L’intelligenza artificiale creerà più posti di lavoro di quelli che eliminerà

I ricercatori di Gartner affermano che l'intelligenza artificiale potrebbe anche migliorare il livello occupazionale

Pubblicato il 21 marzo 2018

Secondo un recente report di Gartner, il 2020 sarà un anno cruciale nelle dinamiche occupazionali legate all’intelligenza artificiale. Il numero di posti di lavoro interessati dall’IA varia a seconda del settore; fino al 2019 l’assistenza sanitaria, il settore pubblico e l’istruzione vedranno una domanda di lavoro in continua crescita, mentre la produzione sarà maggiormente colpita.

A partire dal 2020 la creazione di posti di lavoro legati all’IA passerà al positivo, raggiungendo due milioni di nuovi posti di lavoro nel 2025.

Le preoccupazioni sull’impatto dell’IA sull’economia sono spesso argomento di discussione anche da parte dei, e in merito i ricercatori dell’Università di Oxford hanno previsto che il 35% dei posti di lavoro nel Regno Unito saranno a rischio a causa del sempre maggiore livello di automazione nei prossimi due decenni. Ma le scoperte di Gartner suggeriscono che l’intelligenza artificiale potrebbe anche migliorare la produttività di molti ruoli.

“Molte innovazioni significative in passato sono state associate a un periodo di transizione di perdita del lavoro temporaneo, seguito dal recupero; ecco perché la trasformazione aziendale e l’IA seguiranno probabilmente questa rotta” ha affermato Svetlana Sicular, research vice president di Gartner. L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.

“Sfortunatamente gli allarmismi sulla perdita di posti di lavoro confondono l’intelligenza artificiale con l’automazione, che offusca il più grande beneficio dell’IA: una combinazione di intelligenza umana e artificiale in cui entrambe si completano a vicenda”.

I responsabili IT non dovrebbero concentrarsi solo sull’aumento netto previsto dei posti di lavoro. Con ogni investimento in tecnologie abilitate all’intelligenza artificiale, devono se mai prendere in considerazione quali posti di lavoro saranno persi, quali posti verranno creati e come l’IA trasformerà il modo in cui i lavoratori collaborano con gli altri, prendono decisioni e portano a termine il lavoro.

ap



Contenuti correlati

  • Olympus semplifica le analisi delle immagini industriali per le ispezioni dei materiali

    Il software di analisi delle immagini OLYMPUS  Stream adesso si avvale dell’efficacia dell‘intelligenza artificiale per integrare la nuova generazione di segmentazione delle immagini nelle ispezioni dei microscopi industriali. La versione 2.5 del software aggiunge la tecnologia deep...

  • Integrare l’apprendimento automatico nelle applicazioni industriali

    L’apprendimento automatico può essere una tecnologia particolarmente utile per le applicazioni industriali, in grado di migliorare la produzione e altri processi incrementando efficienza, scalabilità e produttività a fronte di un contenimento dei costi Leggi l’articolo completo su...

  • Sicurezza funzionale e intelligenza artificiale nelle applicazioni industriali: una coesistenza possibile?

    La possibilità di impiegare l’intelligenza artificiale (AI) nelle applicazioni di sicurezza funzionale sta suscitando un interesse crescente, l’automazione industriale potrebbe essere un terreno fertile per ampliarne lo spettro di utilizzo Leggi l’articolo completo su Embedded 81

  • SECO: “Vogliamo diventare un player mondiale nella AI”

    Intelligenza artificiale e cloud permettono di creare servizi innovativi, che generano nuovo valore per gli utenti: lo spiega, in questa intervista, Dario Freddi, co-Chief Executive Officer di SECO Mind, una delle società del Gruppo, sottolineando che la...

  • Due nuove divisioni per Intel

    Il nuovo Ceo di Intel, Pat Gelsinger ha annunciato la nascita di due nuove divisioni, in risposta alla crescente importanza dei settori HPC (High Performance Computer), software e IoT, e la nomina di un nuovo CTO (Chief...

  • Gartner: le vendite di smartphone sono cresciute del 26% nel primo trimestre del 2021

    Gartner  indica che, nel primo trimestre del 2021, le vendite globali di smartphone agli utenti finali sono cresciute del 26% (22% anno su anno) dopo il forte calo registrato nel 2020. “Il miglioramento delle prospettive dei consumatori,...

  • Un’elettronica sempre più “intelligente”

    L’integrazione dell’intelligenza artificiale nei sistemi elettronici, che dà vita a quelli che vengono comunemente definiti sistemi “intelligenti, è una prassi che si sta via via consolidando nell’industria elettronica   Nel settore dell’elettronica è in atto un rapido...

  • A Torino arriva Olli, il minibus sostenibile e innovativo

    Si chiama Olli, è un minibus elettrico a guida autonoma realizzato assemblando parti stampate in 3D: un prodotto per la mobilità urbana sostenibile, innovativo dal punto di vista tecnologico, progettato ponendo particolare attenzione alle caratteristiche di accessibilità...

  • Metis: un’ iniziativa per aumentare le competenze nella microelettronica

    Semi e altri 19 partner di 14 Paesi hanno lanciato un’iniziativa per colmare il divario di competenze nell’ambito della microelettronica rafforzando la collaborazione tra l’industria della microelettronica e i formatori. Il progetto, soprannominato Metis – Microelectronics Training,...

  • Intelligenza aumentata ed emotiva fanno evolvere le applicazioni AI

    Alcune forme di intelligenza artificiale promettono di rendere ancor più sofisticate e smart le applicazioni che nei prossimi anni verranno implementate nel settore commerciale e industriale. La società di analisi Gartner classifica alcune tipologie di AI come...

Scopri le novità scelte per te x