Xcelerator, la via più breve al progetto di semiconduttori

Pubblicato il 23 maggio 2022

I semiconduttori, è noto, rappresentano il “nucleo centrale” delle maggior parte dei prodotti elettronici che vengono introdotti nel mercato e sono gli artefici della trasformazione digitale. Si pensi a esempio al contenuto dei chip nelle automobili, dove si è passata da una media di 624 dispositivi (per un valore di 307 dollari) del 2010 a una media di 997 dispositivi (per un valore di 499 dollari) del 2021. La corsa è destinata a continuare: entro il 2030 su un’auto saranno presenti 1227 chip per un valore complessivo di 758 dollari.

In linea generale – ha affermato Ravi Subramanian, senior vice president and general manager of IC verification solutions di Siemens EDA in un recente incontro con la stampa – i semiconduttori rappresentano il 25% del contenuto dei sistemi elettronici”.

Anche per le grandi società che realizzano sistemi il silicio ha assunto un ruolo sempre più importante e molto spesso producono “in casa” i propri chip. Basti considerare che ora rappresentano una quota del 23% dei wafer prodotti dalle fonderie, contro pochi punti percentuale di qualche anno fa.

L’importanza del “gemello digitale”

Ravi Subramanian, senior vice president and general manager of IC verification solutions, Siemens EDA

“In parole semplici – ha spiegato Subramanian – si tratta di sfruttare la digitalizzazione per generare la miglior rappresentazione virtuale possibile del mondo fisico”. Il “digital twin”, concetto nato decenni fa nel mondo della progettazione meccanica, consente alle società di effettuare verifiche esaustive sul modello digitale dei loro prodotti prima di inviarli in produzione. “Al giorno d’oggi rappresenta uno dei modelli fondamentali della tecnologia PLM (Product Lifecycle Management). La sua estensione al campo della progettazione di circuiti integrati e sistemi elettronici è una logica conseguenza. “Grazie ai digital twin – ha spiegato Subramanian – le aziende possono verificare i progetti dei loro circuiti integrati in mod poiù semplice e nel contesto del sistema finale”.

Per i progettisti con notevole esperienza nel campo della progettazione di circuiti integrati, il fatto che il gemello digitale sia fondamentale per il progresso della progettazione di semiconduttori innovativi potrebbe apparire scontata. Dopotutto, i classici tool Eda hanno generato rappresentazioni digitali sempre più accurate dei progetti di circuiti integrati per svariati decenni.

Complici l’aumento della complessità dei processi produttivi e la domanda di tecnologie sempre più avanzate, è diventato sempre più difficile per le aziende progettare, verificare e convalidare i prodotti. “Per questo motivo riteniamo che il gemello digitale rappresenti una metodologia che consente di effettuare cicli di verifica e validazione di circuiti integrati più completi e in modo più rapido, dando così la possibilità di realizzare prodotti di livello qualitativo più elevato in tempi più brevi”.

Un altro concetto che si sta affermando nel mondo della progettazione di circuiti integrati è quello di “silicon lifecycle” che, come ha confermato Subramanian, rappresenta un vero e proprio punto di svolta. “Grazie all’integrazione di hardware di monitoraggio avanzato negli odierni SoC sempre più complessi gli utenti hanno accesso a funzionalità analitiche “fab-to-field” che consentono di accelerare il bring-up, ottimizzare le prestazioni del prodotto e convalidare la conformità del funzionamento del progetto con le specifiche stabilite in termini di sicurezza sia funzionale sia informatica”.

I tre pilastri della digitalizzazione

Per tradurre in pratica il concetto di digitalizzazione, la strategia di Siemes EDA si basa sullo scaling a livello di tecnologie di processo, design e sistema. Per quanto concerne il primo aspetto, ovvero lo scaling a livello di tecnologie di processo, la società lavora a stretto contatto con i propri partner (sia clienti sia fonderie) per fornire soluzioni a livello di signoff, DFM, litografia e test per ogni nodo di processo emergente. “Siamo anche in grado di offrire soluzioni per lo sviluppo di packaging avanzati 2,5/3D a tutti quei clienti che vogliono raggiungere densità “More than Moore”.

Per quanto riguarda lo scaling a livello di design, il concetto chiave è l’integrazione e la definizione del giusto bilanciamento dell’architettura hw/sw dei SoC. Nel momento in cui le aziende adottano un approccio più olistico alla progettazione e integrano sempre più funzionalità AI/ML (dove l’intelligenza artificiale, secondo Subramanian, permetterà alle aziende di ottenere informazioni più dettagliate dai dati in loro possesso contribuendo a creare valore aggiunto), coloro che sono impegnati alla definizione dell’architettura possono sviluppare algoritmi matematici che rappresentano le funzionalità del sistema o le funzioni AI/ML da implementare.

