Mind the Bridge guiderà la Startup Europe Partnership (SEP)

Pubblicato il 28 gennaio 2014

La fondazione italo-americana Mind the Bridge, con il supporto della fondazione inglese Nesta, è stata scelta dalla Commissione Europea per guidare la Startup Europe Partnership (SEP), la prima piattaforma paneuropea dedicata ad aiutare concretamente le startup del vecchio continente a crescere e a competere a livello globale.

Il programma è stato lanciato ufficialmente stamattina al World Economic Forum a Davos da Neelie Kroes, vice presidente della Commissione Europea e responsabile per la Digital Agenda, e verrà illustrato nei dettagli in occasione di un evento ad hoc a Bruxelles il prossimo mese di marzo.

Obiettivo condiviso, oltre che da Mind the Bridge e Nesta, anche da tutti i soci fondatori del progetto, grandi aziende (da Telefonica a Orange), istituzioni finanziarie (BBVA), fondi di investimento (European Investment Fund, parte dell’European Investment Bank Group) e le più importanti e attive università europee (Cambridge University, IE Business School e Alexander von Humboldt Institute for Internet and Society).

L’iniziativa – la prima a livello europeo concepita con l’obiettivo di far “scalare” le startup – fa parte delle 6 azioni per l’imprenditorialità definite dall’“Entrepreneurship 2020 Action Plan” (European Commission, Gennaio 2012): è stata sviluppata in partnership con aziende leader e istituti di formazione e concepita per realizzare alcune delle raccomandazioni chiave incluse nello Startup Manifesto.

Il programma SEP si baserà principalmente su 3 linee di azione che ruoteranno intorno a un unico format, scalabile e rodato nel nostro paese grazie proprio alle attività condotte negli ultimi anni dalla fondazione Mind the Bridge: il Job Creator Tour (JCT): Matching, Mapping, Sharing.

Mind the Bridge e Nesta, a capo del Secretariat, saranno supportati da uno Steering Committee composto dai soci fondatori – Telefonica, Orange, Banco Bilbao Vizcaya Argentaria (BBVA) – e da soci istituzionali- Cambridge University, IE Business School, Alexander von Humboldt Institute for Internet and Society e European Investment Fund, parte dell’European Investment Bank Group.

 

pb



Contenuti correlati

  • 292,5 milioni di euro dall’Italia per un nuovo stabilimento di STMicroelectronics

    La Commissione europea ha annunciato l’approvazione di una misura di aiuto per 292,5 milioni di euro messi a disposizione dall’Italia a favore di STMicroelectronics per realizzare uno stabilimento a Catania. L’annuncio sottolinea che la misura, realizzata tramite...

  • Quando la cybersecurity comincia dai chip

    Nell’era digitale, la complessità tecnologica dei chip aumenta  rischi di contraffazione e complica il mantenimento della sicurezza informatica. Proposto in Commissione Europea un pacchetto di misure e strumenti per garantire all’Unione la sicurezza delle forniture, oltre che...

  • L’Europa investe direttamente nelle start-up innovative

    Il Consiglio europeo per l’innovazione della Commissione europea ha scelto 65 start-up e PMI innovative che riceveranno una combinazione di sovvenzioni e investimenti azionari di un importo massimo di 17 milioni di euro ciascuna. Complessivamente si tratta...

  • Le soluzioni di Digi-Key Electronics dedicate alle startup

    Digi-Key Electronics ha realizzato un microsito e un manuale dedicato alle startup. Il sito sfrutta le risorse, gli strumenti e le conoscenze maturate da Digi-Key sulla base della sua collaborazione con migliaia di startup. Il manuale, intitolato...

  • Seco e Sda Bocconi insieme per una collaborazione sul tema della Digital Innovation

    SECO, leader nel settore dell’alta tecnologia e in soluzioni software IoT, ha siglato un accordo di collaborazione con SDA Bocconi School of Management sul tema della Digital Innovation, volto a intercettare startup ad alto contenuto tecnologico e...

  • Crowdfunding, cresce la raccolta fondi online per far nascere startup

    A livello globale il comparto è in espansione e, anche in Italia, a Milano, iniziative come “Bicocca Università del Crowdfunding” stanno raccogliendo consensi. Intanto, sono in crescita anche le startup che sviluppano chip di AI. Il CES...

  • Nuove attività data-driven per i CFO di domani al CFO Summit 2019 di BI

    Più di un CFO su due in Italia ritiene che la propria organizzazione debba adeguare o rinnovare il proprio modello di business, per stare al passo con le forti pressioni derivanti dall’innovazione tecnologica. E’ quanto emerge dalla...

  • Bugnion presenta il programma IP-UP per le startup innovative

    In occasione della ricorrenza dei 50 anni di Bugnion, fondata nel 1968 e affermatasi tra le prime società in Europa per consulenza in proprietà industriale e intellettuale, l’azienda ha sviluppato un apposito programma per accompagnare le startup...

  • Università e startup, dove nasce l’innovazione

    Spin off e start up? Due vocaboli differenti con un unico obiettivo, quello di innovare. Il proliferare delle startup deriva dall’idea di immettere nel mercato prodotti e servizi innovativi, tecnologicamente all’avanguardia, nel caso di prodotti, oppure che portino...

  • Poche le startup italiane nell’Intelligenza Artificiale

    L’Italia è al penultimo posto per numero di startup attive nel settore dell’Intelligenza Artificiale a livello mondiale. A dirlo è Roland Berger che in collaborazione con Asgard ha realizzato lo studio “Artificial Intelligence – A strategy for...

Scopri le novità scelte per te x