Le tecnologie che daranno forma al business nel 2019, secondo Toshiba

Pubblicato il 10 dicembre 2018

Il 2019 si preannuncia come un anno di grande e rapida evoluzione e secondo Toshiba le tecnologie emergenti, che influenzeranno il modo in cui lavoreremo nei prossimi anni., saranno soprattutto: 5G, edge computing e dispositivi IoT.

Negli ultimi anni il panorama tecnologico ha subito enormi cambiamenti, sia i consumatori sia i professionisti hanno tratto beneficio dalla costante innovazione in ambito cloud, IoT, networking, realtà virtuale e aumentata, solo per citarne alcuni. Tuttavia, l’implementazione e il conseguente impatto di queste tecnologie è stato abbastanza graduale con cambiamenti continui e costanti. Questo è maggiormente evidente in ambito business dove ci sono molte più barriere legate a budget e sistemi legacy. Nel settore business, la digital transformation è spesso frenata da questi ostacoli, ma grazie alla sempre maggiore diffusione di tecnologie come il cloud computing – per cui le aziende EMEA sono all’avanguardia con un tasso di adozione dell’84% – ora possono essere superati.

“Il 2019 si preannuncia come un anno interessante per i responsabili IT, grazie all’arrivo di una serie di tecnologie che possono rivoluzionare il nostro modo di lavorare”, ha dichiarato Massimo ArioliHead of B2B Sales&Marketing, Toshiba Client Solutions Italy. “La sicurezza rimanere in cima alla lista, ma una gestione corretta del prossimo 5G non solo consentirà alle soluzioni già esistenti di offrire performance superiori, ma contribuirà alla diffusione di soluzioni IoT ed edge computing. Secondo una nostra ricerca, infatti, il 43% dei responsabili IT intervistati ha dichiarato di dare la priorità all’uso più innovativo di tool digitali per rendere i propri dipendenti più produttivi e non abbiamo mai prima d’ora abbiamo riscontrato premesse così forti per l’arrivo del mercato di queste nuove soluzioni”.

L’arrivo del 5G

Il 5G sarà una delle novità più importanti e, a giudicare dalle prove in corso, la disponibilità commerciale in Europa della rete mobile di prossima generazione è ormai sempre più vicina. Se attualmente il 4G gioca un ruolo cruciale nella mobilità business, il nuovo standard 5G la porterà a un livello, potenziando mobile e remote working. Grazie alla velocità superiore e alla maggior capacità rispetto al 4G, il 5G permetterà alle aziende di trarre vantaggio dalle soluzioni IoT, che secondo Ericsson saranno 18 miliardi entro il 2022 – il 70% utilizzerà la tecnologia cellulare.

Proteggere i dati con l’edge computing

L’impatto del 5G sulla diffusione dell’IoT contribuirà ad aumentare l’implementazione di soluzioni come il mobile edge computing, mentre le aziende cercano di gestire in modo efficiente i dati e i problemi di sicurezza, generati da questi dispositivi. La protezione dei dati continua a essere una preoccupazione per le aziende e, secondo la ricerca Massimizzare la mobilità di Toshiba, il 62% dei responsabili IT in Europa dichiara che la sicurezza sarà un investimento prioritario nei prossimi dodici mesi. In un’epoca in cui il cybercrime è inarrestabile, la gestione di un’infrastruttura IT mobile con un crescente numero di touchpoint rappresenterà comprensibilmente una sfida. SonicWall ha, infatti, previsto un aumento del 275% delle minacce crittografate e del 229% degli attacchi ransomware: secondo il Cyber Threat Report 2018, l’IoT diventerà il nuovo campo di battaglia per i criminali informatici.

Le soluzioni di mobile edge computing non solo possono contribuire a garantire la sicurezza perimetrale, ma aiutano a creare una forza lavoro mobile più efficiente e produttiva, elaborando i dati all’edge della rete e riducendo sia il data garbage sia la tensione sui servizi cloud. Inoltre, queste soluzioni agiscono come gateway per introdurre i dispositivi IoT all’interno delle aziende – dimostrando ancora una volta l’allineamento tra queste due aree emergenti. Nel 2018 abbiamo assistito alla diffusione di soluzioni IoT business come gli smartglass dynaEdge AR di Toshiba, ma l’impatto dei tre fattori – 5G, IoT e edge computing – contribuirà a ulteriori progressi in quest’area, mettendo in luce il prossimo anno nuovi dispositivi in diversi settori, dall’ingegneria all’industria fino alle utility e all’healthcare.

