Flir One Pro per la manutenzione tecnica in uno studio di registrazione

Pubblicato il 28 ottobre 2019

Lo studio di registrazione Bieber si affida alla tecnologia FLIR per garantire che, non solo lo studio, ma anche tutte le apparecchiature, funzionino sempre alla perfezione.

Nello Tonstudio Bieber di Offenbach si vive e si respira rock-‘n’-roll. Ovunque cade l’occhio, si possono ammirare amplificatori d’epoca, decine di effetti musicali, organi, pianoforti, tantissime chitarre e bassi. Naturalmente, ormai, la registrazione avviene in digitale, ma non manca un registratore a nastro a 24 tracce accanto all’imponente mixer a 60 canali, pronto all’uso in 20 minuti. Si capisce subito che questo studio produce musica genuina, con strumenti classici ed effetti originali contemporanei.

Effetti musicali e amplificatori nel rack da 19 pollici.

PRODUZIONI MUSICALI NAZIONALI

Nato alla fine degli anni ’70, lo studio Bieber dal 2004 è diretto dal chitarrista e produttore Oli Rüger. Rüger è stato per molti anni nelle top ten della scena musicale dell’area Rhein-Main, per cui non c’è da stupirsi se i grandi gruppi di Francoforte e musicisti di fama nazionale, come Sasha (con cui ha stretto una collaborazione musicale di lunga data), Max Mutzke, l’attore Uwe Ochsenknecht e il figlio di Ochsenknecht, Wilson Gonzales, hanno tutti registrato in questo studio.

 

FLIR ONE Pro in uso.

UN CONCENTRATO DI 50 ANNI DI STRUMENTAZIONE

Parlando con Rüger, si capisce subito che questo produttore di successo è un vulcano di idee creative. Quando un progetto lo ispira, cerca di trarre il meglio da ogni brano. Sviluppa arrangiamenti di successo e non ha paura di dire agli artisti cose che forse preferirebbero non sentire. “Fondamentalmente, mi lascio coinvolgere solo da progetti ai quali sono certo di poter contribuire musicalmente”, spiega Rüger, “e se sento di poter trarre di più dal brano e dall’artista, non mi trattengo”. Per ottenere la sonorità ottimale, ha collezionato un’impressionante numero di effetti classici e strumenti vintage, tutti degni di essere esposti nel suo museo rock-‘n’-roll.

LA MANUTENZIONE È LA CHIAVE

Lo studio è saturo di dispositivi elettrici ed elettronici che devono essere sempre pronti all’uso. La termografia è ideale per questo; tuttavia, per molto tempo questa tecnologia è rimasta praticamente inaccessibile a tutti gli studi di registrazione, ad eccezione dei colossi. A causa della crisi dell’industria musicale, iniziata con la comparsa della musica in streaming e della condivisione di file su Internet, le case discografiche difficilmente hanno un budget a disposizione per la produzione di CD. Ciò nonostante, l’attrezzatura deve essere sempre in perfette condizioni.

Il lancio di moduli termocamera a basso costo è arrivato al momento giusto per lo studio di registrazione Bieber. Per la riparazione e l’analisi dei guasti, Rüger e il suo braccio destro Tobi Wehner si affidano oggi a FLIR ONE Pro. “Il controllo periodico delle attrezzature dell’intero studio e il programma di manutenzione basato sulle condizioni per noi sono molto importanti”, spiega Rüger. “Ci permettono di concentrarci sulla nostra musica ed esprimere appieno la nostra creatività, senza preoccuparci di problematiche tecniche”.

Oli Rüger al banco di mixaggio.

L’AUMENTO DELLA TEMPERATURA RIVELA I PROBLEMI

Un aumento della temperatura è spesso il precursore di un futuro malfunzionamento. “Non solo controlliamo regolarmente l’impianto elettrico dello studio, ma ispezioniamo anche da vicino i rack da 19 pollici”, spiega Rüger. Questi rack contengono molti effetti professionali, preamplificatori e amplificatori e, soprattutto, un grande patch bay, che usiamo per inviare ogni segnale esattamente dove serve, in fase di registrazione o in post-editing.

La verifica regolare di tutte le attrezzature dello studio con FLIR ONE Pro rassicura il team sul corretto funzionamento anche della tecnologia meno recente. L’attrezzatura vintage ha un sound speciale, ancora oggi molto apprezzato e utilizzato dai musicisti. Il pedale Fender fuzz degli anni ’60 è un esempio di attrezzatura vintage tutt’ora attuale; il team di Offenbach ne possiede due. “È come con un’auto d’epoca: una con cui andare in giro, mentre l’altra è in officina”, dice Rüger scherzando. L’imponente fuzz a pedale sembra una scarpa misura 60.

È meglio averne due di pedali Fender fuzz...

LA SCELTA DI FLIR ONE PRO

Rüger spiega molto chiaramente il motivo della scelta di FLIR ONE Pro. “Naturalmente, avrei preferito una FLIR T1020, e se i Foo Fighters o Bruce Springsteen venissero qui il mese prossimo per una registrazione, allora avrei valutato di fare un acquisto come quello”, dice il proprietario dello studio ridendo. “Ma, nel frattempo, mi ritengo molto soddisfatto della FLIR ONE Pro. È un paio di zeri più conveniente e funziona bene per i nostri scopi, con una risoluzione dell’immagine termica più alta rispetto al modello standard FLIR ONE”.

