L’industria degli IC al centro della possibile riunificazione fra Taiwan e Cina

Pubblicato il 18 ottobre 2021

Insieme, Cina e Taiwan detengono circa il 37% della capacità globale di produzione di circuiti integrati, quasi 3 volte quella del Nord America e l’aggiornamento di ottobre di IC Insights al rapporto McClean, sottolinea questo e altri aspetti. Il bollettino attinge alle informazioni contenute nel rapporto Global Wafer Capacity 2021-2025 per commentare l’attuale situazione di alta tensione tra Cina e Taiwan e per analizzare che cosa potrebbe significare per l’industria dei circuiti integrati il passaggio di Taiwan alla Cina.

Secondo IC Insights, infatti, una sana crescita economica globale futura dipenderà sempre più dalla continua introduzione di sistemi elettronici avanzati.

Il conflitto commerciale in corso tra Stati Uniti e Cina si è intensificato negli ultimi due anni. Le paralizzanti sanzioni commerciali, in particolare per quanto riguarda la tecnologia degli IC, che gli Stati Uniti hanno imposto a Huawei, la più grande azienda di elettronica della Cina, e in misura minore a SMIC, la più grande foundry cinese di circuiti integrati, hanno, secondo IC Insights, indotto a mettere in discussione come il Paese sarà in grado di competere in futuro per i circuiti integrati e l’elettronica.

È sempre più evidente che la risposta della Cina a questa domanda è focalizzata sulla sua riunificazione di Taiwan.
Occorre considerare infatti che , a dicembre 2020, Taiwan deteneva la quota maggiore della capacità del settore dei circuiti integrati di qualsiasi Paese o regione del mondo. Guidata da TSMC, Taiwan detiene di gran lunga la quota maggiore di capacità di produzione di IC all’avanguardia, cioè <10 nm, (63%) di qualsiasi Paese del mondo. La Corea del Sud, rappresentata da Samsung, detiene il restante 37%. A questo va aggiunto che le aziende taiwanesi detengono quasi il 90% della capacità totale di circuiti integrati di Taiwan. Le uniche altre fab non taiwanesi di IC situate a Taiwan sono quella di proprietà di Diodes con sede negli Stati Uniti e due fab DRAM su wafer da 300 mm di proprietà di Micron . Di fatto Taiwan detiene il 22% della capacità di produzione mondiale di circuiti integrati su wafer da 300 mm, seconda solo alla Corea del Sud, che detiene una quota del 25%. Al contrario, il Nord America possiede solo una quota dell’11%.
Si prevede inoltre che le foundries pure-play di Taiwan (ovvero TSMC, UMC, Powerchip, Vanguard, eccetera) rappresenteranno quasi l’80% del mercato mondiale delle foundries pure-play nel 2021.
Il problema di fondo, quindi, è che, attualmente, non esiste una location più importante per capacità e produzione di circuiti integrati di Taiwan. Inoltre, la Cina ha un enorme problema con la sua incapacità di produrre dispositivi IC all’avanguardia per le sue future esigenze, un problema che ritiene possa essere risolto attraverso la riunificazione con Taiwan con qualsiasi mezzo necessario.
Gli analisti ritengono che l’economia taiwanese crollerebbe se la Cina tentasse di prendere il controllo militare della nazione insulare, ma anche l’economia cinese ne soffrirebbe notevolmente. La domanda è se la Cina è disposta ad accettare un sacrificio economico relativamente a breve termine per il beneficio a lungo termine di avere la più grande capacità di produzione di circuiti integrati all’avanguardia sotto il suo controllo per molti anni a venire.



Contenuti correlati

  • Le fabless fanno decollare il mercato dei chip

    Il cambiamento dei modi di vivere imposto dalla pandemia e la successiva ripresa economica sono i due fattori che hanno alimentato la crescita del mercato dei semiconduttori che quest’anno, secondo le previsioni di IC Insights, dovrebbe crescere...

  • I dati di IC Insights sul mercato OSD

    In base ai dati di una recente analisi di IC Insights, un anno dopo l’inizio della pandemia di Covid-19 nel 2020, che ha causato blocchi in tutto il mondo e una profonda recessione economica globale, le vendite...

  • Semiconduttori: fusioni e acquisizioni per 22 miliardi di dollari nei primi otto mesi del 2021

    Secondo l’aggiornamento di settembre del rapporto McClean 2021 di IC Insights le operazioni di fusione e acquisizione che riguardano aziende legate ai chip hanno raggiunto i 22 miliardi di dollari nei primi otto mesi del 2021. Il...

  • Ripensare l’industria sanitaria in era post pandemica

    TAITRA, principale Ente per la promozione del commercio estero di Taiwan, organizza un webinar per presentare quattro importanti realtà industriali del settore sanitario vincitrici del prestigioso riconoscimento Taiwan Excellence. In questa occasione, le aziende TANbead, Young Optics,...

  • Microprocessori: continua la crescita a due cifre

    Dopo l’aumento del 16% fatto registrare lo scorso anno, imputabile alla pandemia che ha fatto aumentare la “dipendenza” da Internet, i microprocessori sono sulla buona strada per continuare questo percorso di crescita. In base al più recente...

  • IC Insights prevede un aumento del 21% nelle spedizioni di IC quest’anno

    IC Insights ha rilasciato l’aggiornamento di metà anno del McClean Report 2021 con le stime più recenti per il mercato globale dei circuiti integrati dal 2021 al 2025. Dopo un un aumento dell’8% nel 2020, IC Insights...

  • O-S-D: un mercato da record

    Le vendite totali di O-S-D (dispositivi optoelettronici, sensori/attuatori e discreti) hanno raggiunto un livello record lo scorso anno nonostante il pesante impatto dell’economia globale prodotto dalla pandemia. Il rapporto sullo “stato di salute” del mercato dei componenti...

  • Mercato MPU: una crescita oltre le aspettative

    Nell’edizione 2021 del suo McClean Report, IC Insights dedica una sezione all’analisi e alle previsioni del mercato delle MPU (MicroProcessor Unit) che comprende CPU per PC, tablet e server, MPU embedded ed MPU per cellulari. Le vendite...

  • Circuiti integrati: quali saranno le categorie più “gettonate” nel 2021

    L’edizione 2021 del MCClean report di recente rilasciato da IC Insights include le previsioni di crescita per il 2021 relative a ciascuna delle 33 categorie di circuiti integrati definite da WSTS (World Semiconductor Trade Statistics). Nella tabella...

  • IC “made in China”: l’obiettivo per il 2025 rimane un miraggio

    Secondo gli ultimi dati del “2021 McClean Report” di IC Insights, per quanto riguarda i circuiti integrati l’obiettivo del programma “Made in China 2025” è un traguardo per il momento irraggiungibile. La società di ricerche stima che...

Scopri le novità scelte per te x