Radio operanti nelle bande coperte da licenza: sono ancora necessarie?

Pubblicato il 2 luglio 2019

Al giorno d’oggi ciascuno di noi porta con sé oppure indossa almeno un dispositivo che è una sorgente di comunicazioni radio. Spesso questo numero sarà sicuramente superiore e in molti casi un singolo dispositivo avrà diversi tipi di interfacce RF. Si provi ora a fare un salto indietro di una trentina di anni quando la più comune, se non l’unica forma di radio frequenza conosciuta era quella utilizzata per la diffusione e la ricezione dei segnali radiofonici e televisivi. A quei tempi quasi nessuno avrebbe potuto immaginare l’importanza che avrebbe assunto la tecnologia wireless nella vita quotidiana di ogni individuo. Oggigiorno, molto semplicemente, la stragrande maggioranza delle persone non potrebbe concepire un’esistenza priva di dispositivi wireless.

L’evoluzione delle tecnologie che operano nelle bande liberamente utilizzabili senza licenze (license free) come ad esempio la banda ISM (Industrial, Scientific, Medical) – nota anche come banda a 2,4 GHz – è in larga misura responsabile della crescita esponenziale delle comunicazioni wireless. In ogni caso è bene ricordare che tutte ha avuto inizio nelle bande coperte da licenze e sotto la stretta supervisione delle Autorità governative. Nonostante le apparenze sembrino dimostrare il contrario, tutte le trasmissioni radio sono soggette a normative e l’illusione di una complete libertà è dovuta molto semplicemente alla facilità di accesso offerto dalle tecnologie “license-free” nella banda ISM.

L’importanza della QoS

Viceversa, è lecito presumere che ogni tecnologia wireless, anche quelle non soggette a una licenza di un operatore come ad esempio Bluetooth, Wi-Fi e ZibBee garantiscano livelli di affidabilità, robustezza e servizio del tutto assimilabili a quelle che operano all’interno di bande coperte da licenze. Nel suo complesso questo tipo di affidabilità viene indicata con il termine QoS (Quality of Service – Qualità del servizio). Ma non bisogna dimenticare che se ogni tecnologia wireless ha una QoS associata, non tutte le tecnologie garantiscono la stessa qualità del servizio.

Per molti il fatto che una tecnologia wireless operante in una banda libera da licenze non garantisca una qualità del servizio molto elevata non rappresenta una sorpresa. Dopotutto di tratta di una porzione particolarmente affollata dello spettro a causa della coesistenza di un numero enorme di dispositivi Bluetooth e Wi-Fi. Ciò che probabilmente può sembrare più sorprendente è il fatto che le tecnologie che operano all’interno di bande coperte da licenze, come ad esempio le reti cellulari dalle quali le persone sono fortemente dipendenti, possono incontrare molte difficoltà nel mantenere un’elevata QoS. Non è raro il caso in cui le reti di operatori nazionali di grandi dimensioni subiscano interruzioni totali per periodi di tempo prolungati: ciò non solo provoca malcontenti nei consumatori, ma può creare problemi anche di una certa entità ai tutti gli utenti che utilizzano la rete per i loro servizi IoT o M2M.

Ancora più importante è il fatto che qualsiasi servizio radio che utilizza una tecnologia che opera su bande libere da licenze o soluzioni che sfruttano una banda coperta da licenze a elevata intensità di traffico come ad esempio una rete cellulare potrebbe incontrare seri problemi nel caso di applicazioni critiche dal punto di vista temporale o della sicurezza con il livelli di QoS offerti da questi operatori. Anche se una soluzione che utilizza una banda coperta da licenza, come appunto quella cellulare, garantisce elevati livelli di QoS, qualsiasi contratto SLA (Service Level Agreement – ovvero relativo al livello di servizio che deve essere rispettato) stipulato con il fornitore prevede eccezioni ed esclusioni. Per i consumatori una situazione di questo tipo si può presentare sotto forma di una copertura inefficiente nelle aree rurali, ma per i clienti che utilizzano la rete per i servizi IoT la situazione potrebbe risultare nettamente più delicata.

Una valida alternativa

L’alternativa è rappresentata dall’uso di una tecnologia radio che opera in una banda coperta da licenza e sia progettata per garantire un elevato livello di QoS in applicazioni IoT, M2M e commerciali. Le applicazioni vocali, in particolare, sono sensibili ai livelli di QoS. I servizi di emergenza possono usare i dispositivi cellulari come soluzione di riserva (fall back), ma ancora oggi operano principalmente sfruttando radio PMR (Private Mobile Radio) nella banda coperta da licenze. Anche se è disponibile una banda libera da licenze per questo tipo di apparati, come accade per la maggior parte delle tecnologie “license free”, è soggetta a fenomeni di sovraffollamento e a limitazioni notevoli in termini di potenza di trasmissione, con conseguente riduzione della distanza di trasmissione (range). Le soluzioni che operano nella banda coperta da licenze sono invece state ottimizzate per la particolare applicazione considerata e garantiscono elevati livelli di sicurezza, affidabilità e robustezza.

Le tecnologie wireless “license free” hanno contribuito senza dubbio a ridefinire il modo di vivere di ciascuno di noi. In ogni caso è ancora lontano il momento in cui scompariranno le soluzioni radio che operano su bande coperte da licenze. A un’adozione sempre più massiccia di dispositivi wireless corrisponderà verosimilmente una dipendenza ancora maggiore dagli elevati livelli di QoS offerti da soluzioni operanti in porzioni dello spettro RF che richiedono una licenza. In ultima analisi, si tratta della forma definitiva di QoS.

David Brooke Wireless Voice and Data Product Manager (nella foto)



Contenuti correlati

  • Collaborazione fra Nozomi Networks e WALLIX per soluzioni avanzate di cybersecurity

    Nozomi Networks e WALLIX hanno annunciato la loro collaborazione focalizzata sull’offerta di soluzioni in grado di garantire sicurezza nelle reti OT. Combinando le soluzioni WALLIX e Nozomi Networks, è possibile ottenere visibilità e tracciabilità end-to-end per la...

  • Le migliori applicazioni per l’IoT nel nuovo mondo degli IC di power management: una panoramica

    Questo articolo analizza la tecnologia delle batterie per l’Internet of Things (IoT). Descrive alcuni dei problemi di alimentazione che i progettisti devono affrontare e fornisce le soluzioni proposte da Analog Devices. Queste soluzioni sono altamente efficienti e...

  • La quarta edizione del sondaggio sull’IoT di Farnell

    Farnell ha presentato i risultati della sua quarta indagine annuale sull’IoT globale, che evidenzia, fra l’altro, una forte crescita dell’IoT in un’ampia gamma di settori. In particolare, quest’anno si è assistito a un cambiamento radicale nell’atteggiamento verso...

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

  • I microcontrollori a 8 bit hanno ancora un ruolo chiave nel mondo IoT

    L’utilizzo di una MCU a 8 bit durante la progettazione di nodi edge rappresenta una soluzione a basso costo, con consumi ridotti, intelligente (ma non dedicata all’IoT) e in grado di gestire compiti ausiliari e di gestione della potenza...

Scopri le novità scelte per te x