Intel investe in nuove fabbriche in Arizona

Pubblicato il 26 marzo 2021

Per tre decenni una buona parte dei prodotti in qualche modo legati alla tecnologia sono stati prodotti in Cina. Il Paese asiatico ha rivitalizzato molte aree, come Shenzen e Nanchino, investendo in fabbriche di semiconduttori e nella produzione di prodotti high-tech. I maggiori Odm (Original Device Manufacturer) di Taiwan (come Foxcom) hanno spostato gran parte della loro produzione in Cina a causa del basso costo del lavoro.

Ora, complici i ben noti attriti geopolitici e tariffari, la Cina ha iniziato a perdere “appeal”, in special modo per le aziende a stelle e strisce. Parecchi produttori di PC come Dell e HP hanno iniziato a chiedere agli ODM di realizzare impianti di produzione e assemblaggio fuori dalla Cina.

Il problema dei chip

Il “cuore” della totalità dei prodotti high tech è rappresentato dai semiconduttori, che sempre trent’anni fa erano prodotti in buona parte dagli Stati Uniti e ora sono fabbricati quasi esclusivamente in Cina e nei Paesi asiatici. Basti considerare il fatto che nel corso dell’ultimo decennio la taiwanese Tsmc ha il 55% di market share nella produzione di semiconduttori (fonte Trendforce.com ) e tra i clienti della fonderia vi sono aziende del calibro di AMD, Apple e Qualcomm. Per quanto concerne gli Stati Uniti, se nel 1990 producevano il 37% del fabbisogno di chip a livello mondiale, oggi questa percentuale è scesa al 12%. Vi è anche un altro aspetto da considerare: appena insediato, Joe Biden ha ricevuto una lettera da parte dei big dell’industria dei semiconduttori, coordinati da Sia (Semiconductor Industry Association) in cui viene evidenziata l’importanza strategica dei semiconduttori in settori chiave – trasporti, comunicazioni, energia solo per citarne alcuni – e la necessità di assicura l’indipendenza produttiva.

IDM 2.0: la mossa di Intel

Oltre all’annuncio delle fabbriche che saranno realizzate da Tmsc in Arizona e da Samsung ad Austin (Texas), è giunta ora l’annuncio di Intel relativa alla costruzione di due nuove fab sempre in Arizona. Tutte queste quattro fabbriche saranno operative nel 2023 e daranno l’avvio al processo di finalizzato a riportare buona parte della produzione dei chip negli Stati Uniti. Durante il webcast “Intel Unleashed: Engineering the Future“, il nuovo CEO di Intel Pat Gelsinger ha annunciato la strategia IDM (Integrated Device Manufacturing) 2.0 che prevede un investimento di 20 miliardi di dollari per due fabbriche in Arizona, la creazione della divisione IFS (Intel Foundry Services), lo sviluppo dei processori a 7 nanometri e una nuova collaborazione con IBM.

Il nuovo modello IDM 2.0 è la combinazione di tre componenti che permetteranno ad Intel di progettare e realizzare i prodotti, conservando la leadership del settore. Il primo è da Internal Factory Network, dove con questo termine viene indicata la produzione interna della maggioranza dei processori. Il secondo pezzo della strategia IDM 2.0 è denominato External Foundries, che prevede l’incremento dell’uso di fonderie esterne. Infine è prevista la creazione della nuova divisione Intel Foundry Services che svilupperà chip x86, ARM e RISC-V per clienti esterni. Da ultimo ìl’eredità del popolare IDF (Intel Developer Forum), non più organizzato dal 2016, verrà raccolta da Intel On (il primo è previsto ad ottobre).

Filippo Fossati



Contenuti correlati

  • Una soluzione di virtualizzazione dei relè di protezione

    La collaborazione fra Advantech, Intel e VMware apre la strada alla modernizzazione della rete con relè di protezione virtualizzati Leggi l’articolo completo su Embedded 84

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Intel inaugura l’espansione della sua fabbrica in Oregon

    Intel ha recentemente inaugurato l’espansione di D1X, la sua fabbrica da 3 miliardi di dollari a Hillsboro, in Oregon. Durante la cerimonia il CEO di Intel, Pat Gelsinger, ha evidenziato l’impatto positivo dell’azienda in Oregon e ha...

  • Le nuove specifiche ATX 3.0 di Intel

    Intel ha presentato le nuove specifiche per gli alimentatori ATX 3.0 e ha inoltre rivisto la specifica ATX12VO aggiornando le linee guida per la realizzazione di PSU (Power Supply Unit) e schede madri che limitano l’assorbimento di...

  • Intel sospende le sue operazioni in Russia

    Intel, dopo l’interruzione delle consegne ai clienti di Russia e Bielorussia nei primi giorni di marzo, ha annunciato la sospensione di tutte le sue operazioni commerciali in Russia. La notizia è stata affidata a un comunicato che...

  • I progetti di Intel per l’Europa e l’Italia

    Intel ha annunciato che intende investire fino a 80 miliardi di euro nell’Unione Europea nel prossimo decennio. Questo investimento riguarderà tutta la catena del valore dei semiconduttori, dalla ricerca e sviluppo (R&S) alla produzione, alle tecnologie di...

  • ESET e Intel insieme per migliorare la sicurezza degli endpoint usando la GPU

    ESET ha stretto una partnership con Intel per l’integrazione della tecnologia Intel Threat Detection Technology (TDT) nella sua suite tecnologica di cybersecurity multilivello. “Questa collaborazione porta a un livello superiore la protezione dal ransomware grazie all’integrazione della...

  • Moxa collabora con Intel e Port Industrial Automation per la nuova generazione di reti TSN

    Moxa ha annunciato una collaborazione con Intel Corporation e Port Industrial Automation per sviluppare una piattaforma che dimostri la prima soluzione di networking TSN avanzata da applicazione ad applicazione. Questa soluzione è caratterizzata dalla combinazione di una...

  • Intel vende le attività SSD e NAND a SK hynix

    Intel Corporation ha annunciato di aver completato la prima fase della vendita alla coreana SK hynix (l’accordo è stato annunciato il 19 ottobre 2020) delle sue attività relative a NAND  SSD, con la cessione delle attività SSD...

  • Intel potrebbe realizzare una fabbrica di chip in Italia

    Secondo alcune indiscrezioni provenienti da tre fonti contattate da Reuters, Intel potrebbe aprire una fabbrica di semiconduttori in Italia. Gli esperti, del resto,  sottolineano che Pat Gelsinger, CEO di Intel, aveva  già fatto dichiarazioni in merito a...

Scopri le novità scelte per te x