Intel cambia strategia

Il più famoso produttore di chip del mondo punta a trasformarsi in una società capace di trarre profitto da settori in forte crescita come il cloud o l' IoT (internet degli oggetti). Intanto per realizzare la metamorfosi taglia 12mila posti di lavoro

Pubblicato il 11 maggio 2016

Per il Ceo Brian Krzanich, quello che Intel si appresta a vivere è un cambiamento epocale. Il numero uno dei chip ha infatti annunciato che la società interromperà la vendita di CPU per PC e server a basso costo. Frenerà inoltre su smartphone, segmento dove faticava a recuperare il suo ritardo rispetto ai concorrenti, e tablet, abbandonando i progetti di SoC (System on Chip) Broxton e SoFIA. Il motivo?

Concentrarsi su business più profittevoli e promettenti, su cinque pilastri su cui costruire il futuro del gruppo. L’azienda punterà innanzitutto sul cloud, sulle memorie e su potenti processori orientati ai datacenter. In secondo luogo l’azienda scommetterà sull’Internet degli oggetti e la domotica quotidiana, cioè l’interconnessione di tutti gli apparecchi utilizzati da uno stesso individuo.

Intel intende anche potenziarsi su soluzioni programmabili FPGA e, inoltre, crescere nel segmento della trasmissione wireless di prossima generazione 5G. Infine, Intel continuerà a investire in R&D (ricerca e sviluppo) per migliorare continuamente i propri prodotti. Per Krzanich il gruppo realizzerà una vera metamorfosi, che tuttavia richiederà grande sacrificio prima di portare i suoi frutti.

Non a caso la multinazionale di Santa Clara ha annunciato che taglierà ben 12mila posti di lavoro, pari all’11% della forza lavoro globale del gruppo. “È una mossa necessaria – ha spiegato il numero uno di Intel – non solo per ridurre i costi, ma anche per favorire gli investimenti nelle aziende che stanno crescendo”.

Prova ne è il fatto che Intel ha recentemente acquistato la società pisana Yogitech, specializzata in hardware e software utilizzati nel segmento della sicurezza elettronica. Con questa operazione il gruppo americano spera di poter presidiare un settore di mercato a elevata crescita e alta redditività.

“La scelta di investire nella sicurezza informatica è senza dubbio un fatto positivo per Intel che, allo stesso tempo, ha anche deciso di migliorare la sua performance riducendo i costi – spiega un analista di una banca americana –Le riorganizzazioni non sono mai facili, ma, se ben riuscite, sono la base di un nuovo successo”.

Insomma, le chiavi del futuro di Intel sono nelle mani di Krzanich, che dovrà intuire dove la tecnologia sta andando e posizionarsi per restare leader di mercato.

Nella foto: Brian Krzanich, Ceo di Intel

Federico Filocca



Contenuti correlati

  • Bilanciamento tra consumi e prestazioni nei sistemi embedded

    Questo articolo mette in evidenza l’importanza degli FPGA come elementi in grado di supportare l’evoluzione delle tecnologie di prossima generazione, capaci di garantire prestazioni efficienti dal punto di vista energetico in molte nuove applicazioni caratterizzate da alti...

  • Una soluzione di virtualizzazione dei relè di protezione

    La collaborazione fra Advantech, Intel e VMware apre la strada alla modernizzazione della rete con relè di protezione virtualizzati Leggi l’articolo completo su Embedded 84

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Intel inaugura l’espansione della sua fabbrica in Oregon

    Intel ha recentemente inaugurato l’espansione di D1X, la sua fabbrica da 3 miliardi di dollari a Hillsboro, in Oregon. Durante la cerimonia il CEO di Intel, Pat Gelsinger, ha evidenziato l’impatto positivo dell’azienda in Oregon e ha...

  • Le nuove specifiche ATX 3.0 di Intel

    Intel ha presentato le nuove specifiche per gli alimentatori ATX 3.0 e ha inoltre rivisto la specifica ATX12VO aggiornando le linee guida per la realizzazione di PSU (Power Supply Unit) e schede madri che limitano l’assorbimento di...

  • I principali vantaggi degli FPGA rispetto alle MCU

    Nel momento in cui si accingono a sviluppare un nuovo sistema elettronico, i progettisti devono prendere una miriade di decisioni; una delle più cruciali è quella riguardante l’architettura del sistema e i dispositivi a semiconduttore impiegati per...

  • Intel sospende le sue operazioni in Russia

    Intel, dopo l’interruzione delle consegne ai clienti di Russia e Bielorussia nei primi giorni di marzo, ha annunciato la sospensione di tutte le sue operazioni commerciali in Russia. La notizia è stata affidata a un comunicato che...

  • I progetti di Intel per l’Europa e l’Italia

    Intel ha annunciato che intende investire fino a 80 miliardi di euro nell’Unione Europea nel prossimo decennio. Questo investimento riguarderà tutta la catena del valore dei semiconduttori, dalla ricerca e sviluppo (R&S) alla produzione, alle tecnologie di...

  • Schede di sviluppo: passato, presente e tendenze per il futuro

    Negli ultimi anni, il significato dell’espressione “scheda di sviluppo” si è perso in una miriade di termini utilizzati per descrivere le schede hardware impiegate nello sviluppo, ad esempio “schede demo”, “kit di valutazione” e “design di riferimento”...

  • ESET e Intel insieme per migliorare la sicurezza degli endpoint usando la GPU

    ESET ha stretto una partnership con Intel per l’integrazione della tecnologia Intel Threat Detection Technology (TDT) nella sua suite tecnologica di cybersecurity multilivello. “Questa collaborazione porta a un livello superiore la protezione dal ransomware grazie all’integrazione della...

Scopri le novità scelte per te x