Partnership strategica tra Nowi e Murata per piattaforme di energy harversting con la tecnologia LoRa

Pubblicato il 31 maggio 2021

L’importanza delle tecniche di energy harvesting sta diventando sempre più evidente, in quanto rivestono un ruolo cruciale per garantire una maggiore durata, usabilità e sostenibilità dei dispositivi IoT.

In questo contesto Murata e Nowi hanno stipulato un accordo strategico per consentire e semplificare lo sviluppo di piattaforme IoT sostenibili e autonome dal punto vista energetico da utilizzare come soluzioni di tipo “Plug & Forget”.

L’obiettivo di questa cooperazione è quello di introdurre sul mercato progetti e piattaforme di riferimento che utilizzano i moduli LoRa di Murata e alimentati dai PMIC di Nowi, espressamente ideati per applicazioni di energy harvesting.

La piattaforma modulare, di dimensioni pari a 60×65 mm, è progettata per ottimizzare la versatilità in fase di sviluppo per gli utenti finali e supporta la connettività basata sullo standard LoRA grazie all’integrazione dei moduli 1SJ or ABZ di Murata che permettano l’invio dei dati provenienti dal sensore esterno inserito nello circuito presente a bordo. Grazie all’abbinamento con il PMIC per energy harvesting NH2 di Nowi, questa piattaforma consente di sviluppare in modo semplice, veloce e con costi contenuti prodotti autonomi dal punto di vista energetico dotati di connettività LoRa.

Il PMIC NH2 di Nowi è stato ideato per estrarre, nel modo più efficiente possibile, l’energia da sorgenti ambientale per caricare un’ampia gamma di elementi di energy storage.

La funzionalità MPPT (Maximum Power Point Tracking), efficiente e ottimizzata, abbinata ai modem LoRa di Murata caratterizzati da bassissimi consumi, consente la realizzazione di sistemi sostenibili. Oltre a ciò il PMIC NH2 assicura la massima semplicità d’uso, grazie alla facilità di implementazione in fase di sviluppo.

Il modulo Type 1SJ è una soluzione modem LoRa WAN autonomo (o in opzione controllato mediante comandi AT) di dimensioni pari a 10x8x1,6 mm e basato sull’integrato in radiofrequenza di seconda generazione di Semtech, (RFIC) SX1262. Il dispositivo prevede parecchie modalità a basso consumo che consentono il funzionamento dell’RTC (Real Time Clock) con assorbimenti di corrente di soli 1,3 µA (valore tipico). Il package in resina stampata che garantisce una notevole robustezza e il funzionamento nell’intervallo di temperatura compreso tra-40 e +85ºC completano il profilo di questo dispositivo.

Di dimensioni pari a 12,5×11,6×1,76 mm, l’altro modulo compatto Type ABZ di Murata ha un package con schermatura metallica che integra il transceiver wireless SX1276 di Semtech, un dispositivo in grado di comunicare su lunghe distanze utilizzando la tecnica a dispersione di spettro (spread spectrum).

Entrambi i modem sono integrati con un microcontrollore (MCU) a 32 bit della serie STM32L0 di STMicro basato su un core ARM Cortex M0+. Il microcontrollore, equipaggiato con 192 kB di flash e 20 kB di RAM, dispone di risorse di memoria sufficienti per integrare applicazioni dell’utilizzatore e ospitare altri stack di modulazione.

“La tecnologia di energy harvesting, l’elevata efficienza della funzionalità MPPT e le ridotte dimensioni – ha detto Koichi Sorada, Product Manager, IoT Connectivity Modules di Murata – fanno dei PMIC di Nowi la scelta più adatta per alimentare i nostri modem LoRa, che sono i più piccoli al mondo. Questa collaborazione si pone l’obiettivo di supportare in maniera ancora più efficace i clienti a sviluppare in tempi brevi soluzioni LoRa di tipo Plug and Forget compatte ed efficienti dal punto di vista energetico”.