…uno per suonare e uno in riparazione.

IMMAGINI TERMICHE DI GRANDE IMPATTO ESTETICO

Oltre alle considerazioni tecniche, Rüger apprezza anche la qualità estetica delle immagini termiche. “Non mi sorprende l’uso sempre più diffuso di immagini termiche nei video musicali”, spiega Rüger. “Penso anche che alcune delle nostre immagini termiche non sfigurerebbero sulla copertina di un album”.

E se anche la FLIR ONE Pro dovesse cadere durante il lavoro quotidiano in studio, è certo che resisterebbe all’impatto meglio dello smartphone. “Anche questo è Rock-’n’-Roll”, dice Rüger, alzando il volume dei monitor per ascoltare ancora una volta il mix finale della sua ultima produzione.

FLIR ONE PRO IN CIFRE

Con una risoluzione dell’immagine termica quattro volte superiore (rispetto alla FLIR ONE) e all’elaborazione delle immagini VividIRTM, la FLIR ONE Pro consente di riconoscere i dettagli della scena che contano di più. Il dettaglio e la nitidezza dell’immagine non sono l’unica differenza rispetto al modello standard. L’ampia gamma di misura consente di misurare temperature comprese tra -20 °C e 400 °C con fino a tre punti di temperatura e sei regioni di interesse. FLIR ONE Pro è stata sviluppata appositamente per la registrazione in presenza delle sollecitazioni tipiche di un ambiente esigente e per durare nel tempo, con una resistenza alle cadute da 1,8 m.

a cura della redazione



Contenuti correlati

  • Un’analisi dei dati efficiente con le termocamere FLIR

    Fattori come la facilità d’uso, il prezzo, le caratteristiche e la possibilità di impiego in molteplici applicazioni sono tra i principali criteri usati per scegliere quali strumenti integrare nel proprio processo di automazione. Le nuove termocamere A50...

  • Teledyne Technologies acquista FLIR per 8 miliardi di dollari

    Teledyne Technologies ha annunciato l’intenzione di acquistare FLIR, azienda specializzata nello sviluppo di telecamere e sensori termici. L’operazione, del valore di 8 miliardi di dollari (metà in contanti e l’altra metà in azioni) dovrebbe essere completata entro...

  • FLIR presenta la nuova termocamera Elara FR-345-EST

    FLIR Systems annuncia FLIR Elara FR-345-EST, una termocamera di sicurezza radiometrica fissa, che esegue misure accurate della temperatura cutanea senza contatto e senza la necessità di una sorgente di temperatura di riferimento. Questo sistema crea un ambiente...

  • Le termocamere FLIR A6780 per la ricerca e sviluppo

    FLIR ha presentato due modelli di termocamera FLIR A6780, utilizzabili per ricerca e sviluppo in ambito industriale, militare o manifatturiero e, più in generale, in quegli ambiti dove la capacità di misurare con accuratezza eventi termici su...

  • FLIR: termocamera compatta con connettività cloud

    FLIR C5 è una nuova termocamera di FLIR Systems per verifiche elettriche, ingegneria meccanica, ispezione di case ed edifici, controlli energetici e imprese. C5 è un dispositivo tascabile ed è dotata di strumenti che facilitano la condivisione...

  • La nuova termocamera ad alte prestazioni FLIR T860

    FLIR Systems ha annunciato la nuova termocamera FLIR T860. Questo strumento fa parte della famiglia ad alte prestazioni T-Series ed è la prima ad integrare il software Inspection Route, utilizzabile per ottimizzare le ispezioni di asset critici,...

  • Ispezione di isolatori e diagnostica di sottostazioni

    Quando un isolatore si guasta, può causare un’interruzione generalizzata. Ci sono buone probabilità che influenzino più componenti nel sistema di trasmissione – creando un problema più grande e più ingestibile. Non è sempre facile ispezionare i potenziali...

  • FLIR: misuratore ambientale per impianti di climatizzazione

    FLIR Systems ha realizzato un misuratore ambientale multi-funzione per impianti di climatizzazione. EM54 è uno strumento utilizzabile per l’ispezione di canalizzazioni, motori elettrici, apparecchiature di riscaldamento e componenti di altri sistemi in ambito residenziale, commerciale e industriale....

  • FLIR amplia la gamma di termocamere T-Series

    FLIR T840 è una nuova termocamera della famiglia ad alte prestazioni T-Series di FLIR Systems. Questa termocamera può essere utilizzata, per esempio, per aiutare aziende elettriche, responsabili di impianti e altri operatori a individuare e diagnosticare i...

  • La nuova app di FLIR per gestire le ispezioni termiche

    FLIR Systems ha annunciato FLIR InSite, una nuova app mobile e un nuovo portale web per organizzare le informazioni relative ai clienti e ai dati delle ispezioni termiche. L’app è scaricabile gratuitamente dall’Apple Store e dal sito...

Scopri le novità scelte per te x