MATLAB, trent’anni di evoluzione

Al MATLAB Expo di Milano, MathWorks ha inquadrato l’attuale scenario tecnologico e delineato la trasformazione che ha portato alle nuove funzionalità dell’ambiente di sviluppo

Pubblicato il 7 novembre 2014

Da puro linguaggio procedurale, nel 1984, ad ambiente moderno e completo per la modellazione di algoritmi e la generazione di codice, nel 2014: MATLAB ha una storia evolutiva lunga trent’anni. E, questa settimana, al MATLAB Expo di Milano, Fabrizio Sara, manager dei servizi ingegneristici di MathWorks in Italia, l’ha ripercorsa brevemente, sottolineando come oggi tale strumento rappresenti ormai una spina dorsale nella progettazione di modelli e software in molti ambiti. E ciò lungo tutto il ciclo di sviluppo, dalla fase iniziale di creazione dell’algoritmo, fino a quella di deployment del prodotto finale.

2-matlabexpo04112014

Alcuni momenti del MATLAB Expo

All’intervento di Sara, in apertura, è seguito un keynote di Paul Smith, direttore dei servizi di consulenza di MathWorks, che ha delineato i principali megatrend alla base dell’evoluzione degli strumenti di progettazione: cloud computing, big data, Internet of Things (IoT), dispositivi mobile. Gli algoritmi oggi si ritrovano in una molteplicità di prodotti, e l’esigenza è adottare strumenti di programmazione testuale e grafica, dotati di un’ampia gamma di librerie e funzionalità di simulazione e collaudo in tempo reale.

Un altro fenomeno attuale è la diffusione di massa di hardware a basso costo, costituito da piattaforme come Arduino o Raspberry Pi, unita all’esigenza di prototipazione rapida e generazione automatica del codice su specifiche schede e target hardware. Ancora, fattori come IoT e big data fanno sì che le piattaforme di programmazione possano sfruttare la potenza di elaborazione dati del cloud, e la capacità dell’utente di connettersi e lavorare in mobilità utilizzando una varietà di dispositivi.

L’evoluzione di MATLAB e Simulink ha di volta in volta interpretato tutti questi trend, declinandoli in nuove funzionalità a diversi livelli (linguaggio, usabilità, aspetto grafico, prestazioni, supporto hardware, supporto per grandi progetti a livello enterprise). Fra le nuove caratteristiche maggiormente poste in rilievo – e presenti nella release 2014b di MATLAB, annunciata a ottobre – un nuovo sistema di grafica, e funzioni per facilitare l’impacchettamento e la rapida condivisione del codice e delle app.

3-matlab-mobile

MATLAB Mobile fornisce supporto al lavoro in mobilità

C’è poi il supporto per l’elaborazione delle grandi moli di dati (big data) prodotti da sensori di strumentazione, sensori ambientali, satelliti, telecamere, e ottenibili in molti settori industriali, come quello energetico, automotive, aerospazio, finanza, retail e medicale. Attraverso funzionalità come MapReduce, è possibile analizzare i dati non gestibili in memoria, o far girare le funzionalità analitiche di MATLAB sulla piattaforma per i big data Hadoop.

In aggiunta, a seconda delle esigenze, l’utente può scegliere la piattaforma computazionale più adeguata: dai sistemi desktop dotati di architettura multicore e GPU, ai cluster, al cloud computing. Con l’ausilio del MATLAB Production Server è possibile far girare i programmi MATLAB sui sistemi di produzione presenti in azienda, incorporando strumenti analitici custom nei database, nei web server e nelle applicazioni enterprise.

In linea con le esigenze di lavoro in mobilità, MATLAB Mobile consente poi allo sviluppatore di svolgere i tipici compiti e operazioni anche attraverso smartphone e tablet Apple (iPhone, iPad), o dispositivi basati su Android.

Giorgio Fusari



Contenuti correlati

  • La quarta edizione del sondaggio sull’IoT di Farnell

    Farnell ha presentato i risultati della sua quarta indagine annuale sull’IoT globale, che evidenzia, fra l’altro, una forte crescita dell’IoT in un’ampia gamma di settori. In particolare, quest’anno si è assistito a un cambiamento radicale nell’atteggiamento verso...

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Sistemi embedded: 7 tool di simulazione per accelerare sviluppo e verifica

    Sistemi elettronici sempre più complessi stanno rendendo impegnativi sviluppo, test e verifica del software embedded. Per semplificare il lavoro degli sviluppatori sono comunque disponibili nel settore diversi strumenti di simulazione dei componenti hardware o dell’intero sistema. Qui...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

  • I microcontrollori a 8 bit hanno ancora un ruolo chiave nel mondo IoT

    L’utilizzo di una MCU a 8 bit durante la progettazione di nodi edge rappresenta una soluzione a basso costo, con consumi ridotti, intelligente (ma non dedicata all’IoT) e in grado di gestire compiti ausiliari e di gestione della potenza...

  • Circuiti integrati a segnali misti: tra analogico e digitale

    Telefonia mobile, IoT e automotive sono i principali propulsori della domanda di circuiti analogici, digitali e a segnali misti con caratteristiche di basso consumo e ingombro ridotto Leggi l’articolo completo su EO 499

Scopri le novità scelte per te x