Distribuzione elettronica: il punto di vista di Farnell

Pubblicato il 11 maggio 2022

La distribuzione elettronica di trova ad affrontare sfide impegnative: Elettronica Plus ne ha discusso con Martina Lucchese, Regional Sales Manager di Farnell Italia

E.P. In che modo i diversi settori sono interessati dallo squilibrio tra domanda e offerta? Cosa possono aspettarsi le aziende/consumatori di questi settori nei prossimi mesi?

M.L. La carenza di fornitura di componenti è stata molto impegnativa, interessando quasi tutti i settori e le industrie, ed è stata esacerbata da livelli molto alti di domanda. Gestire questo squilibrio tra domanda e offerta di componenti è stato difficile in tutta l’industria elettronica.

La situazione del mercato nei prossimi mesi rimarrà relativamente simile a quella che abbiamo sperimentato nella seconda metà del 2021 e nel primo periodo del 2022. I tempi di consegna rimarranno lunghi e le carenze di componenti continueranno ad essere un problema. L’incertezza del mercato dovuta al COVID, le sfide macroeconomiche come l’inflazione e l’aumento dei prezzi del carburante, così come l’incertezza dovuta agli eventi geopolitici che si stanno verificando in Ucraina, aggiungono ulteriore complessità alla situazione.

Tuttavia, Farnell è in una posizione forte per gestire queste sfide e continuare ad essere un partner di distribuzione prezioso per i clienti. Abbiamo più scorte disponibili nei nostri magazzini che mai, permettendo ai clienti di avere un migliore accesso ai prodotti indipendentemente dalle condizioni di mercato. E siamo in grado di evadere la maggior parte degli ordini da stock grazie all’ampiezza e alla profondità in continua espansione della nostra gamma prodotti.

Oltre a fornire semplicemente lo stock, possiamo anche offrire ai clienti consulenza e supporto specifici, assicurando loro che possano avere la migliore esperienza possibile dalla fase di pre-acquisto, alla selezione del prodotto e all’acquisto, seguiti da un ulteriore supporto successivo alla ricezione dei prodotti di cui hanno bisogno.

In questi tempi difficili, Farnell è orgogliosa di fornire questo supporto end-to-end e vede questa come una grande opportunità per aiutare i propri clienti a stabilire catene di fornitura forti, resilienti e adattabili a qualsiasi situazione porti il futuro.

E.P. Quale tipo di componenti è stato più colpito dalla carenza?

M.L. Le carenze hanno colpito tutti i gruppi e i segmenti di prodotti, ma i semiconduttori in particolare sono stati impattati in modo più significativo.

I clienti tradizionali di semiconduttori che avevano messo in pausa l’attività durante il culmine della pandemia di COVID-19 sono ora tornati sul mercato, causando un picco nella domanda. Inoltre, c’è stato un aumento della domanda da parte di nuovi clienti dall’inizio della pandemia, principalmente guidato dall’adozione di tecnologie per supportare lo smartworking e l’’home entertainment’. La combinazione di questi fattori ha rapidamente superato l’offerta globale di semiconduttori.

E.P. In che modo lo squilibrio tra domanda e offerta ha aumentato il rischio di chip contraffatti? – Che tipo di misure ha messo in atto Farnell per intercettarli?

M.L. La carenza globale di componenti non solo sta allungando l’evasione degli ordini e i tempi di consegna, ma sta anche avendo un effetto a catena sulla progettazione dei prodotti. In un recente sondaggio tra i progettisti di tutto il mondo, Avnet ha rivelato che il 76% degli ingegneri prevede un aumento delle contraffazioni a causa della shortage. I progettisti stanno cercando altre vie per procurarsi i prodotti, anche attraverso i broker del mercato spot – ma hanno serie preoccupazioni sul controllo delle contraffazioni, che potrebbe aggravare i problemi di progettazione e qualità. Nello stesso sondaggio di Avnet, più dell’80% ha detto che lavorare con un distributore autorizzato riduce il rischio di incorrere in componenti contraffatti.

In qualità di distributore autorizzato, Farnell non fa affari con broker del mercato grigio o del mercato spot. Al contrario, abbiamo rapporti diretti e di lunga data con fornitori autorizzati, in modo da poter verificare che i componenti che i clienti acquistano da noi siano effettivamente autentici e pienamente garantiti.

