La tuta da lavoro diventa interattiva

La tuta da lavoro che parla è già stata messa a punto e verrà presentata alla fiera A+A, evento cardine in tema sicurezza sul lavoro che mette in contatto oltre 65.000 visitatori con quasi 2.000 espositori, in scena dal 17 al 20 ottobre 2017 a Düsseldorf in Germania

Pubblicato il 6 ottobre 2017

Un sensore inserito nel capo d’abbigliamento da lavoro rileva lo stato di conservazione dell’indumento, monitorandone così lo stato manutentivo per assicurarne l’efficacia protettiva: è la tuta interattiva, presentata alla A+A di Düsseldorf, la più importante fiera internazionale dedicata al tema della sicurezza sul lavoro. Il mercato è interessato, numerose aziende si sono già fatte avanti.

Nell’articolato mondo della sicurezza sul lavoro i D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuale) giocano un ruolo chiave: ecco perché tute, scarpe, mascherine, guanti, soprattutto se indossati in ambienti ad alto rischio e suscettibili di minacciare la sicurezza o la salute del lavoratore, sono sottoposti  a test e certificazioni, quest’ultime rilasciate sulla base di precisi parametri dopo un determinato numero di cicli di lavaggio.

L’innesto della tecnologia può però rendere ancora più efficace la funzionalità di questi indumenti, innalzando ulteriormente il grado di sicurezza del lavoratore: come sapere dunque se un indumento ignifugo, antistatico e multi-protezione è ancora integro, quindi idoneo all’impiego perché rispettoso delle specifiche tecniche per cui è stato progettato e certificato?

Lo rileva un sensore, ossia un tag RFID. Apposite antenne installate nell’ambiente di lavoro rilevano il segnale, monitorano le condizioni di impiego, archiviano i dati sul ciclo di vita dei capi e comunicano ai responsabili della sicurezza designati (RSPP, RLS) informazioni precise relative allo stato di manutenzione ed eventuali anomalie.

Il progetto IoT per la sicurezza sul lavoro è stato ideato e realizzato da tre aziende che hanno messo a fattor comune le proprie competenze e la propria specializzazione: C.B.F. Balducci – produttore e distributore di abiti da lavoro, RFID Global – distributore a valore aggiunto e manufacturer di sistemi RFID ed NFC, ed Airpim – azienda hi-tech di esperti in innovazione tecnologica e sviluppo software che si occupa di Big Data, IoT e Privacy con specializzazione in Identity Management.

«La soluzione proposta aiuta il lavoratore in tante azioni quotidiane, proteggendolo da eventuali rischi di incidenti e infortuni in ambito industriale come ad esempio stabilimenti, raffinerie e acciaierie. Il software viene personalizzato per soddisfare ogni esigenza del cliente. È possibile dotare gli indumenti di dispositivi di protezione della persona sempre più intelligenti ed interattivi, ma soprattutto realizzare strumenti di prevenzione e di soccorso. La tuta può così avvisare chi la indossa del pericolo di schiacciamento, segnalare quando si entra nell’area di manovra di mezzi in movimento come carriponte, lavori svolti in isolamento e quindi con impossibilità di mandare segnali di emergenza qualora necessari o in spazi sospetti di inquinamento», dichiara Tiziano Tresanti, founder e amministrare di Airpim.

«Negli ultimi anni si è assistito ad una scissione tra i concetti di sicurezza attiva e sicurezza passiva: se un comune D.P.I. (indumento da lavoro certificato sia esso di I, II o III categoria) si limita a proteggere l’utilizzatore in caso di incidente (sicurezza passiva), gli studi odierni stanno tutti puntando nella direzione di un abbigliamento in grado di prevenire, addirittura, l’incidente dialogando in modo costante con l’ambiente di lavoro (sicurezza attiva). Un utilizzo crescente di queste tecnologie ridurrà nel medio periodo in modo significativo il numero di infortuni gravi sul posto di lavoro», ha spiegato Michele Rossi, export manager di C.B.F. Balducci.

