Mercato dell’elettronica: il ruolo dell’Europa

Pubblicato il 17 marzo 2021

La quota del mercato mondiale dell’elettronica è in diminuzione e si sta assestando verso una percentuale vicina all’8%. Per dare un’idea di cosa significa questo numero, basti considerare che aziende del calibro di Samsung e Apple da sole “consumano” un quantitativo di chip pari a quello dell’intera Europa. All’orizzonte non si prospettano grandi cambiamenti, anche tenendo conto del fatto che i prodotti che “spingono” il mercato dei chip (come a esempio smarphone e correlati) sono tutti realizzati in Asia. Nella regione vi è anche una forte concentrazione di fonderie di silicio e a questo proposito non va dimenticato il fatto che le geometrie più fini (3 e 5 mm) sono realizzate solamente da due fonderie in Asia.

Le applicazioni più “gettonate” in Europa – e-mobility, IoT o smart home – non faranno pendere l’ago della bilancia in nostro favore. Noi europei abbiamo messo a repentaglio la nostra posizione aggrappandoci per troppo tempo a tecnologie oramai datate. Nonostante ciò, l’Europa svolge ancora un proprio ruolo come fucina di idee e di innovazioni: quando si tratta di sviluppo e di brevetti, il mondo guarda ancora al Vecchio Continente.  La forza innovativa è basata sull’istruzione e la pandemia ha messo in mostra la nostra debolezza, con una rete digitale che è stata colpevolmente trascurata preferendo puntare sulle tariffe.

Le nostre supply chain per i player globali?

Con una pianificazione oculata e sul lungo periodo, potremo mantenere lo spazio a noi riservato dai produttori. In modo particolare, saremo in grado di servire i partner in distribuzione sul lungo periodo. Questo perché i produttori di chip hanno bisogno della prospettiva, che può essere fornita dalla distribuzione, sul mercato in generale, sui progetti più innovativi dei clienti o persino delle start-up per sviluppare i prodotti del futuro. Quelli che pensano che riceveranno un trattamento di riguardo grazie ai “grandi volumi di vendita” dovranno necessariamente fare i conti con problemi di shortage. E’ una questione di priorità, visto che l’Europa conta solo l’8% del mercato globale. Anche per quanto concerne l’industria automobilistica, non siamo certo nelle posizioni di vertice.

Anche se può far male, questa consapevolezza può aiutare a minimizzare perdite ancora più pesanti. Dobbiamo imparare ad analizzare i nostri punti di forza e di debolezza con una mente aperta.

La distribuzione, dal canto suo, ha imparato a fare da cuscinetto tra partner dominanti, a mediante interessi diversi ed eterogenei, a canalizzare flussi di informazioni di vario tipo e a ottimizzare la logistica della supply chain in modo particolarmente efficiente. Il tutto con margini che si sono progressivamente ridotti con gli anni. Ora è arrivato il tempo di riflettere sul valore della logistica e di ciò che è realmente importante.

Non siamo più al centro del mondo, ma restiamo una parte importante di esso: comprendere questo concetto e allinearsi di conseguenza sarà un fattore decisivo. Cooperazione e partnership: le due parole chiave che possono aiutare l’Europa e i suoi player a sopravvivere in un contesto globale.

Foto d’apertura: fonte: sShutterstock, Leo Wolfert,1067461595

Andreas Falke Managing Director (FBDi association)



Contenuti correlati

  • La quarta edizione del sondaggio sull’IoT di Farnell

    Farnell ha presentato i risultati della sua quarta indagine annuale sull’IoT globale, che evidenzia, fra l’altro, una forte crescita dell’IoT in un’ampia gamma di settori. In particolare, quest’anno si è assistito a un cambiamento radicale nell’atteggiamento verso...

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Farnell e Würth Elektronik collaborano per la e-mobility

    Farnell ha annunciato la collaborazione con Würth Elektronik per supportare gli sviluppatori di mobilità elettrica (e-mobility) nei loro progetti. L’obiettivo è quello di fornire una vasta gamma di componenti elettronici, conoscenze specialistiche e servizi di valore aggiunto...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

  • I microcontrollori a 8 bit hanno ancora un ruolo chiave nel mondo IoT

    L’utilizzo di una MCU a 8 bit durante la progettazione di nodi edge rappresenta una soluzione a basso costo, con consumi ridotti, intelligente (ma non dedicata all’IoT) e in grado di gestire compiti ausiliari e di gestione della potenza...

  • Circuiti integrati a segnali misti: tra analogico e digitale

    Telefonia mobile, IoT e automotive sono i principali propulsori della domanda di circuiti analogici, digitali e a segnali misti con caratteristiche di basso consumo e ingombro ridotto Leggi l’articolo completo su EO 499

Scopri le novità scelte per te x