Murata e VitaNet: una nuova era per dispositivi IoT sicuri

Pubblicato il 24 luglio 2020

Murata ha reso noto che il proprio modulo Bluetooth embedded MBN52832 è ora compatibile con VitaNet Suite, la piattaforma IoT sicura sviluppata dalla californiana VitaNet, dando così vita alla prima soluzione per l’identificazione e l’autenticazione automatiche di dispositivi IoT compatibili con BLE (Bluetooth Low Energy).

L’aggiunta del middleware di VitaNet a MBN52832 permetterà ai produttori di dispositivi IoT compatibili con BLE di convertire in modo estremamente semplice componenti industriali in dispositivi IoT sicuri, abilitando numerose funzionalità tra cui il monitoraggio dello stato da remoto e l’acquisizione automatizzata dei dati. Considerate le problematiche legate alla pandemia in corso provocata da COVID-19, la riduzione degli interventi manuali riveste un’importanza strategica: da qui la sempre maggior esigenza di poter effettuare un controllo da remoto sicuro basato su cloud di apparati industriali.

La soluzione combinata MBN52832-VitaNet prevede l’applicazione di un codice QR contenente le informazioni relative al dispositivo su pompe, motori e altri dispositivi industriali, eliminando in tal modo il ricorso a pannelli LCD o pulsanti operativi in precedenza richiesti per il funzionamento in modalità Bluetooth.  La chiave di autenticazione VitaNet è richiesta solo una volta, in fase di inizializzazione del sistema, mentre le informazioni relative alla chiave di autenticazione VitaNet memorizzate nella cache vengono utilizzate durante le successive operazioni. Si tratta della prima volta che le funzionalità di sicurezza e accoppiamento (pairing) sono state automatizzate e integrate con la cifratura dei pacchetti basata su AES-128 supportata dallo standard Bluetooth.

L’integrazione del modulo Murata permette di effettuare una comunicazione bi-direzionale con i dispositivi IoT da un server cloud, consentendo in tal modo una gestione e un controllo da remoto sicuri di un gran numero di dispositivi IoT, inclusi il monitoraggio attivo (per verificare se un sistema sta funzionando regolarmente o meno), l’acquisizione automatizzata dei dati e numerose altre attività operative.

Le due tecnologie

VitaNet Suite è un servizio basato su piattaforma formato da un middleware che gira su ciascun gateway e dispositivo IoT e dal supporto necessario per la conversione del protocollo dal parte del cloud. La tecnologia brevettata messa a punto da VitaNet converte i protocolli tra reti IP e dispositivi Bluetooth non-IP, permettendo per la prima volta la connessione di centinaia di dispositivi IoT che possono effettuare comunicazioni cifrate bi-direzionali attraverso un singolo gateway.

Il modulo MBN52832 Bluetooth Low Energy consente la connessione a bassissimo consumo per la comunicazione dati. Esso comprende il chipset BLE di Nordic, il front end RF e un quarzo ospitati in un package di dimensioni estremamente contenute. Il core Arm Cortex-M4 integrato con 64 kB di RAM e 512 Kb di flash è un engine ad altre prestazioni in grado di supportare una pluralità di interfacce per un’ampia gamma di applicazioni IoT, tra cui quelle nei settori medicale  sanitario e M2M (Machine-to-Machine).



Contenuti correlati

  • La quarta edizione del sondaggio sull’IoT di Farnell

    Farnell ha presentato i risultati della sua quarta indagine annuale sull’IoT globale, che evidenzia, fra l’altro, una forte crescita dell’IoT in un’ampia gamma di settori. In particolare, quest’anno si è assistito a un cambiamento radicale nell’atteggiamento verso...

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • Linee guida per la sicurezza degli autoveicoli connessi

    Le auto moderne offrono un’ampia superficie di attacco per gli hacker. Anche quando le vulnerabilità vengono identificate e le contromisure implementate, il processo sicuro di aggiornamento dei sistemi e di installazione delle patch su larga scala è...

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Matter: il futuro della domotica

    Matter è uno standard di connettività open-source e unificante che sfrutta Thread, Wi-Fi, Bluetooth ed Ethernet supportato da grandi aziende com Google, Apple e Amazon Leggi l’articolo completo su Embedded 84

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Il ruolo dei sensori nella trasformazione del settore sanitario

    Ci sono diverse dinamiche importanti che stanno avendo una seria influenza sul settore sanitario e, di conseguenza, è necessaria una tecnologia avanzata per mitigare i problemi che queste stanno causando. In questo articolo verranno esaminati i cambiamenti...

  • Le soluzioni di ricarica rapida Murata per veicoli elettrici disponibili da Farnell

    Farnell ha annunciato la distribuzione delle soluzioni di ricarica rapida Murata per veicoli elettrici (VE). La gamma di prodotti avanzati Murata amplia il portafoglio di componenti di Farnell progettati per lo sviluppo e la produzione di sistemi...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

Scopri le novità scelte per te x