Industry 4.0 in testa, grazie ai dispositivi IoT

I dispositivi IoT avranno un forte impatto in ambito business e l’industria 4.0 potrebbe essere il primo settore a trarre vantaggi da questa tecnologia emergente, proprio si affidano ampiamente a lavoratori on field e frontline. Per esempio nel settore della logistica e magazzinaggio, gli smart glass permettono di scansionare i codici a barre in modalità ‘hands-free’ grazie alla funzionalità “pick-by-vision”, che proietta le informazioni nel campo visivo dell’utente. Questa tecnologia offre una serie di benefici per migliorare i processi, ad esempio indicando la linea ottimale di movimento all’interno della struttura, i componenti alternativi in caso di esaurimento stock o la scansione automatica degli oggetti o dei codici a barre di spedizione per una gestione migliore dell’inventario. Allo stesso tempo, questi settori possono essere i primi a guidare la trasformazione attraverso l’automatizzazione della blockchain, riducendo alcune attività manuali. Gartner ha, infatti, previsto che la blockchain creerà un valore di business pari a 3,1 trilioni di dollari entro il 2030 e le aziende dovranno iniziare a pensare a come massimizzare la tecnologia.

 



Contenuti correlati

  • I nuovi gate driver intelligenti di Toshiba da Farnell

    Farnell ha annunciato la disponibilità dei nuovi fotoaccoppiatori smart gate driver di Toshiba. La nuova gamma di fotoaccoppiatori comprende i modelli TLP5212 e TLP5222 adatti a un’ampia gamma di applicazioni, tra cui i circuiti inverter utilizzati nelle...

  • Collaborazione fra Nozomi Networks e WALLIX per soluzioni avanzate di cybersecurity

    Nozomi Networks e WALLIX hanno annunciato la loro collaborazione focalizzata sull’offerta di soluzioni in grado di garantire sicurezza nelle reti OT. Combinando le soluzioni WALLIX e Nozomi Networks, è possibile ottenere visibilità e tracciabilità end-to-end per la...

  • Le migliori applicazioni per l’IoT nel nuovo mondo degli IC di power management: una panoramica

    Questo articolo analizza la tecnologia delle batterie per l’Internet of Things (IoT). Descrive alcuni dei problemi di alimentazione che i progettisti devono affrontare e fornisce le soluzioni proposte da Analog Devices. Queste soluzioni sono altamente efficienti e...

  • La quarta edizione del sondaggio sull’IoT di Farnell

    Farnell ha presentato i risultati della sua quarta indagine annuale sull’IoT globale, che evidenzia, fra l’altro, una forte crescita dell’IoT in un’ampia gamma di settori. In particolare, quest’anno si è assistito a un cambiamento radicale nell’atteggiamento verso...

  • Farnell rafforza la partnership con Toshiba

    Farnell ha ampliato la sua partnership globale con Toshiba Electronics Europe con una significativa estensione della linea di prodotti e un aumento delle scorte. La gamma di prodotti Toshiba disponibili presso Farnell crescerà infatti fino a 800...

  • Toshiba estende la collaborazione con MikroElektronika

    Toshiba sta rafforzando il supporto per i progetti di controllo motori tramite il suo ecosistema di partner tecnologici. L’azienda ha infatti esteso la collaborazione con MikroElektronika (MIKROE) introducendo una nuova piattaforma di valutazione, la scheda di sviluppo...

  • La protezione dei circuiti elettronici

    Con la miniaturizzazione dei dispositivi cresce la domanda di circuiti integrati per la protezione da sovratensioni, sovratemperature e correnti eccessive Leggi l’articolo completo su EO 502

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

Scopri le novità scelte per te x