Le tecnologie Silicon Labs certificate da PSA Certified e da ioXt Alliance

Pubblicato il 3 settembre 2020

Silicon Labs ha annunciato che le proprie avanzate tecnologie hardware e software concepite per proteggere i dispositivi IoT (Internet of Things) hanno ottenuto la certificazione da parte sia di PSA CertifiedioXt Alliance.

Secure Vault, disponibile dal 9 settembre nel nuovo SoC wireless multi-protocollo EFR32MG21B di Silicon Labs, ha ottenuto la certificazione PSA di Livello 2, che è basata su una struttura per la garanzia della sicurezza alla cui definizione ha partecipato anche Arm, grazie alla quale è possible semplificare la standardizzazione della sicurezza dei dispositivi IoT e far sì che la sicurezza non rappresenti più un ostacolo per il time-to-market.

EFR32MG21B è la prima radio a ottenere la certificazione PSA di Livello 2.

“Dai minuscoli sensori a basso consumo ai dispositivi IoT ad alte prestazioni – ha sottolineato Andy Rose, chief system architect e fellow di Arm – la sicurezza deve essere integrata a livello di chip per garantirne l’efficacia. Silicon Labs ha compreso l’importanza di questo concetto e, grazie al conseguimento della certificazione PSA di Livello 2, può garantire ai propri clienti una protezione efficiente contro attacchi software di natura scalabile, consentendo l’utilizzo di SoC sicuri per l’implementazione su vasta scala di applicazioni IoT”.

I kit di sviluppo xG22 Thunderboard ed EFR32MG21B di Silicon Labs hanno ottenuto la certificazione di sicurezza SmartCert da parte di ioXt Alliance, uno standard riconosciuto a livello globale per la sicurezza in ambito IoT. Poiché ioXt Alliance consente la trasmissibilità della certificazione, le certificazioni ioXt ottenute da Silicon Labs possono essere sfruttate da qualsiasi produttore che utilizzi I kit xG22 and xG21B, riducendo in modo sostanziale tempi e risorse necessarie per la certificazion ioXT dei loro prodotti.

“Silicon Labs è da lungo tempo uno dei maggiori protagonisti del settore IoT e ha sempre dimostrato una grande attenzione alla sicurezza dei dispositivi” ha sottolineato Brad Ree, chief technology officer di ioXt Alliance. “Il conseguimento della certificazione ioXt SmartCert per il kit xG22 Thunderboard è la testimonianza di un forte impegno per la sicurezza e la trasparenza che avrà un effetto a catena sui settore delle smart home, delle vendite al dettaglio intelligenti e dei dispositive medicali portatili”.

“In considerazione del fatto che le minacce sono in continua evoluzione, può risultare difficile per gli sviluppatori di prodotti IoT tenersi aggiornati su queste evoluzioni, specialmente nel caso di dispositivi a basso costo e con risorse limitate” – ha puntualizzato Matt Johnson, senior vice president della divisione IoT di Silicon Labs. “Proteggere i dispositivi IoT in un mondo sempre più connesso è ora una necessità in quanto i dati degli utenti e i modelli di business basati sul cloud sono sempre più oggetto di costosi attacchi da parte degli hacker e i requisiti per la sicurezza dei dispositivi IoT stanno diventando obbligatori. Silicon Labs sta operando in modo sinergico con le community che si occupano di sicurezza, i clienti e gli esperti di sicurezza di terze parti per offrire soluzioni di sicurezza avanzate che aiutino a proteggere i dispositivi IoT connessi sia oggi sia in futuro. Siamo particolarmente orgogliosi di aver ottenuto queste importanti certificazioni da parte del mondo IoT che rappresentano un riconoscimento sia del lavoro fatto sia della validità delle avanzate tecnologie di sicurezza che abbiamo integrano nel nostro portafoglio prodotti”.

Secure Vault: un nuovo paradigma di sicurezza

La piattaforma Wireless Gecko Serie 2 di Silicon Labs è uno fra i prodotti che integrano la tecnologia  Secure Vault; in questo caso vengono abbinate le migliori funzionalità di sicurezza software, come ad esempio boot sicuro basato su una Rot (Root-of-Trust) hardware, debug sicuro, rilevazione di tentativi di manomissione fisica, identità sicura per l’attestazione e tecnologia PUF (Physically Unclonable Function) implementata a livello hardware per ridurre in modo drastico i rischi legati alla violazione della sicurezza dei dispositivi IoT e la possibilità di mettere a rischio le proprietà intellettuali.

Per ulteriori informazioni su Secure Vault e le problematiche di sicurezza in ambito IoT è possible cliccare qui.

Sicurezza IoT  nel settore delle “Smart Home”

Il tema della sicurezza IoT, coinvolge molto da vicino, l’ambito della “casa intelligente”. Tema che verrà affrontato il 9 e il 10 settembre da Silicon Labs nel corso di “Works With”, la conferenza destinata agli sviluppatori attivi nel settore delle smart home. In entrambe le giornate i senior product manager di Silicon Labs per la sicurezza IoT e Mike Down, membro del board di ioXt Alliance, collaboreranno con Brad Ree, CTO di ioXt Alliance per condurre le sessioni che si occuperanno delle normative che regolano la sicurezza in ambito IoT. In queste sessioni di formazione verrà analizzato il panorama normativo sulla sicurezza, spiegato come la nuova tecnologia Secure Vault di Silicon Labs permetta agli sviluppatori di dispositivi IoT di soddisfare, se non addirittura superare, le norme in vigore e illustrate le modalità seguite da ioXt Alliance per soddisfare l’esigenza di processi di valutazione e certificazione uniformi dei livelli di sicurezza dei prodotti IoT tesi a il rispetto di queste normative.

La registrazione per partecipare a “Works With”, la conferenza virtuale degli sviluppatori che operano nel settore delle smart home, comprese le sessioni relative alle normative sulla sicurezza, è gratuita e può essere effettuata all’indirizzo: silabs.com/workswith.

R.N.



Contenuti correlati

  • La quarta edizione del sondaggio sull’IoT di Farnell

    Farnell ha presentato i risultati della sua quarta indagine annuale sull’IoT globale, che evidenzia, fra l’altro, una forte crescita dell’IoT in un’ampia gamma di settori. In particolare, quest’anno si è assistito a un cambiamento radicale nell’atteggiamento verso...

  • I moduli di congatec hanno ottenuto la certificazione ARM SystemReady IR

    I moduli COM di congatec, in formato SMARC basati sui processori della linea i.MX 8M di NXP, hanno ottenuto la certificazione SystemReady IR nell’ambito del progetto Cassini promosso da ARM. Il progetto Cassini ha come obiettivo la...

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

  • I microcontrollori a 8 bit hanno ancora un ruolo chiave nel mondo IoT

    L’utilizzo di una MCU a 8 bit durante la progettazione di nodi edge rappresenta una soluzione a basso costo, con consumi ridotti, intelligente (ma non dedicata all’IoT) e in grado di gestire compiti ausiliari e di gestione della potenza...

  • Più libertà e flessibilità grazie all’hardware open source

    In risposta alla crescente complessità strutturale dei processori standard, dieci anni fa venne creata presso l’Università della California, a Berkeley, un’architettura di set di istruzioni aperta e notevolmente ridimensionata. Ora è alla sua quinta generazione e offre...

Scopri le novità scelte per te x