IC analogici: Texas Instruments ancora al top

Pubblicato il 4 giugno 2021

E’ un dato di fatto che i componenti analogici restano un componente critico in quasi tutti gli odierni sistemi digital-centric. Praticamente tutti i dispositivi utilizzati in qualsiasi comparto – consumer, informatico, delle comunicazioni, automotive, industriale, medicale – utilizzano componenti analogici per gestire i consumi di potenza e aumentare la durata della batteria nei dispositivi portatili.

Nell’ultimo aggiornamento del suo “2021 McClean Report” IC Insights ha stilato la classifica dei 10 principali costruttori di integrati analogici. Complessivamente, le 10 aziende della “top ten” hanno fatto registrare un fatturato di 35,4 miliardi di dollari, che rappresenta il 62% del mercato totale dell’elettronica analogica, valutato in 57 miliardi di dollari.

 Il primato di TI

 Il leader del settore è ancora una volta Texas Instruments, con una quota di mercato del 19% e vendite pari a 10,9 miliardi di dollari, in aumento di 650 milioni di dollari (6%) rispetto al 2019. Per l’azienda l’analogica vale il 75% del fatturato prodotto dalla vendita di semiconduttori, che nel 2020 è stato pari a 14,5 miliardi di dollari. L’anno scorso circa la metà dei dispositivi analogici della multinazionale di Dallas sono stati prodotti a partire da wafer da 300 mm e ciò ha consentito risparmi dell’ordine del  40% per i componenti a livello di die e del 20% per quelli già integrati nel package e testati, rispetto all’uso dei wafer da 200 mm. Grazie a questi risparmi TI ha annunciato la realizzazione di una fabbrica per wafer da 300 mm a Richardson (Texas) per supportare la futura crescita dei componenti analogici. Questa nuova fab dovrebbe essere operativa nel 2022.

Lo sprint di Skyworks

Alle spalle di Texas Instruments troviamo Analog Device, le cui vendite sono ammontato a 5,1 miliardi di dollari (-1%) che rappresentano il 9% del mercato. Nel 2020 i prodotti della società sono stati utilizzati per la maggior parte nel settore industriale (53%), seguito da quelli della comunicazione (21%), automotive (14%) e consumer (11%).

Sul gradino più basso del podio si è posizionata Skyworks Solutions, azienda specializzata nella realizzazione di moduli front end e amplificatori di potenza per handset e smartphone, dispositivi SoC e SiP per infrastrutture wireless, chip per la gestione della potenza, componenti analogici di precisione, circuiti integrati e moduli per Wi-Fi e integrati per ZigBee e Bluetooth utilizzati nel settore “smart energy”.

L’eccezionale crescita (+24%) fatta registrare da Skyworks è in larga misura ascrivibile al forte incremento della domanda di prodotti per la connettività wireless, abbinata all’inizio dei cicli di aggiornamento tecnologico che comprendono le soluzioni per 5G e Wi-Fi 6. I dispositivi della società hanno rivestito un ruolo importante nel lancio degli smartphone 5G di Samsung, Oppo, Vivo, Xiaomi e altri produttori di prima fascia.

Il ruolo delle europee

I tre principali fornitori di circuiti integrati in Europa – Infineon, ST e NXP — sono presenti nella classifica delle top ten e detengono complessivamente una quota di mercato del 17% (un punto percentuale in meno rispetto al 2019). Infineon si è classificata al 4° posto, in vendite pari a 3,8 miliardi di dollari (+2%): la presenza del colosso tedesco è molto forte nel settore automotive (che rappresentano il 41% delle vendite del 2020) e in quello della sensoristica e della potenza (31% delle vendite). Gli integrati analogici di Infineon trovano applicazione anche nei comparti del controllo della potenza industriale (16%) e della sicurezza dei dispositivi connessi (11%).

Al  5° posto si è piazzata ST, le cui vendite sono calate dell’1% rispetto al 2019. I dispositivi analogici della multinazionale italo-francese sono impiegati in applicazioni di controllo motore (driver per motori, anche nelle versioni ad alta tensione), automazione (commutatori di potenza “intelligenti” e gestione dell’energia (integrai per la comunicazione powerline). Al 6° posto, con un fatturato di 2,5 miliardi di dollari, troviamo NXP, che sta ottenendo lusinghieri risultati nel settore automotive. I prodotti della società sono componenti essenziali di sistemi quali LiDAR, reti a bordo veicolo e 5G.

Filippo Fossati



Contenuti correlati

  • LiDAR, un mercato in buona salute

    Nonostante la pandemia che ha rallentato i piani di investimento in alcuni settori, lo scomparto dei sistemi LiDAR dovrebbe fare registrare un incremento del 34% su base annua nel periodo compreso tra il 2020 e il 2025....

  • Sensori induttivi di posizione: 11 miti da sfatare

    Un’analisi di alcuni luoghi comuni sui sensori induttivi di posizione e un confronto con altre tipologie di sensori, come quelli a effetto Hall e i sensori magneto-resistivi.   Leggi l’articolo completo su EO 488    

  • Da Analog Devices un regolatore µModule da 25A che supporta la ridondanza N+1

    Analog Devices ha annunciato LTM4645, un regolatore µModule (power module) step-down sincrono da 25A. Questo regolatore è in grado di condividere la corrente tra più dispositivi e almeno un LTM4645 può essere utilizzato come backup per garantire...

  • Analog vs Digital, the Power struggle continues

    If you are a power supply design engineer or an EE or ASE that selects power solutions for your end system, then there is no doubt you have stood at the cross roads and pondered the dilemma...

  • 2014 Outlook: Being in the Right Markets at the Right Time Matters

    Author: Lothar Maier, Ceo at Linear Technology Corporation With 2014 global outlook likely to be another slow growth year similar to 2013, it’s imperative that a company be in the right markets at the right time if...

  • 2014 Outlook: Embedding Digital Processing in Analogue and Mixed-Signal Designs

    Author: Richard York, Director of Embedded Processor Products at ARM The market for analogue and mixed-signal semiconductors is set for some significant evolution over the next few years. The Internet of Things – in which billions of objects (smart...

  • Induzione magnetica o risonanza magnetica per la ricarica wireless?

    Per dire quale tecnologia wireless – induzione magnetica o risonanza magnetica – sia la migliore per una data applicazione, occorre rivedere le basi concettuali di entrambe

  • Chip analogici: l’ascesa di Qualcomm

    Nel 2012 il mercato dei chip analogici ha fatto registrare, secondo Databeans, un volume d’affari pari a 39,3 miliardi di dollari, con una riduzione del 7% rispetto ai 42,4 miliardi fatti registrare nel 2011. Si tratta di...

  • Maxim acquisisce SensorDynamics

    Vale 130 milioni di dollari, a cui si devono aggiunge altri 34 milioni circa di debiti, l'operazione di acquisizione di SensorDynamics da parte di Maxim. SensorDynamics è un'azienda austriaca,...

  • Alcune novità dal mondo dell’analogica

    Un convertitore A/D con prestazioni avanzate, un controllore c.c./c.c step-down con interfaccia I2C/PMBus e un controller LED isolato con PFC attiva sono i tre più importanti annunci di Linear Technology

Scopri le novità scelte per te x