“Invece di passare a progettare direttamente il silicio a livello RTL – ha spiegato Subramanian – possono implementare l’algoritmo matematico in codice C e farlo girare su sistema di prototipazione basato su FPGA, SoC o processore per valutare quali parti dell’algoritmo vengono eseguite più velocemente e quali meno”. Per accelerare le parti “più lente” dell’algoritmo e ottenere i risultati desiderati in termini di PPA, possono utilizzare un tool come Catapult HLS per implementare questi parti sotto forma di porte logiche nel progetto del SoC e far girare il resto dell’algoritmo in software nel processore embedded del SoC.

In termini di scaling a livello di sistema, uno dei fattori chiave dell’acquisizione di Mentor da parte di Siemens, l’espansione dei processi di verifica e validazione consentirà la verifica dei progetti anche all’interno dei loro spazi applicativi e in ambienti virtuali (il gemello digitale).

 

La gamma Xcelerator

Per aiutare le aziende di ogni dimensione a trasformarsi in realtà digitali Siemens Eda ha sviluppato il portfolio più ampio e specifico di software per la progettazione elettronica e meccanica, la simulazione di sistemi, la produzione, la gestione operativa e l’analisi del ciclo di vita. Xcelerator integra ora questa offerta con strumenti e database embedded collegati ad ambienti esistenti di informatica, automazione e ingegneria (IT, OT ed ET), realizzando così flussi di lavoro unici che sfruttano un’ampia parte della tecnologia Siemens.

.Filippo Fossati



Contenuti correlati

  • Sistemi embedded: 7 tool di simulazione per accelerare sviluppo e verifica

    Sistemi elettronici sempre più complessi stanno rendendo impegnativi sviluppo, test e verifica del software embedded. Per semplificare il lavoro degli sviluppatori sono comunque disponibili nel settore diversi strumenti di simulazione dei componenti hardware o dell’intero sistema. Qui...

  • Agricoltura subacquea grazie alle soluzioni digital twin di Siemens

    Siemens Digital Industries Software ha annunciato che Nemo’s Garden, una startup focalizzata sulla coltivazione subacquea sostenibile delle colture, ha implementato il portafoglio Xcelerator di software e servizi di Siemens per abbreviare i suoi cicli di innovazione e...

  • Lockheed Martin Aeronautics ha adottato il portafoglio Xcelerator di Siemens

    Il portafoglio di software e servizi Xcelerator di Siemens è stato scelto da Lockheed Martin Aeronautics per sostenere la sua trasformazione digitale relativa all’ingegneria. Grazie a un contratto pluriennale, l’azienda prevede di utilizzare Xcelerator, che offre la...

  • Il software Capital di Siemens è stato scelto da Airbus

    Il produttore di aerei Airbus ha scelto il software di sviluppo di sistemi elettrici/elettronici (E/E) Capital del portafoglio Xcelerator di Siemens per accelerare la progettazione e l’adozione di nuovi processi. Capital infatti fornisce un vero gemello digitale...

  • Progettazione di un circuito a bandgap robusto e affidabile grazie a una rapida e accurata verifica variation-aware

    Questo articolo illustra come un gruppo di design Smart Power di STMicroelectronics ha utilizzato Solido Variation Designer per garantire che il blocco del circuito a bandgap, sempre presente nella maggior parte delle applicazioni analogiche e smart power,...

  • Da Siemens una soluzione per accelerare la produzione di PCB

    Siemens ha presentato PCBflow, una soluzione basata su cloud per accelerare il passaggio dalla progettazione alla produzione per i circuiti stampati. PCBflow estende l’offerta Siemens Xcelerator con un ambiente per i team di progettazione di circuiti stampati...

  • Siemens annuncia Simcenter 3D 2021

    Siemens  ha annunciato la disponibilità di una nuova release del software Simcenter 3D, parte della piattaforma Xcelerator. Simcenter 3D, nella release 2021, migliora ulteriormente la propria piattaforma unificata e condivisa per la progettazione, il testing e la...

  • Capital Load Analyzer per il settore aerospaziale

    Siemens ha rilasciato, tramite la sua divisione Mentor, il software Capital Load Analyzer per la riduzione dei rischi connessi alla certificazione e conformità alla normativa elettrica nel settore aerospaziale. Capital Load Analyzer è stato concepito per agevolare...

  • Cadlog entra a far parte del Partner Program di Omnify Software

    Omnify Software, fornitore di software PLM (Product Lifecycle Management – gestione del ciclo di vita del prodotto) basato su web, ha annunciato che Cadlog, distributore  di software EDA (Electronic Design Automation) e MES (Manufacturing Execution System) dell’Europa...

  • Ptc commenta i risultati del secondo trimestre

    I risultati non-GAAP del secondo trimestre non comprendono costi di ristrutturazione di 10 milioni di dollari, 7 milioni di dollari di spese di compensazione legate ai titoli, 9 milioni di dollari di spese di ammortamento di beni...

Scopri le novità scelte per te x