Userbot punta a un milione di euro di investimenti

Pubblicato il 17 giugno 2019

Userbot, la prima scaleup italiana dell’AI, ha in corso un nuovo round di investimento in equity crowdfunding da 1 milione di euro e l’obiettivo di sbarcare entro l’anno sul mercato anglofono.

Questa azienda, partecipata dal Politecnico di Milano attraverso Polihub, lavora con gruppi come per esempio Open Fiber, Fendi e Pirelli e in meno di un mese ha già raccolto mezzo milione di euro.

L’obiettivo principale di Userbot è quello di aiutare le aziende, sia le imprese più piccole fino a 50 milioni di fatturato che le grandi corporation, a gestire in maniera migliore e più efficace le proprie conversazioni con i clienti e tutti i processi più ripetitivi sfruttando l’intelligenza artificiale

Questa startup è stata fondata da Antonio Giarrusso, Jacopo Paoletti, Marco Muracchioli e Ricardo Antonio Piana e ha recentemente vinto 2 premi su 5 IMSA 2019 conferiti da PNICube, l’associazione che riunisce tutti gli incubatori delle università italiane.

Le differenze sostanziali tra Userbot e altri competitor sono la tecnologia alla base e l’estrema semplicità d’uso. La piattaforma è un ecosistema in grado di contenere le intelligenze artificiali, standardizzate o personalizzate dei clienti, supportandole con una serie di strumenti integrati per il customer service, l’help desk e la marketing automation.

I nuovi fondi serviranno per far crescere Userbot in due direzioni: da un lato quello del software as a service per le piccole e medie imprese, dall’altro quella dell’internazionalizzazione verso il mercato anglofono, che, come sottolinea l’azienda, ha una predisposizione all’acquisto online molto maggiore di quella italiana.



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x