ESET interrompe tutte le nuove vendite in Russia

Pubblicato il 9 marzo 2022

ESET, in risposta alla sconcertante decisione del governo russo di invadere l’Ucraina, ha avviato molteplici attività a supporto della popolazione e del partner ucraino. La prima è stata l’annuncio dell’interruzione di tutte le nuove vendite a qualsiasi individuo, azienda e organizzazione in Russia e Bielorussia.

In precedenza, le vendite al governo e agli enti correlati erano già state vietate dal 2016, quando il governo russo ha introdotto regole fiscali, legislazione e processi di certificazione che hanno favorito i venditori locali.

A sostegno di questa decisione, la risposta integrata di ESET all’invasione si sviluppa su quattro piani:

Supporto umanitario per la popolazione ucraina. La Fondazione ESET ha creato un fondo iniziale di 500.000 euro per aiutare i cittadini dell’Ucraina attraverso un mix di sostegno diretto e donazioni alle ONG (in particolare la Fondazione INTEGRA e l’UNICEF). Come azienda e comunità, ESET ha raccolto le donazioni dei dipendenti e ha incoraggiato i suoi collaboratori a fare volontariato attivo nelle loro comunità, equiparando all’orario lavorativo le attività di volontariato per scopi umanitari, e sta anche sostenendo i membri del personale del partner ucraino e le loro famiglie con aiuti diretti e continui, compresi alloggi, denaro e generi di consumo.

Lavorando a stretto contatto con gli specialisti del supporto tecnico del proprio partner ucraino, ESET ha esteso l’assistenza ai clienti per garantire la continuità dei servizi sul posto. L’azienda sta inoltre fornendo gratuitamente ai clienti ucraini i propri prodotti di fascia più alta ed estendendo, senza alcun costo, le licenze che stanno per scadere di tutti i clienti presenti nel Paese.

ESET mette a disposizione le proprie ricerche e approfondimenti sulla sicurezza ai molti organismi globali ed europei che si sforzano di affrontare, risolvere e mitigare le minacce informatiche derivanti da questo conflitto. L’azienda è impegnata a proteggere e rendere il mondo più sicuro con una telemetria malware unica e approfondimenti sulla sicurezza.

Tutti gli aggiornamenti rilasciati da ESET vengono condivisi sul blog WeLiveSecurity e i suoi centri di ricerca lavorano incessantemente per incrementare il supporto nella risposta agli incidenti. ESET Research sta monitorando le minacce digitali che sono direttamente collegate al conflitto, a partire da un annuncio del 23 febbraio riguardante la scoperta di HermeticWiper un nuovo malware di cancellazione dei dati che ha preso di mira l’Ucraina alla vigilia dell’incursione militare russa.

Tra il 27 febbraio e il 1 marzo, ESET Research ha pubblicato alert sulle truffe correlate alla beneficenza che sfruttano la guerra in Ucraina e la successiva scoperta di un altro wiper e un componente worm utilizzato per diffondere HermeticWiper.

ESET continua a sostenere la sicurezza informatica delle aziende e delle organizzazioni governative, compresi i team nazionali CERT, all’interno dell’Unione Europea.

Per rafforzare questa risposta, l’azienda ha aggiornato le soluzioni di sicurezza per le organizzazioni minacciate presenti nella zona di conflitto, negli stati confinanti e in quegli stati che partecipano alla risposta internazionale, in caso fossero oggetto di attacchi. ESET sta anche offrendo ai clienti nuovi ed esistenti a livello internazionale la possibilità di aggiungere gratuitamente ESET Dynamic Threat Defense, potente protezione contro gli attacchi zero-day.

Come vendor europeo di cybersecurity da più di 30 anni, ESET ha soddisfatto la necessità di garantire la pluralità del software di sicurezza disponibile in Ucraina, Russia e in tutto il mondo.

