È giunta l’Era dell’Exascale Computing

L’architettura Intel Many Integrated Core (Intel MIC) è un punto di forza e un componente critico della soluzione Intel per l’Exascale Computing

Pubblicato il 21 giugno 2011

All’International Supercomputing Conference (ISC), Kirk Skaugen, vice president e general manager del Data Center Group di Intel Corporation, ha illustrato l’obiettivo di Intel di ottenere prestazioni ExaFlop/s entro la fine di questo decennio. ExaFlop/s significa un quintilione di operazioni di elaborazione al secondo, centinaia di volte superiori ai più veloci supercomputer di oggi.

Secondo Skaugen, la capacità di raggiungere nel futuro livelli di prestazioni ‘Exascale’ non richiederà solo sforzi congiunti da parte del settore e dei governi, ma anche modalità di approccio di cui l’architettura Intel Many Integrated Core (Intel MIC) è pioniera. La gestione della crescita esplosiva della quantità di dati condivisi su Internet, la ricerca di soluzioni al cambiamento del clima, la gestione dei costi crescenti dell’accesso a risorse come petrolio e gas e una serie infinita di altre sfide richiedono risorse di elaborazione sempre più elevate che soltanto supercomputer sempre più potenti saranno in grado di offrire.

“Mentre i processori Intel Xeon rappresentano chiaramente l’architettura più diffusa nell’attuale lista dei supercomputer Top500 stiamo rafforzando il focus sull’High Performance Computing, preparando il settore per la frontiera successiva, grazie alla nostra architettura Many Integrated Core per carichi di lavoro petascale e, in futuro, exascale” ha dichiarato Skaugen. “Intel si trova nella posizione esclusiva di disporre di tecnologie di produzione senza precedenti, nuove innovazioni a livello di architettura e un ambiente comune di programmazione software che ci porteranno sempre più vicini a questo entusiasmante obiettivo”.

Skaugen ha osservato che sussiste uno straordinario potenziale di crescita del mercato HPC (High Performance Computing). Mentre i supercomputer degli anni ’80 offrivano prestazioni GigaFlop/s (miliardi di operazioni in virgola mobile al secondo), i più potenti sistemi di oggi hanno incrementato questo valore di molti milioni di volte. Di conseguenza, si registra una maggiore richiesta di processori da impiegare nel campo del supercomputing. Entro il 2013, Intel prevede che i primi 100 supercomputer del mondo impiegheranno un milione di processori. Entro il 2015 questo numero è destinato a raddoppiare, e si prevede che raggiunga 8 milioni di unità entro la fine del decennio. Si prevede che le prestazioni del sistema al 1° posto nell’elenco TOP500 raggiunga 100 PetaFlop/s nel 2015 e superi la barriera di 1 ExaFlop/s nel 2018. Entro la fine del decennio, il sistema più veloce sulla Terra dovrebbe essere in grado di offrire prestazioni di oltre 4 ExaFlop/s.

L’architettura Intel MIC costituisce un’importante aggiunta alla gamma di attuali prodotti Intel, tra cui i processori Intel Xeon, e si prevede che contribuisca al ruolo di leader del settore di Intel nell’era dell’exascale computing. Il primo prodotto Intel MIC, nome in codice ‘Knights Corner’, è pianificato per la produzione con tecnologia Intel a 22 nanometri che impiega gli innovativi transistor tri-gate 3D. Intel sta già distribuendo piattaforme di sviluppo di software Intel MIC, nome in codice ‘Knights Ferry’, a selezionati sviluppatori partner.

