Omdia: Covid-19 e le previsioni di crescita dei semiconduttori

Pubblicato il 14 maggio 2020

Nel 2020 la crisi del coronavirus intaccherà pesantemente la crescita del business globale dei semiconduttori; questa prospettiva, aggravata dalla minaccia incombente di una recessione globale, spinge Omdia a tagliare le sue previsioni di mercato, nonostante l’aumento della domanda di chip dal settore medico.

Stando infatti al report di Omdia Application Market Forecast Tool” (AMFT), il mercato dei semiconduttori – al netto dei circuiti integrati di memoria – a livello mondiale, decrescerà del 5% nel 2020. Comprendendo anche le performance dei circuiti integrati, le entrate globali si attesteranno intorno ai 439,3 miliardi di dollari nel 2020, in aumento del 2,5% rispetto a 428,5 miliardi del 2019. Si tratta di una riduzione significativa rispetto alle precedenti stime di Omdia, che aveva ipotizzato per l’anno in corso una crescita del 5,5%.

“Omdia ha notevolmente ridotto le previsioni sui semiconduttori poiché le ripercussioni del coronavirus sull’economia globale sono diventate più articolate e pervasive”, ha affermato Myson Robles-Bruce, research analyst, semiconductor value chain di Omdia. “Con il Giappone già in fase di recessione e gli Stati Uniti e l’Europa che, secondo gli analisti, vi entreranno nel secondo trimestre, la domanda è debole in ogni regione e in quasi tutti i mercati. La pandemia ha avuto un impatto negativo sulle catene di approvvigionamento e sulla domanda del mercato in tutte le categorie di componenti”.

Il segmento wireless, caratterizzato da un fatturato in calo del 4,7% rispetto al 2019, è uno dei principali fattori sottesi alle deboli condizioni di mercato di quest’anno. Ciò ha spinto Omdia a ridurre le sue previsioni di crescita per i chip wireless al 2%, rispetto al 4,8% stimato in precedenza.”Lo scoppio del Coronavirus avrà un impatto negativo sul mercato degli smartphone nel 2020″, ha affermato Robles-Bruce. “La modesta crescita del 2,4 per cento prevista all’inizio dell’anno è diventata negativa. A partire da marzo 2020, Omdia prevede che le spedizioni di smartphone raggiungeranno 1,2 miliardi di unità in totale per quest’anno”.Anche il settore automobilistico, con un calo produttivo del 12,4 per cento per il 2020, rappresenta un grosso ostacolo per il mercato dei semiconduttori, che in questo settore registreranno un calo dei ricavi del 7,5%.

 

 

 

Cresce il medicale, spinto da Covid-19

Per il mercato dei semiconduttori industriali le previsioni parlano di una crescita del 2,5 percento nel 2020. Responsabile di questo aumento sarà il settore medico, dove la domanda di chip salirà, nel corso dell’anno, del 5,9 percento.”Il Covid-19 sta causando una rapida riallocazione delle priorità e dei finanziamenti nel settore medico”, ha spiegato Robles-Bruce. “Le conseguenze sono sia dirette, con un aumento della domanda di ventilatori medici e delle forniture chirurgiche, sia indirette, con una crescita della tele diagnostica causata dal rinvio o dalla cancellazione degli appuntamenti di routine”.Il mercato dei semiconduttori per l’elettronica medica raggiungerà i 6 miliardi di dollari nel 2020, in ascesa, dunque, rispetto ai 5,6 miliardi di dollari del 2019.Un importante fattore di crescita per i semiconduttori medici sarà l’apparecchiatura di ventilazione utilizzata per il trattamento dei pazienti con coronavirus. Si prevede che gli ordinativi mondiali di ventilatori raggiungeranno un totale di 691.840 unità per l’anno, in crescita del 60 percento rispetto alle 430.843 unità nel 2019. A valore, il mercato dei ventilatori quest’anno si attesterà intorno ai 4,6 miliardi di dollari, in aumento del 71 percento, rispetto ai da 2,7 miliardi del 2019.I semiconduttori sono parte integrante di molti dispositivi medici oggi utilizzati negli ospedali, compresi i ventilatori. Omdia prevede che il mercato medicale rappresenterà 5,8 miliardi di dollari delle vendite totali nel 2020: circa l’11 percento del mercato globale dei semiconduttori industriali, in aumento dell’8,1 percento sul 2019.

 

I ricavi da semiconduttori per ventilatori medici hanno avuto, nel breve termine, un impulso dalla pandemia di Covid-19. Per quest’anno, Omdia ha raddoppiato le previsioni per le entrate del chip del ventilatore, ipotizzando che la crescita possa proseguire anche nel 2021. “I ventilatori medici sono in uso da oltre 70 anni e in questo lasso di tempo si sono evoluti da semplici progetti elettromeccanici a complessi sistemi a controllo elettronico, con microcontrollori multipli, controller di motori DC senza spazzole, interfacce touchscreen e connettività USB o wireless” commenta Paul Pickering, senior analyst, industrial semiconductors di Omdia. “Di conseguenza, questi dispositivi stanno guidando un consumo significativo dei semiconduttori poiché gli ordinativi aumentano per rispondere alla sfida del coronavirus nel 2020”.Il segmento dei semiconduttori medici continuerà a crescere più rapidamente del mercato globale dei semiconduttori industriali, non solo nel 2021 ma anche oltre, guidato da tendenze a lungo termine come l’invecchiamento della popolazione, il crescente utilizzo della tele diagnostica, il passaggio a dispositivi portatili e indossabili e l’ascesa dell’intelligenza artificiale (AI).



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x