Quando si tratta di “intercettare” componenti contraffatti, non abbiamo un ruolo, dato che siamo un distributore autorizzato. Se i clienti scelgono di rivolgersi al mercato grigio o a intermediari non autorizzati, è un rischio che si assumono. Noi incoraggiamo vivamente i progettisti a lavorare con distributori come noi per ridurre la possibilità di acquistare erroneamente questi componenti contraffatti.

E.P. Potrebbe descrivere alcune delle insidie da evitare e le migliori pratiche che consiglia alle aziende che si approvvigionano di componenti sul mercato aperto per la prima volta?

M.L. La prima regola, specialmente con le attuali sfide del mercato, è quella di diversificare le proprie fonti con più fornitori e in più regioni per evitare che l’intera pipeline di ordini sia influenzata dai cambiamenti alle fonti di approvvigionamento. Ma ci sono altre best practices che possono essere adottate per garantire l’efficienza ed evitare inutili interruzioni:

a) Avere sempre ordini di acquisto in atto per i componenti essenziali e, dove possibile, opzioni di doppio approvvigionamento.

b) Reperire l’intera distinta dei materiali per eliminare il rischio di tenere costose scorte a magazzino che poi non possono essere utilizzate a causa dell’indisponibilità di un solo componente.

c) Utilizzare i distributori in modo efficace: soddisfare una percentuale appropriata di componenti richiesti con un distributore ‘broadline’, ma fare buon uso dei distributori ‘high service’per integrare le quantità dove necessario e avere maggiore flessibilità, sapendo che i componenti critici possono essere consegnati dal magazzino già il giorno successivo.

d) Rivedere i contratti con i produttori e i distributori per garantire che offrano la massima protezione.

E.P. Quali sono le implicazioni a lungo termine dell’attuale squilibrio tra domanda e offerta, e come possono le aziende affrontarle al meglio?

M.L. Era impossibile prevedere i cambiamenti a lungo termine che sarebbero stati creati dalla pandemia e dalla carenza di componenti che ne è seguita, poiché non esisteva una roadmap o un manuale per guidare il processo decisionale.

Una delle implicazioni più significative dello squilibrio tra domanda e offerta è stato il cambiamento del modo in cui la domanda di semiconduttori è legata al PIL globale. Il mercato mondiale dei semiconduttori ha storicamente sempre rispecchiato il comportamento globale del PIL, ma questo è cambiato negli ultimi due anni.

Abbiamo assistito ad un massiccio calo globale del PIL mentre il mercato mondiale dei semiconduttori è cresciuto rapidamente. La crescita in questo settore sembra più sana di quanto non sia stata in molti anni e, poiché i clienti tradizionali di semiconduttori – in particolare l’industria automobilistica – hanno ripreso la produzione, hanno scoperto che le forniture di componenti chiave non sono lì ad aspettarli, poiché si è creata una domanda da parte di “nuovi” gruppi di clienti. Gli esperti del settore ritengono che non si potrà tornare indietro a quello che era lo status quo.

E.P. Alcuni analisti dicono che dopo la pandemia l’era della globalizzazione è finita. Lei è d’accordo?

M.L. Le sfide affrontate dalla supply chain dell’elettronica durante la pandemia COVID-19 erano molto diverse dai semplici squilibri di domanda e offerta che avevamo già visto altre volte. I paesi di tutto il mondo stavano sperimentando restrizioni per quanto riguarda la circolazione delle merci, il che ha reso molto difficile per qualsiasi fornitore mantenere una posizione di vantaggio. Il trasporto di grandi quantità di pezzi divenne rapidamente un problema enorme, perché i voli erano in numero limitato e la spedizione via mare e altri metodi allungavano i tempi di consegna, con i prezzi per il trasporto di merci via mare che salivano alle stelle a causa della crescente domanda.

Nonostante le sfide che la pandemia ha generato alla catena di fornitura globalizzata, non è del tutto vero che vedremo la fine della globalizzazione. Anche se è improbabile che ci sarà un allontanamento dall’approvvigionamento di massa da Cina e Taiwan, alcuni paesi come gli Stati Uniti stanno cercando di aumentare le loro capacità produttive interne con l’obiettivo di integrare le risorse attuali e offrire protezione nel caso in cui un’altra crisi colpisca le catene di approvvigionamento esterne.