In qualità di maggior vendor non russo di soluzioni per la protezione degli endpoint presente sul mercato russo, ESET non sottovaluta la decisione di interrompere nuovamente le nuove vendite in Russia e Bielorussia, tuttavia, la priorità dell’azienda è quella di sostenere ulteriormente l’Ucraina e il suo popolo. Pertanto, per rappresentare al meglio la propria posizione e il sostegno ai partner europei nella difesa informatica e le priorità condivise di sicurezza digitale, ESET ha deciso di muoversi in questa direzione.

Ulteriori misure sono in fase di valutazione e saranno annunciate a tempo debito.



Contenuti correlati

  • CloudMensis: una nuova minaccia scoperta da ESET

    CloudMensis è il nome di una nuova minaccia per attacchi mirati a utenti Mac scoperta dai ricercatori di ESET. Si tratta di una backdoor, precedentemente sconosciuta, che spia gli utenti di Mac compromessi e utilizza esclusivamente servizi...

  • Intel sospende le sue operazioni in Russia

    Intel, dopo l’interruzione delle consegne ai clienti di Russia e Bielorussia nei primi giorni di marzo, ha annunciato la sospensione di tutte le sue operazioni commerciali in Russia. La notizia è stata affidata a un comunicato che...

  • ESET: il malware Hodur sfrutta la guerra in Ucraina

    La guerra in Ucraina e altri temi di cronaca europea sono gli argomenti sfruttati da una campagna di cyberspionaggio – risalente ad agosto 2021 e ancora in corso – scoperta dai ricercatori di ESET. La campagna utilizza...

  • ESET e Intel insieme per migliorare la sicurezza degli endpoint usando la GPU

    ESET ha stretto una partnership con Intel per l’integrazione della tecnologia Intel Threat Detection Technology (TDT) nella sua suite tecnologica di cybersecurity multilivello. “Questa collaborazione porta a un livello superiore la protezione dal ransomware grazie all’integrazione della...

  • Gli USA “tagliano” i chip alla Russia: cui prodest?

    In risposta all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, l’amministrazione Biden ha rafforzato i controlli sulla catena di fornitura dei semiconduttori per limitare l’accesso russo alle tecnologie usati nelle apparecchiature militari. Oltre a radicali restrizioni relative all’ambito militare,...

  • Vendite di oltre 10 miliardi di dollari per 17 aziende di semiconduttori nel 2021

    IC Insights sta aggiornando le sue previsioni e analisi sull’industria dei circuiti integrati e stima che ci siano state 17 aziende con vendite mondiali di semiconduttori (IC e OSD—optoelettronici, sensori e discreti) di oltre 10 miliardi di...

  • Le vendite globali di semiconduttori a maggio sono aumentate del 26,2% anno su anno

    La Semiconductor Industry Association  (SIA) ha annunciato che le vendite globali del settore dei semiconduttori sono state di 43,6 miliardi di dollari nel mese di maggio 2021, con un aumento del 26,2% rispetto al totale di maggio...

  • Gartner: le vendite di smartphone sono cresciute del 26% nel primo trimestre del 2021

    Gartner  indica che, nel primo trimestre del 2021, le vendite globali di smartphone agli utenti finali sono cresciute del 26% (22% anno su anno) dopo il forte calo registrato nel 2020. “Il miglioramento delle prospettive dei consumatori,...

  • Eset apre una nuova sede in Italia

    Eset, azienda specializzata nella cybersecurity, ha annunciato l’apertura del suo nuovo ufficio in Italia, con l’obiettivo di accelerare le proprie strategie di go-to-market, rivolte sia alle piccole e medie imprese che alle grandi organizzazioni del mercato italiano....

  • Cambridge Nanotherm e Inabata: accordo di distribuzione e vendite

    Cambridge Nanotherm ha siglato un accordo di distribuzione e vendita con la giapponese Inabata che si occuperà di portare le soluzioni di Nanotherm per la gestione termica su una vasta gamma di mercati globali. Inabata avrà infatti...

Scopri le novità scelte per te x