Il Power Lab di ROHM assiste i progetti con componenti di potenza

Il nuovo laboratorio per l’elettronica di potenza presentato a Willich, vicino Düsseldorf, punta a migliorare il supporto tecnico ai clienti, che in fase di sviluppo devono affrontare la complessità dei requisiti di sistema richiesti nelle moderne applicazioni

Pubblicato il 20 febbraio 2018

Il “Power Lab”, un nuovo laboratorio europeo di 300 metri quadrati di superficie, dedicato all’analisi dei componenti e sistemi di potenza, è stato ufficialmente presentato i primi di febbraio da ROHM Semiconductor nella sede tedesca di Willich, vicino Düsseldorf.

Aly Mashaly, direttore del Power Lab e manager del dipartimento Power Systems di ROHM

Il nuovo laboratorio servirà, come ha precisato anche Aly Mashaly, direttore del Power Lab e manager del dipartimento Power Systems della società, a fornire un miglior supporto tecnico locale a livello applicativo ai clienti europei di ROHM, che in questa sede hanno anche la possibilità di collaudare, verificare e valutare in prima persona le caratteristiche e prestazioni dei componenti. A tale scopo, il laboratorio è stato equipaggiato con diversi banchi di test, sviluppati e progettati sulla base dei requisiti stabiliti da ROHM in termini di scalabilità e flessibilità in rapporto a future modifiche.

Tra gli obiettivi, potenziare l’usabilità, rendendo i prodotti e sistemi più facili da adottare, ma anche avvicinare maggiormente i prodotti stessi alle necessità e ai requisiti degli utenti, ed eseguire i test in condizioni applicative reali. “Vorremmo ridurre il tempo di sviluppo e supporto ai clienti” ha dichiarato Mashaly, sottolineando comunque che i requisiti di qualità e safety restano la principale priorità: per questo, i banchi di test utilizzano attrezzature di laboratorio allo stato dell’arte, necessarie per caratterizzare a livello elettrico tutti i semiconduttori, che in quest’area comprendono vari componenti, tra cui MOSFET di potenza tradizionali, IGBT, gate driver, e diodi e MOSFET SiC (silicon carbide) in carburo di silicio, solo per citarne alcuni, con tensioni che possono arrivare fino a 8000 VDC.

Tutti componenti di potenza che, sempre più, vengono integrati in varie applicazioni, dai veicoli elettrici, alle infrastrutture di ricarica, ai macchinari industriali, agli impianti solari ed eolici, agli elettrodomestici bianchi, che devono risultare conformi a determinati requisiti di efficienza energetica, da collaudare e validare ad ogni stadio del processo di sviluppo, spiega Mashaly.

Il Power Lab di ROHM

Partnership con Venturi sui componenti SiC

Nell’esprimere soddisfazione per la capacità di assistere i clienti europei  nei loro progetti, attraverso un laboratorio dotato di attrezzature allo stato dell’arte, Christian André, presidente di ROHM Europe, ha sottolineato che l’investimento nel Power Lab mostra anche la determinazione della società di essere uno dei maggiori fornitori di tecnologie basate su SiC e silicio, per componenti di potenza discreti e integrati, che intende giocare un ruolo importante in questo mercato in espansione.

ROHM sta inoltre collaborando con Venturi Automobiles nel campionato del mondo Formula E, dedicato ai veicoli totalmente elettrici: la partnership punta a trovare il modo migliore di sfruttare l’energia della batteria, e qui la soluzione viene fornita dalla nuova tecnologia di ROHM per i semiconduttori di potenza, basata su carburo di silicio (SiC), e finalizzata a ridurre le dimensioni dei sistemi EV, le perdite di potenza, e ad aumentare la resistenza termica dell’inverter.

Giorgio Fusari



Contenuti correlati

  • Nuovo gate driver per gli inverter dei veicoli elettrici da Renesas

    RAJ2930004AGM è un nuovo gate driver di Renesas Electronics utilizzabile per pilotare dispositivi di potenza ad alta tensione come gli IGBT e i MOSFET SiC per gli inverter dei veicoli elettrici. Il nuovo gate driver integra un...

  • Nuovo direttore responsabile dell’ATSC europeo di ROHM

    ROHM ha nominato Aly Mashaly direttore responsabile dell’Application and Technical Solution Center (ATSC) europeo. Mashaly subentra a Günter Richard, che è andato in pensione dopo 32 anni di servizio, e l’incarico è effettivo dal primo gennaio. Aly...

  • I MOSFET SiC di ROHM di quarta generazione per gli inverter Hitachi Astemo

    I nuovi MOSFET SiC di quarta generazione e i gate driver di ROHM  sono stati scelti da Hitachi Astemo, azienda che sviluppa da diversi anni tecnologie avanzate per motori e inverter per veicoli. I MOSFET SiC di...

  • Nuovo MOSFET di ROHM per dispositivi piccoli e sottili

    ROHM ha sviluppato un MOSFET a canale N da 20 V caratterizzato da una elevata efficienza e particolarmente compatto, il modello RA1C030LD. Questo nuovo componente è ottimizzato per la commutazione in dispositivi piccoli e sottili, compresi smartphone...

  • Partnership fra Mouser Electronics e DS PENSKE per la nona stagione della Formula E

    Mouser Electronics ha annunciato il supporto al gruppo PENSKE AUTOSPORT e al nuovo team di Formula E DS PENSKE. Per la prossima nona stagione del ABB FIA Formula E World Championship, il gruppo PENSKE AUTOSPORT si unirà...

  • Nuovi resistori di shunt da ROHM

    LTR10L è la sigla dei nuovi resistori di shunt wide terminal di ROHM, componenti ottimizzati per svariate applicazioni nei settori automotive, industriale e consumer. L’azienda ha anche aggiunto alla sua offerta due serie di resistori di shunt...

  • ROHM sviluppa un chip AI edge a bassissimo consumo

    ROHM  ha sviluppato un chip AI di apprendimento on-device per gli endpoint edge nel campo dell’IoT. Questo componente utilizza l’intelligenza artificiale per prevedere i guasti (rilevamento predittivo dei guasti) in tempo reale nei dispositivi elettronici dotati di...

  • ROHM, Mazda e Imasen firmano un accordo congiunto

    ROHM  ha firmato un accordo di sviluppo congiunto con Mazda Motor Corporation (Mazda) e Imasen Electric Industrial, (Imasen) per inverter e moduli di potenza con tecnologia SiC da utilizzare nelle unità di azionamento dei veicoli elettrici, incluso...

  • Raffreddamento sul lato superiore per i nuovi MOSFET di onsemi

    Presso lo stand onsemi, a electronica 2022, i visitatori possono vedere i nuovi dispositivi MOSFET con raffreddamento sulla parte superiore concepiti per semplificare il lavoro dei progettisti che sviluppano applicazioni particolarmente complesse in campo automotive, come il...

  • GaN e silicio: la sfida

    La tecnologia GaN continuerà a migliorare in termini di prestazioni e costi, mentre i consolidati MOSFET al silicio non possono evolversi di molto, perché i limiti del cristallo di silicio sono stati raggiunti diversi anni fa   ...

Scopri le novità scelte per te x