All’ISC, Intel e alcuni dei suoi partner come Forschungszentrum Juelich, Leibniz Supercomputing Centre (LRZ), Cern e Korea Institute of Science and Technology Information (Kisti) hanno mostrato risultati preliminari del loro lavoro con la piattaforma ‘Knights Ferry’. Le dimostrazioni hanno mostrato in che modo l’architettura Intel MIC offra vantaggi sia a livello di prestazioni che di programmabilità software.  “Il vantaggio del modello di programmazione dell’architettura Intel MIC ci ha permesso di scalare rapidamente le nostre applicazioni eseguite su processori Intel Xeon alla piattaforma di sviluppo software Knights Ferry” ha dichiarato il prof. Arndt Bode del Leibniz Supercomputing Centre. “Il carico di lavoro era stato originariamente sviluppato e ottimizzato per processori Intel Xeon, ma grazie alla familiarità del modello di programmazione siamo stati in gradi di ottimizzare il codice per l’architettura Intel MIC nel giro di ore, e abbiamo ottenuto prestazioni superiori a 650 GFlops”. Intel ha anche mostrato piattaforme server e workstation di SGI, Dell, HP, IBM, Colfax e Supermicro, tutte aziende che stanno collaborando con Intel per pianificare prodotti basati su ‘knights Corner’.

Intel: www.intel.it



Contenuti correlati

  • Illuminazione automotive differenziata con la tecnologia MeLiBu di Melexis

    La tecnologia MeLiBu di Melexis , con i relativi IC driver, offre una piattaforma altamente flessibile e completamente scalabile per differenziare le applicazioni di illuminazione nei veicoli. Si tratta di una combinazione di IC driver multicanale e...

  • Le prestazioni di ZF ProAI per la mobilità di domani

    La versione più recente del super computer ZF ProAI offre una elevata potenza computazionale per piattaforme veicolari e ogni livello di automatizzazione. ZF infatti si sta allineando alle richieste di una mobilità intelligente, elettrica, autonoma, sicura e...

  • Da Neousys Technology un computer embedded fanless con CPU Atom Elkhart Lake

    POC-40 è un nuovo computer embedded fanless di Neousys Technology basato sul processore dual-core Intel Elkhart Lake Atom x6211E. Questo computer è estremamente compatto (misura 52x89x 112 mm) e quindi risulta una soluzione particolarmente interessante per l’installazione...

  • Come la tecnologia sta trasformando gli ospedali

    Con le risorse sempre più limitate, i prestatori di assistenza sanitaria si stanno rivolgendo alla tecnologia per aumentare la capacità e migliorare i risultati per i pazienti Leggi l’articolo completo su EO Medical 21

  • Moxa ottiene la certificazione IEC 62443-4-1 per la sicurezza informatica

    Moxa dimostra il suo impegno nella sicurezza delle reti industriali ottenendo la certificazione IEC 62443-4-1. La verifica e le prove di certificazione sono state effettuate da LCIE Bureau Veritas. Prima di ottenere il certificato IEC 62443-4-1 nel maggio 2020,...

  • Un giardino di competenze per la comunicazione dell’industria

    Progettare, sviluppare, produrre soluzioni di qualità e tecnologie all’avanguardia oggi non è sufficiente perché queste si impongano sul mercato, bisogna saperle proporre al proprio pubblico di riferimento, con una strategia di comunicazione efficace. Il Giardino delle Competenze...

  • SEMIL: i computer rugged di Neousys Technology

    Neousys Technology  ha realizzato SEMIL, una serie di computer fanless e rugged basati su CPU e GPU. Questi computer industriali offrono un livello di protezione IP67 grazie a un particolare chassis sigillato e connettori di tipo M12....

  • I nuovi computer di Moxa per sottostazioni elettriche

    Moxa ha annunciato una nuova serie di computer IEC 61850-3 ad alte prestazioni con connettività PRP/HSR integrata per trasformare la rete elettrica in smart grid. La famiglia di prodotti DA-820C è composta da computer adatti al montaggio...

  • I nuovi computer rugged di Zebra Technologies

    Zebra Technologies ha presentato una serie di computer touch rugged con funzionalità studiate specificamente per le esigenze di PMI, personale ausiliario e stagionale. I modelli sono siglati rispettivamente TC21/TC26, TC52x/TC57x e MC3300x e utilizzano il sistema operativo...

  • Shuttle entra nel mondo dell’edge computing

    Shuttle ha iniziato le consegne dei nuovi sistemi della serie EN01. Questo segmento di prodotti si rivolge alle applicazioni in campo industriale ed è caratterizzato da ampie possibilità di collegamento ed espansione, installazione su guida DIN e...

Scopri le novità scelte per te x