Probabilmente vedremo i governi di tutto il mondo prendere più seriamente la questione della produzione interna per mitigare le sfide future della catena di approvvigionamento, ma questo non segnerà la fine dell’economia globalizzata, che rimane una parte fondamentale di come tutti noi facciamo business e di come ci approvvigioniamo dei prodotti di cui abbiamo bisogno.

E.P. Quali sono i vostri piani per il futuro post-shortage?

M.L. I clienti hanno bisogno di un accesso facile e veloce ai prodotti di cui hanno bisogno e in un periodo di shortage questo diventa ancora più evidente. Farnell rimane pienamente impegnata a migliorare ed espandere il proprio portafoglio prodotti oggi e domani, anche se lo shortage si ridurrà. La gamma esistente copre attualmente un milione di SKU, e investiremo in nuovi prodotti da fornitori leader, espandendo le linee esistenti e firmando nuovi accordi di franchising nel corso del 2022.

Inoltre, abbiamo un centro di distribuzione all’avanguardia nel Regno Unito che è ora pienamente operativo e serve i clienti di tutta Europa, aiutando a ridurre i tempi di attesa e offrendo servizi a valore aggiunto come il codice data e lotto.

Il mercato digitale ha assunto importanza crescente ormai da diversi anni, ma questo è stato notevolmente accelerato dalla pandemia COVID. Anche Farnell vede il suo programma di miglioramento digitale come una priorità strategica chiave per i prossimi anni. Ad oggi, abbiamo già investito milioni di euro per migliorare i canali online e l’esperienza web dei clienti, compresa la velocità del sito, le opzioni self-service e altro ancora. Questi cambiamenti stanno già pagando gli investimenti fatti, poiché abbiamo già visto un aumento del 30% del traffico globale e un aumento del 15% degli ordini online.

Le piattaforme digitali sono fondamentali per il futuro della distribuzione ed il piano di trasformazione dell’offerta digitale di Farnell è al centro delle nostre priorità di investimento per il 2022.

Martina Lucchese, Regional Sales Manager, Farnell Italia



Contenuti correlati

  • Distribuzione componenti: la Germania cresce del 50% nel Q4

    Nel quarto trimestre del 2021 il settore della distribuzione della componentistica elettronica ha fatto registrare in Germania un livello di vendite che si può definire “sproporzionato”. A causa del ben noto fenomeno dello shortage, le vendite di...

  • DISTRIBUTION WORLD

    Che cosa sta accadendo nel mondo della Distribuzione Elettronica? Nuove partnership, prodotti in stock, promozioni e tutti gli award ricevuti o consegnati… EONews dedica ogni mese uno spazio ai distributori.   leggi l’articolo completo su EONews 634

  • Distribuzione elettronica: il mix vincente

    Qualunque sia il progetto a cui state lavorando, grande o piccolo, il budget stanziato sarà sempre da rispettare. Utilizzando lo strumento Conrad per richiedere una quotazione, è assicurata una risposta rapida e competitiva. Nell’articolo si spiega come...

  • TAVOLA ROTONDA – Una distribuzione elettronica in ottima forma

    Anno nuovo e tempo di bilanci, ma soprattutto di previsioni. Come è andato il 2016, e come sarà l’anno in corso per il mondo della distribuzione di elettronica? Lo abbiamo chiesto ai protagonisti del settore, che ci...

  • TAVOLA ROTONDA – Un’elettronica sempre più “social”

    Il mondo della distribuzione elettronica è profondamente cambiato negli ultimi anni e una cosa è ormai certa: per fare business, per farsi conoscere e incrementare gli accessi al proprio sito web, oggi è importante essere ‘social’. Ma...

  • Distribuzione semiconduttori: +2,15% nel secondo trimestre

    Un secondo trimestre all’insegna di una sostanziale quiete per il settore delle distribuzione dei componenti elettronica: secondo le stime di Dmass (Distributors’ and Manufacturers’ Association of Semiconductor Specialist) le vendite del comparto sono cresciute del 2,15% rispetto...

  • Distribuzione elettronica: bene il 2015

    Secondo la Dmass (Distributors’ and Manufacturers’ Association of Semiconductor Specialists), nel quarto trimestre 2015 le vendite di semiconduttori realizzate tramite la distribuzione sono cresciute del 11,3%, fino a 1,75 miliardi di euro, rispetto allo stesso trimestre dello...

Scopri le novità scelte per te x