“Grazie all’abbinamento tra piccolissime dimensioni ed elevate prestazioni – ha detto Simon van der Jagt, CEO di Nowi – il modem 1SJ LoRaWAN di Murata permette di sfruttare al meglio tutti i vantaggi del nostro PMIC. Questa cooperazione permetterà alle aziende di sviluppare in tempi brevi prodotti connessi e autonomi dal punto di vista energetico minimizzando costi, numero di componenti richiesti e complessità.”



Contenuti correlati

  • L’evoluzione dei condensatori ceramici

    I condensatori ceramici devono soddisfare molteplici requisiti: struttura più compatta, ampi intervalli di temperatura, maggiore efficienza, tolleranze più rigorose, funzionalità ottimizzate e frequenze più elevate, senza dimenticare la richiesta di versioni specifiche per la particolare applicazione considerata...

  • LPWAN: il 5G per l’IoT

    Le reti WAN Low Power giocano un ruolo fondamentale nell’implementazione dell’Internet of Thing in seno alla rivoluzione 5G Leggi l’articolo completo su Embedded 81

  • I nuovi condensatori in silicio a elevata densità di Murata

    Murata  ha aggiunto alla sua offerta nuovi condensatori realizzati mediante le più recenti tecnologie di processo su silicio e caratterizzati da una densità di 1,3 µF/mm. Si tratta di componenti destinati ai mercati dei dispositivi mobili e...

  • Accordo di collaborazione tra Murata e Pycom

    Murata e Pycom hanno stretto una collaborazione strategica che permetterà di ridurre del 70% circa il tempo necessario per l’implementazione di progetti IoT. A partire da settembre gli utenti impegnati nello sviluppo di progetti IoT potranno utilizzare...

  • Murata: convertitori DC-DC surface-mount da 2W

    La nuova famiglia MGJ2 di Murata  è formata da 9 convertitori DC-DC, ciascuno con uscita nominale di 2 W. Sono componenti surface-mount disponibili in forma di moduli compatti e a basso profilo con dimensioni di 19,49×14,99×4,39 mm....

  • Da Murata nuovi termistori miniaturizzati con elevata velocità di risposta

    Murata ha presentato un nuovo termistore PTC (Positive Temperature Coefficient) miniaturizzato a montaggio superficiale per il rilevamento di sovratemperature., Siglato PRF03BB541NB7RL questo componente è ottimizzato per l’integrazione in numerosi apparati e prodotti elettronici consumer come per esempio...

  • I nuovi induttori di Murata per applicazioni PoC in ambito automotive

    Murata ha presentato una serie di induttori ad elevata impedenza su larga banda e conformi alle specifiche AEC-Q200. I nuovi induttori LQW21FT_0H di Murata sono stati espressamente progettati per applicazioni PoC (Power over Coax). Oltre agli elevati...

  • Murata: convertitori DC/DC ad alta densità di potenza

    I nuovi convertitori DC/DC IRH-W80 (250 W) e IRQ-W80 (150 W) di Murata sono stati progettati per l’uso in applicazioni embedded nei settori industriale e ferroviario (sono conformi ai requisiti previsti dallo standard EN50155). Si tratta di...

  • Da Murata un kit multistack per LPWAN

    Murata, in collaborazione con il partner tecnologico Sentinum, ha realizzato Yamori, un kit di sviluppo multistack per l’implementazione di reti LPWAN (Low-Power Wide Area Network). Questo kit integra una serie di moduli wireless sviluppati da Murata per...

  • Le ferrite bead miniaturizzate di Murata per applicazioni automotive

    La nuova serie di ferrite bead miniaturizzate BLM18KN-EH di Murata è destinata all’uso in applicazioni automotive per varie centraline elettroniche (ECU) come per esempio quelle per il controllo della trasmissione, del motore e controllori di motori turbo....

Scopri le novità scelte per te x

  • L’evoluzione dei condensatori ceramici

    I condensatori ceramici devono soddisfare molteplici requisiti: struttura più compatta, ampi intervalli di temperatura, maggiore efficienza, tolleranze...

  • LPWAN: il 5G per l’IoT

    Le reti WAN Low Power giocano un ruolo fondamentale nell’implementazione dell’Internet of Thing in seno alla rivoluzione...