Intervista a Achille Montanaro, regional sales manager South Europe, Italy & Israel, Altera

Dalla rivista:
Elettronica Oggi

 
Pubblicato il 15 aprile 2013

D: Qual è la sua opinione riguardo l’andamento del mercato?
R: Una delle tendenze che si possono osservare nel settore degli FPGA è la crescente “antipatia” nei confronti dei costi che è necessario sostenere a causa degli errori che vengono fatti nella progettazione dei sistemi della prossima generazione. Questo trend non fa altro che accelerare la migrazione verso sistemi basati su FPGA che sono in grado di compensare questo rischio. I progettisti possono infatti modificare i design basati su FPGA sul campo oppure “al volo” piuttosto che ripartire con un nuovo progetto nel momento in cui cambiano i requisiti di sistema. Un approccio di questo tipo comporta meno rischi rispetto a quelli associati all’uso di circuiti ASIC o ASSP.

Quello degli FPGA è sicuramente uno dei settori caratterizzati dai più elevate tassi di crescita dell’intero comparto dei semiconduttori e, tradizionalmente, è in competizione con i circuiti ASIC a funzioni fisse nel momento in cui si tratta di decidere la soluzione da adottare per lo sviluppo dei nuovi sistemi elettronici. Poiché il costo dei progetti che prevedono l’uso di ASIC è cresciuto drasticamente negli ultimi anni, il numero dei design che possono utilizzare componenti realizzati con i nodi tecnologici più recenti restando competitivi in termini di costo sono un numero estremamente ridotto.

Ne consegue che molti progetti ASIC che iniziano ora sfruttano tecnologie datate. Per contro un unico FPGA caratterizzato da un elevato livello di flessibilità può supportare un’ampia gamma di applicazioni: in tal modo l’incremento dei costi di sviluppo è distribuito tra migliaia di clienti e tra differenti mercati verticali. Vista la possibilità di utilizzare FPGA realizzati con le più recenti tecnologie di processo, questi ultimi si stanno proponendo come un’alternativa sempre più interessante in termini di costi e di prestazioni, senza dimenticare la riduzione dle time-to-market, da sempre uno dei “cavalli di battaglia” degli FPGA.

D: Quali sono le principali strategie adottate dalla vostra società nel breve/medio periodo per soddisfare al meglio le richieste di questo mercato?
R: Per venire incontro alle esigenze dei clienti stiamo perseguendo una strategia che prevede l’integrazione di un numero sempre maggiore di funzioni a livello di sistema nei nostri FPGA. Per questo motivo nei nostri dispositivi sono inclusi in misura crescente blocchi funzionali sotto forma di cache e CPU multicore basate su celle, controllori di bus e DRAM, interfacce seriali ad alta velocità, percorsi dati per l’elaborazione del segnale e blocchi RAM (BRAM). Tutte queste funzioni integrate tendono a esaltare il ruolo dell’FPGA all’interno di un sistema, in quanto permettono agli utilizzatori di riunire più funzionalità del sistema in un singolo dispositivo, diminuendo nel contempo i costi del sistema stesso a fronte di un incremento delle prestazioni. Allo stesso tempo siamo impegnati ad aumentare la produttività dei progettisti mettendo a disposizione i tool di sviluppo, i blocchi IP e le risorse necessarie per la progettazione con FPGA.

D: In che modo state implementando queste strategie?
R: La capacità logica degli FPGA è cresciuta in maniera esponenziale nel corso degli anni, in modo da attirare l’attenzione di una platea sempre più vasta di progettisti di sistemi. Gli odierni FPGA da 28 nm sono caratterizzati da un livello di integrazione dieci volte superiore rispetto ai dispositivi di un decennio fa. Altera ha integrato in maniera progressiva sempre più funzioni all’interno dei propri chip: dalle memorie negli anni ‘90 per arrivare ai transceiver multi-gigabit, ai blocchi per l’elaborazione digitale del segnale e a un’ampia gamma di blocchi IP (Intellectual Property) specialistiche: nei nostri FPGA di più recente introduzione realizzati in tecnologia da 28 nm sono presenti core microprocessore ARM di tipo hard. Grazie a questa integrazione, il ruolo dell’FPGA all’interno di un sistema è cresciuto enormemente.

Alcuni dei nostri investimenti più significativi sono stati effettuati nell’area dei tool per lo sviluppo di sistemi, in modo da incrementare la produttività dei progettisti e consentire agli utenti che non hanno familiarità con gli FPGA di sfruttare le potenzialità delle nostre architetture su silicio. Gli investimenti più recenti sono stati quelli nell’area dei tool per l’integrazione di sistema e di OpenCL. Grazie a questi investimenti abbiamo dato la possibilità agli utenti di utilizzare senza problemi i nostri sistemi ad alto grado di integrazione.

