Men Mikro: modulo Rugged COM Express con core ARM i.MX 6 low power

Pubblicato il 29 gennaio 2015

Basato sul nuovo standard VITA 59 – Rugged COM Express – ed equipaggiato con il processore ARM i.MX 6, il nuovo modulo RCE (Rugged COM Express) CC10C di MEN Mikro Elektronik, non solo riveste un ruolo di primo piano nel settore dei moduli compatibili con COM Express, ma è anche il primo prodotto di MEN della famiglia di moduli COM a bassa dissipazione a utilizzare processori con architettura ARM.

Il processore ARM i.MX 6 di Freescale che utilizza l’architettura Cortex-A9 è l’elemento centrale del modulo RCE CC10C. Grazie alla possibilità di scegliere tra diverse famiglie di processori i.MX 6 – 6Solo, 6DualLite, 6Dual e 6Quad – l’utente può individuare la soluzione che soddisfi al meglio le proprie esigenze in termini sia di potenza di calcolo sia di elaborazione grafica.

Poiché il processore i.MX 6 non solo garantisce la scalabilità in termini di prestazioni della CPU, ma mette a disposizione un’ampia gamma di controllori on-chip e di interfacce – come ad esempio Gigabit Ethernet, USB 2.0 o PCI Express a 5-Gigabit, UART e CAN bus, nonché interfacce per applicazioni multimediali come LVDS, DVI e connessioni audio e per telecamere – il nuovo modulo CC10C garantisce la massima flessibilità per quanto riguarda gli I/O.

Nel caso fossero richiesti ulteriori I/O oltre a quelli standard previsti, l’FPGA integrata dotata di 140 pin permette ulteriori personalizzazioni.

Le numerose opzioni di memoria prevedono fino a 4 GB di RAM DDR3, una eMMC saldata e una porta SATA a 3 Gigabit per memorie di massa esterne.

Questo modulo estremamente flessibile, grazie alla compatibilità con lo standard Rugged COM Express, è racchiuso in un robusto telaio chiuso nella parte inferiore raffreddato per conduzione che prevede un collegamento termico alla scheda PCB del modulo CC10C. Oltre a garantire il funzionamento nel range di temperatura esteso compreso tra -40 e +85 °C, questa robusta struttura di alluminio saldamente avvitata assicura un’elevata resistenza alle vibrazioni, alle sollecitazioni e ai disturbi elettromagnetici, oltre ad assicurare la protezione contro polvere, umidità e agenti chimici.

Il modulo CC10C è conforme, dal punto di vista dimensionale, al fattore di forma “Compact” previsto dalle specifiche COM Express e utilizza un pinout di tipo 6. A causa dell’integrazione in un frame di alluminio, come previsto da VITA 59, le dimensioni sono leggermente superiori, pari a 105×105 mm. Il nuovo modulo è anche disponibile nella versione senza telaio metallico (identificata dalla sigla CC10) le cui dimensioni (95×95 mm) sono quelle previste dallo standard PICMG COM.0.

pb



Contenuti correlati

  • I moduli di congatec hanno ottenuto la certificazione ARM SystemReady IR

    I moduli COM di congatec, in formato SMARC basati sui processori della linea i.MX 8M di NXP, hanno ottenuto la certificazione SystemReady IR nell’ambito del progetto Cassini promosso da ARM. Il progetto Cassini ha come obiettivo la...

  • Più libertà e flessibilità grazie all’hardware open source

    In risposta alla crescente complessità strutturale dei processori standard, dieci anni fa venne creata presso l’Università della California, a Berkeley, un’architettura di set di istruzioni aperta e notevolmente ridimensionata. Ora è alla sua quinta generazione e offre...

  • SoC Xeon D-1700 per il modulo COM Express JULIET di SECO

    SECO ha presentato JULIET, un modulo COM Express Type 7 basato su processori Intel Xeon D-1700 (noti anche come Ice Lake-D). I processori Intel Xeon D-1700 costituiscono un importante passo avanti in termini di prestazioni e funzionalità...

  • Annunciata ufficialmente la cessazione dell’acquisizione di Arm

    Dopo varie indiscrezioni apparse in Rete, NVIDIA e SoftBank hanno annunciato ufficialmente la cessazione della transazione relativa all’acquisizione di Arm da parte di NVIDIA Il comunicato precisa che le parti hanno convenuto di risolvere l’accordo a causa...

  • Potrebbe saltare l’accordo per l’acquisizione tra Nvidia e Arm

    Un recente report di Bloomberg segnala che Nvidia sarebbe pronta ad abbandonare l’acquisizione di ARM da SoftBank Group Corp annunciato a settembre 2020. Questa operazione da 40 miliardi di dollari in realtà aveva già avuto dei problemi...

  • SECO partecipa all’iniziativa Project Cassini di Arm

    SECO ha annunciato di aver aderito all’iniziativa Project Cassini, guidata da Arm, ottenendo la sua prima certificazione Arm SystemReady IR per il Single Board Computer SBC-C61 basato sul microprocessore i.MX 8M Mini di NXP. Project Cassini è...

  • EBV Elektronik supporta con la sua esperienza ingegneristica l’iniziativa di Progetto Cassini

    EBV Elektronik ha annunciato il suo sostegno ad Arm per portare un’esperienza cloud-native a livello edge tramite il progetto Cassini, l’iniziativa multipiattaforma dell’azienda. Attraverso Progetto Cassini, Arm e i partner tecnologici, come EBV, sono stati in grado...

  • Uno sguardo all’evoluzione delle CPU

    Uno sguardo ai nuovi prodotti e alle nuove tecnologie dei principali produttori di microprocessori: tra i principali trend da annoverare senza dubbio la specializzazione dei diversi core e una strutturazione di tipo modulare dell’architettura Leggi l’articolo completo...

  • Il processore Arm in plastica

    Su Nature recentemente è stato pubblicato uno studio relativo a un processore Arm flessibile a 32 bit. Il nome è PlasticARM ed è stato implementato utilizzando un processo produttivo di Pragmatic a 0,8 μm e tool di...

  • Il supporto di TRACE32 per le SMMU di Arm

    Lauterbach ha annunciato il supporto dei tool TRACE32 per il debug dell’unità di gestione della memoria di sistema (SMMU) di Arm, disponibile nella maggior parte dei SoC basati su Arm Cortex-A. Le SMMU sono elementi costitutivi importanti...

Scopri le novità scelte per te x