Vicor presenta le Soluzioni WiBotic per Autonomous Wireless Charging

Pubblicato il 4 giugno 2020

Mano a mano che le flotte robotiche ridefiniscono il concetto stesso di industria della logistica, consegna e verifica, sta aumentando la richiesta di soluzioni di ricarica più efficienti e flessibili e, allo stesso tempo, sta diminuendo la possibilità che queste flotte possano essere gestite manualmente e ricaricate ad hoc tramite la rotazione del personale 24/7. Il prossimo passo è quello verso una maggiore autonomia, in cui le normali operazioni possano essere eseguite senza intervento umano, ed è qui che entra in gioco WiBotic.

WiBotic offre una soluzione di ricarica wireless dinamica per un’autonomia di prossima generazione

L’azienda, infatti, con sede a Seattle, WA, fornisce soluzioni di ricarica wireless e ottimizzazione della potenza che sono parte integrante delle funzioni di  ricarica dell’ecosistema in rapida crescita di robot aerei, mobili, marittimi e industriali. Una gamma di soluzioni consente ai robot e ai veicoli UV (unmanned vehicles) di essere ricaricati tramite stazioni di ricarica wireless, eliminando la necessità per gli operatori umani di collegare fisicamente i robot ai caricatori.  Inoltre, la tecnologia di ricarica wireless riduce l’usura dei punti di connessione fisici a causa dell’utilizzo reiterato, i rischi di inciampo per i cavi di alimentazione e stazioni di ricarica montate a pavimento, oltre a ridurre lo spazio necessario per i locali di ricarica dedicati. Le soluzioni di ricarica wireless WiBotic sono progettate per facilitare un funzionamento “many-to-many”, per cui più robot (anche di produttori diversi) possono essere ricaricati dallo stesso trasmettitore in momenti diversi. In alternativa, un’intera flotta di robot può spostarsi liberamente attraverso una rete di trasmettitori in diversi punti all’interno di un magazzino. In breve, qualsiasi robot può ricaricarsi da qualsiasi stazione, anche se i robot hanno diverse tipologie di chimica della batteria, diverse tensioni e correnti di ricarica.

Il regolatore Vicor Zero-Voltage Switching (ZVS) alimenta l’innovazione nella ricarica wireless

Vicor ha contribuito a progettare e alimentare il kit di sviluppo a basso consumo di Wibotic

Il  48V VI Chip PRM Regulator di  Vicor è un convertitore ad alta efficienza da 400W che opera da un ingresso 36-75V per generare un’uscita regolata. Il dispositivo alimenta il trasmettitore a regolazione adattiva a bordo della stazione di ricarica wireless WiBotic TR 110, che fornisce energia in modalità wireless al ricevitore a bordo del robot o UV.  Il PRM accetta 48V da un alimentatore AC-DC  e la tensione di uscita è controllata e regolata in modo adattativo da circa 20 a 55 V.

Il PRM Vicor  consente una conversione costante e ad alta efficienza su tutta la gamma di impedenze, supportando in modo flessibile le modalità di “carica” e di “mantenimento” senza cadute apprezzabili dell’efficienza a livelli di potenza inferiori: un parametro di riferimento critico delle prestazioni che i componenti di potenza concorrenti non sono riusciti a raggiungere. Questa capacità di conversione ad alta efficienza ha portato ad una temperatura massima del dispositivo costante tra  40 e 45 ° C, contribuendo ad eliminare i vincoli di gestione termica alle diverse potenze operative. WiBotic offre una soluzione di ricarica dinamica che consente una autonomia di prossima generazione. Liberati dalle limitazioni dei processi di ricarica gestiti manualmente, questi dispositivi possono raggiungere nuovi livelli di funzionalità e produttività, senza che ci siano vincoli di potenza a limitarli.

Scopri di più sulla ricarica wireless WiBotic application.



Contenuti correlati

  • Calcolo adattivo per applicazioni intelligenti a bordo rete

    Le soluzioni di elaborazione adattabile per l’IA disponibili in commercio hanno consentito ad applicazioni come l’assistenza avanzata alla guida, la robotica, la fabbricazione intelligente e l’imaging medicale di compiere straordinari passi in avanti. Inizialmente più adatta ai...

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Vicor al WCX 2022 di Detroit

    Il World Congress Experience (WCX), l’evento globale di ingegneria automobilistica che si terrà a Detroit il 5 Aprile 2022, sarà utilizzato da Vicor per trattare tre nuovi approcci per alimentare gli xEV. Le soluzioni Vicor, che utilizzano...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

  • I microcontrollori a 8 bit hanno ancora un ruolo chiave nel mondo IoT

    L’utilizzo di una MCU a 8 bit durante la progettazione di nodi edge rappresenta una soluzione a basso costo, con consumi ridotti, intelligente (ma non dedicata all’IoT) e in grado di gestire compiti ausiliari e di gestione della potenza...

  • Circuiti integrati a segnali misti: tra analogico e digitale

    Telefonia mobile, IoT e automotive sono i principali propulsori della domanda di circuiti analogici, digitali e a segnali misti con caratteristiche di basso consumo e ingombro ridotto Leggi l’articolo completo su EO 499

Scopri le novità scelte per te x