Sul fronte del silicio continuiamo a investire nella tecnologia dei circuiti integrati: integrazione tri-dimensionale, processi avanzati e metodologie innovative di progettazione dei chip sono solo alcuni tra i numerosi settori della nostra attività di R&D. Tutti questi investimenti sono finalizzati a garantire agli sviluppatori di sistemi la disponibilità delle risorse più avanzate in grado di soddisfare le loro esigenze specifiche, garantendo ai sistemi da loro realizzati un vantaggio competitivo misurabile sul mercato.

D: Quali sono le previsioni a medio/lungo termine?
R: L’evoluzione più significativa nel settore degli FPGA e rappresentata dai nostri SoC FPGA che integrano all’interno della struttura programmabile un processore dual core ARM Cortex-A9. Le nostre prime soluzioni SoC sono rappresentate dalle serie Cyclone V SoC e Arria V SoC, entrambe realizzate con un processo da 28 nm avanzato. Per questi SoC si apre un mercato decisamente interessante, ovvero quello dei processori embedded, che può essere stimato in 9 miliardi di dollari. Siamo consapevoli del fatto che gli utilizzatori hanno investito notevoli risorse nello sviluppo di blocchi IP legacy attorno ad architetture di processore: la disponibilità di architetture di processore molto diffuse rende più appetibile l’integrazione nei dispositivi SoC di Altera.
Sul lungo termine, il livello di integrazione degli FPGA sarà ancora maggiore. Grazie ai package 3D sarà possibile l’inclusione di altre tecnologie (ASIC, memorie), unitamente a un FPGA, in un unico dispositivo.

A cura della redazione



Contenuti correlati

  • Le innovative applicazioni dei dispositivi programmabili FPGA-SoC

    Questo articolo è una panoramica sulle nuove funzionalità FPGA e le risorse SoC in applicazioni come il posizionamento indoor, l’ottimizzazione di algoritmi utilizzando sistemi operativi, codici di ottimizzazione, reti definite da software e nuove piattaforme di elaborazione...

  • Logiche programmabili e tool

    In termini generali, l’espressione “logica programmabile” si estende a numerose tipologie di dispositivi, anche ai più semplici PLD (Programmable Logic Device). Nati dall’evoluzione dei primi componenti programmabili, come PLA, PAL e GAL, questi dispositivi hanno progressivamente aumentato...

  • Design Solutions Network di Altera: una rete di esperti in progettazione con Fpga

    Altera, che come è noto ora parte integrante di Intel, ha annunciato il lancio di DSN (Design Solutions Network), un ecosistema globale che riunisce all’interno di un unico programma una rete composta da aziende che forniscono servizi...

  • Da Altera i primi dispositivi SiP eterogenei con una DRAM HBM2 e un FPGA integrati

    Altera ha annunciato le caratteristiche salienti dei primi dispositivi SiP che integrano una memoria a elevata ampiezza di banda (HBM2 – High-Bandwidth Memory) di tipo stacked (impilata) sviluppata da SK Hynix e i SoC e gli FPGA...

  • Il nuovo software Quartus Prime di Altera migliora il processo di progettazione con FPGA e SoC FPGA

    Con il rilascio del software di progettazione Quartus Prime,  Altera Corporation ha notevolmente migliorato la produttività in fase di design per una nuova generazione di dispositivi logici programmabili. Il nuovo ambiente software è realizzato a partire dal...

  • Altera propone i forum per gli sviluppatori dei suoi SoC FPGA

    Altera ha annunciato il lancio di una nuova iniziativa denominata ASDF (Altera SoC Developers Forum) articolata su tre eventi che si terranno nella Silicon Valley, a Francoforte (Germania) e a Shenzhen (Cina) e vedranno riuniti partner, sviluppatori...

  • Altera: nuovo kit per FPGA per la serie MAX 10

    Altera ha annunciato la disponibilità del kit NEEK (Nios II Embedded Evaluation Kit) di seconda generazione che abbina un FPGA di tipo non volatile della serie MAX 10 con il processore embedded di tipo soft-core Nios II....

  • Altera integra un controllo digitale avanzato nei PowerSoC Enpirion

    Altera ha  siglato un accordo di licenza con ZMDI (Zentrum Mikroelektronik Dresden AG), azienda con sede in Germania specializzata nello sviluppo di dispositivi a semiconduttore analogici e a segnali misti. In base all’intesa raggiunta, Altera sfrutterà l’innovativa...

  • Altera: SoC Arria10 per raddoppiare la durata di una flash NAND

    Altera ha annunciato lo sviluppo di un design di riferimento per applicazioni di storage basato sui SoC della linea Arria 10 che permette di raddoppiare la durata di una flash NAND e incrementare fino a sette volte...

  • Altera aderisce al programma Open Platform for NFV

    Altera Corporation ha annunciato la propria adesione a Open Platform for NFV (OPNFV), una piattaforma di riferimento di tipo open source supportata dal mondo industriale per la virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV – Network Function Virtualization)....

Scopri le novità scelte per te x