«Alla fiera A+A creeremo l’intera filiera collaborativa della tecnologia RFID, per meglio esprimere così il concetto di valore: partendo dai bisogni espressi da C.B.F. Balducci, abbiamo così analizzato la configurazione RFID ideale, ossia quali reader, antenne e tag rispondono al meglio a dette aspettative, sfruttando sapientemente le doti tecniche e quindi prestazionali dell’RFID, tra cui la rilevazione automatica del tag, ossia senza alcun intervento volontario del lavoratore. Grazie al know-how del nostro Partner Airpim, il dato così raccolto viene intrecciato con altri dati, trasformandosi in preziosa informazione per la sicurezza del lavoratore!» conclude Paola Visentin, responsabile marketing in RFID Global.

Per meglio esprimere tutti questi pensieri, Airpim mette in scena allo stand F34-6 / Padiglione 3 una demo con tecnologia RFID in banda UHF: transitando nelle vicinanze del varco, la tuta, dotata di tag RFID, viene rilevata in automatico, generando così la trasmissione di informazioni e di eventuali allert in caso di anomalie.

 



Contenuti correlati

  • La nuova antenna Locfield per RFID

    Il distributore a valore aggiunto RFID Global ha annunciato la disponibilità dell’antenna RFID Locfield in banda UHF. Essendo basata su un cavo coassiale, questa antenna permette di adattare facilmente la sua forma potendo essere sagomata ad hoc...

  • Programmare i driver LED tramite RFID

    Il distributore RFID Global ha annunciato la conformità di una serie di device RFID in banda HF ed NFC allo standard Zhaga Book 24 e 25, permettendone l’impiego per applicazioni indoor e outdoor di illuminazione LED. Ecco...

  • SPAD.U: tracciabilità RFID più evoluta

    Il distributore a valore aggiunto RFID Global ha annunciato la disponibilità del desktop reader Spad.U prodotto da FEIG Electronic. Questo pad reader è in formato A4 e integra 2 antenne per lo scambio dati contactless con tag...

  • RFID Global ha presentato il nuovo RFID Pad Reader R3

    RFID Global, una business unit del Gruppo Softwork, ha presentato il dispositivo desktop RFID R3 prodotto da Chainway, di cui è distributore in Italia. R3 è il pad reader RFID formato A4 che opera nella banda UHF,...

  • RFID Global acquisisce la distribuzione di Chainway per l’Italia

    RFID Global, Business Unit del Gruppo Softwork, annuncia l’ingresso nel proprio parco prodotti del brand Chainway. Per l’azienda bresciana, dedicata alla distribuzione a valore aggiunto di sistemi RFID ed NFC, il contratto di distribuzione per l’Italia, firmato...

  • Al via il contest per valorizzare le sfide professionali dei giovani

    Come Partner di Sfida Italia 4.0, il Digital Innovation Hub alle porte di Brescia, RFID Global annuncia l’avvio del contest Hard Work Challenge. Il concorso è finalizzato al racconto, alla promozione e messa in luce di sfide...

  • Contrinex: tag RFID per applicazioni ad alta temperatura

    Contrinex ha aggiunto alla serie di tag UHT per le applicazioni ad altissime temperature un nuovo transponder con capacità di archiviazione notevolmente accresciuta. Il tag RTP-0502-062 dispone di 2 kilobyte di memoria FRAM. In grado di resistere...

  • RFID Global: nuovo sistema RFID all-in-one per la gestione smart della raccolta rifiuti

    RFID Global  arricchisce le proposte tecnologiche con la new entry RedWave Oberon 350, il sistema RFID all-in-one appositamente progettato e realizzato dal Dipartimento R&S per la raccolta dati automatica e veicolare nel settore dei rifiuti. Il sistema RFID...

  • I tag RFID interfacciabili con sensori supportano la registrazione dei dati wireless

    ams ha presentato i tag RFID interfacciabili con sensori di ultima generazione, che offrono nuove soluzioni per applicazioni mediche e di sicurezza per il settore automotive, oltre che per tutte le applicazioni in cui sono necessari dati...

  • Fujitsu Semiconductor: chip per tag RFID ad alta frequenza

    Fujitsu Semiconductor Europe (FSEU) ha ampliato la gamma di chip FerVID per tag RFID con la serie MB89R112 dotata di memoria ferroelettrica (FRAM) che offre elevata velocità di scrittura, riscrittura in alta frequenza,...

Scopri le novità scelte per te x