Vodafone punta su Cobra per l’espansione nel mondo M2M

La società di Varese diventa il polo R&D d’eccellenza mondiale dell’operatore mobile per la tecnologia M2M, i servizi telematici e i sistemi elettronici automotive

Pubblicato il 13 marzo 2015

In Italia il settore ’smart car’, o delle automobili connesse, è una delle aree applicative più mature, quando si parla di Internet of Things (IoT). E l’operatore mobile Vodafone sta puntando proprio sull’Italia per creare un polo tecnologico d’eccellenza mondiale nella tecnologia M2M (machine-to-machine) in campo automotive, che fornirà prodotti e servizi di nuova generazione, avvalendosi del consolidato know-how e delle raffinate competenze che Cobra Automotive Technologies possiede nel settore dell’elettronica dedicata a questo ambito. Infatti, a seguito di un’operazione di acquisizione avvenuta nell’agosto dello scorso anno, Cobra è divenuta parte del gruppo Vodafone.

1-Erik Brenneis-M2M DirectorGruppo Vodafone

Erik Brenneis, M2M director, Gruppo Vodafone

La società ha sede a Varese e attualmente conta 550 addetti solo in Italia, di cui 200 dedicati all’area R&D. A Varese si svolgono tutte le attività di sviluppo hardware, oltre che quelle di produzione e test dei sistemi, mentre nella sede di Busto Arsizio è gestita la maggior parte dello sviluppo software.

L’eccellenza di Cobra nei servizi di sicurezza e telematica per il settore automobilistico deriva da una storia nell’area industriale di Varese lunga 40 anni. Già nel ’75 (sotto la ragione sociale di ’Delta Elettronica S.a.s’) l’azienda è una delle prime in Italia a progettare e commercializzare sistemi di allarme e antifurto per auto. Nel tempo le attività si estendono verso lo sviluppo di soluzioni automotive per la sicurezza, e di servizi di localizzazione dei veicoli.

Come gruppo internazionale, presente in Brasile, Italia, Francia, Germania, Spagna, Svizzera e Regno Unito, Cobra opera attraverso due divisioni: Cobra Telematics Services sviluppa infrastrutture telematiche e fornisce servizi, mentre Cobra Electronic Systems progetta, produce e commercializza sistemi elettronici e componenti. In Europa Cobra fornisce tradizionalmente servizi telematici alle principali case automobilistiche (Audi, Bentley, Ducati, Ferrari, Gruppo Piaggio, Infiniti, Lamborghini, Maserati, Mc Laren, Mercedes-Benz Trucks, Nissan, Porsche, Renault, Tesla). Dal 2007 fornisce servizi telematici alle società di assicurazioni che, tramite l’installazione in auto di ’scatole nere’, sono in grado di fornire ai propri clienti polizze di tipo pay-per-use o pay-as-you-drive.

Oggi, ha spiegato Erik Brenneis, Machine to Machine director gruppo Vodafone, il mercato globale M2M cresce rapidamente: solo lo scorso anno, a livello mondiale, il tasso di adozione di soluzioni M2M è salito dell’80%. Un comparto in cui Vodafone, stando alle analisi della società di ricerche Gartner, si colloca tra i player di primo piano, ma vuol continuare a espandersi.

Se nel periodo 2013-2014, nel mondo, le connessioni M2M attive tramite SIM (SIM M2M) di Vodafone risultavano essere oltre 16 milioni, sfruttando la sinergia derivante dall’apporto tecnologico di Cobra, l’operatore prevede un’ulteriore spinta stimando, per il 2014-2015, il raggiungimento di oltre 20 milioni di connessioni M2M, con una crescita pari al 21%.

In Italia le connessioni M2M che Vodafone gestisce via SIM sono già oltre 2,8 milioni, e ciò corrisponde a una crescita del 132% in termini di volumi, tra il 2013 e il 2014. Le case automobilistiche stanno richiedendo nuovi servizi innovativi (connettività all’interno del veicolo, diagnostica, servizi di infotainment, localizzazione, sicurezza), ha aggiunto Brenneis e, attraverso Cobra, Vodafone sarà in grado di fornire loro, in funzione delle esigenze, sia soluzioni end-to-end, complete, sia sistemi di tipo modulare.

Nella foto: Il sito produttivo di Varese di Cobra Automotive Technologies

Giorgio Fusari



Contenuti correlati

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

  • I microcontrollori a 8 bit hanno ancora un ruolo chiave nel mondo IoT

    L’utilizzo di una MCU a 8 bit durante la progettazione di nodi edge rappresenta una soluzione a basso costo, con consumi ridotti, intelligente (ma non dedicata all’IoT) e in grado di gestire compiti ausiliari e di gestione della potenza...

  • Collaborazione fra Juniper Networks, Vodafone e Parallel Wireless per la sperimentazione Open RAN

    La sperimentazione con controller RAN intelligenti (RAN Intelligent Controller, RIC) multimarca per applicazioni di controllo degli accessi basate sull’utenza è alla base della collaborazione annunciata fra Juniper Networks, Vodafone e Parallel Wireless. La sperimentazione, inizialmente avviata nei...

  • Circuiti integrati a segnali misti: tra analogico e digitale

    Telefonia mobile, IoT e automotive sono i principali propulsori della domanda di circuiti analogici, digitali e a segnali misti con caratteristiche di basso consumo e ingombro ridotto Leggi l’articolo completo su EO 499

  • Spazi abitativi sempre più intelligenti e protetti

    Ai nostri giorni, lavastoviglie, frigoriferi, lavatrici, condizionatori d’aria, macchine per caffè e una miriade di altri dispositivi domestici sono sempre più spesso preceduti dalla parola “smart” Leggi l’articolo completo su EO 499

Scopri le novità scelte per te x