto a quelli dei migliori RTC disponibili sul mercato, come quelli prodotti da Ambiq, anche una riduzione dell’1% ha un impatto significativo.

Così, nella progettazione di un microcontrollore efficiente in termini di consumi, è importante individuare il compromesso ottimale a livello di sistema tra tensione, consumi e prestazioni mentre il microcontrollore è nello stato attivo. Ambiq ha condotto un’analisi esaustiva su questa tematica e ha messo a punto la piattaforma SPOT (Sub-Threshold Power Optimised) che rappresenta la base dei microcontrollori della serie Apollo.

Questa tecnologia assicura l’impiego dei livelli di tensione e di corrente più adatti durante ogni fase del ciclo di vita del microcontrollore, indipendentemente dalla strategia adottata per il duty-cycle.

Mike Salas, vice president marketing di Ambiq Micro



Contenuti correlati

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • Comunicazione wireless tra microcontrollori con il protocollo ESP-NOW

    In questo articolo viene descritto un progetto dimostrativo (rielaborato da uno dei tutorial di randomnerdtutorials.com) con cui viene trattato il tema della trasmissione dati tra due microcontrollori, ovvero la comunicazione wireless bidirezionale tra i moduli WiFi ESP8266 mediante...

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Bilanciamento tra consumi e prestazioni nei sistemi embedded

    Questo articolo mette in evidenza l’importanza degli FPGA come elementi in grado di supportare l’evoluzione delle tecnologie di prossima generazione, capaci di garantire prestazioni efficienti dal punto di vista energetico in molte nuove applicazioni caratterizzate da alti...

  • Sistemi embedded: 7 tool di simulazione per accelerare sviluppo e verifica

    Sistemi elettronici sempre più complessi stanno rendendo impegnativi sviluppo, test e verifica del software embedded. Per semplificare il lavoro degli sviluppatori sono comunque disponibili nel settore diversi strumenti di simulazione dei componenti hardware o dell’intero sistema. Qui...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • I microcontrollori M3H di Toshiba

    Toshiba Electronics Europe ha comunicato di aver avviato la produzione in serie di 21 nuovi microcontrollori del gruppo M3H quali nuovi prodotti nella classe avanzata della famiglia TXZ+, realizzati con un processo da 40 nm. Il gruppo...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

Scopri le novità scelte per te x