Dispositivi mobili nel 2026: il sondaggio di Molex

Pubblicato il 8 settembre 2021

Molex, ha rivelato i risultati di un sondaggio globale a cui hanno partecipato gli operatori del settore produttivo per identificare le principali tendenze e tecnologie che modelleranno il futuro dei dispositivi mobili. I risultati del sondaggio mostrano una continua evoluzione dei fattori di forma dei dispositivi mobili, funzionalità e caratteristiche che avranno un impatto sugli smartphone, sugli dispositivi indossabili intelligenti e su altri dispositivi mobili fabbricati nel 2026.

“Il futuro dei dispositivi mobili è più luminoso quando si immagina il potenziale di trasformare quasi ogni aspetto della nostra vita quotidiana”, ha affermato Justin Kerr, vice presidente e direttore generale, Micro Solutions Business Unit, Molex. “Emergeranno diverse combinazioni di dispositivi e fattori di forma per promuovere innovazioni che cambiano la vita nella “connettività”: dalle nuove app sanitarie e gli hub per la casa intelligente, ai pagamenti mobili e ad altre possibilità limitate esclusivamente dalla nostra immaginazione”.

Molex ha incaricato Dimensional Research di condurre il sondaggio globale Il futuro dei dispositivi mobili a luglio 2021, intervistando 207 partecipanti qualificati che rappresentano gli OEM e i fornitori nel settore dei dispositivi mobili. È stata posta una varietà di domande per identificare le caratteristiche e le tempistiche per i dispositivi mobili del futuro, così come per valutare il crescente impatto del 5G e delle innovazioni sulla connettività, assieme alle barriere che impediscono il progresso generale.

Assenza di dispositivi mobili “tipici” nel 2026

Ai partecipanti al sondaggio è stata posta una serie di domande per contribuire a descrivere una rappresentazione dei
dei tipici smartphone e dispositivi mobili che saranno presenti nel 2026. Le risposte hanno identificato varie caratteristiche e mentre alcune di queste sono già disponibili, altre sono ancora lontane all’orizzonte. Di conseguenza, non è emersa una descrizione unanime del dispositivo mobile tipico che sarà presente nel 2026.

Le cinque principali caratteristiche che sono state previste dagli intervistati con maggiore frequenza, indicate in ordine, sono l’auto-ricarica, display olografici o a proiezione; la protezione dagli agenti ambientali, come la protezione dalla polvere o l’impermeabilità; e display infrangibili. Nell’elenco sono presenti anche dispositivi pieghevoli, fotocamere a comparsa, biosensori sanitari, dispositivi arrotolabili e separazione tra dispositivo e display. Secondo il sondaggio, i fattori di forma (ad es., dimensione dello schermo, forma, ecc.) evolveranno a loro volta nell’arco dei prossimi cinque anni. Mentre il 90% delle persone intervistate si aspetta che i dispositivi mobili assumano diversi fattori di forma, non è stato raggiunto il consenso sulle loro dimensioni (se saranno più piccoli, più grandi o completamente diversi). Quasi due terzi delle persone ritiene che la domanda per nuovi dispositivi indossabili crescerà, compreso abbigliamento intelligente (40%), occhiali (33%), auricolari (29%) e orologi (29%). Entro il 2026 i consumatori tipici disporranno probabilmente di dispositivi maggiormente specializzati, secondo i due terzi delle persone intervistate. Ancora, il 64% ritiene che gli smartphone con capacità integrate ridurranno al minimo o sostituiranno la necessità di possedere un tablet.

Innovazioni e vantaggi significativi grazie a connettività e 5G

Agli intervistati è stato inoltre chiesto di classificare fino a cinque delle caratteristiche principali in procinto di portare la più grande quantità di innovazione nei dispositivi mobili fabbricati nel 2026. È stata citata la connettività dati (42%), seguita da ricarica wireless (36%), fotocamere (33%), connettività Wi-Fi (28%), e altoparlanti integrati (28%). Inoltre, l’82% si aspetta che i consumatori riceveranno vantaggi significativi dai dispositivi mobili abilitati 5G entro il 2026. Il 5G ultra-veloce o mmWave si è classificato al primo posto (42%) nelle tecnologie abilitanti previste per guidare la dirompenza della produzione di dispositivi mobili, seguito da ricarica wireless bidirezionale, guide d’onda ottiche per occhiali intelligenti, telecamere con ottica a livello di wafer e componenti su scala nanometrica o microscala.

Continua attenzione alla risoluzione delle sfide tecnologiche

Tra gli OEM di dispositivi mobili e i relativi fornitori, rimangono sfide tecnologiche che potrebbero avere un impatto sui piani di costruzione per i nuovi dispositivi mobili. Secondo i partecipanti al sondaggio, i problemi più complicati da affrontare sono le prestazioni della connettività cellulare 5G (37%), ricarica wireless ad alta velocità (37%), durata della batteria (36%), sostenibilità (35%) e incapacità di produrre piccoli componenti su scala micro o nano (27%).

 



Contenuti correlati

  • Mouser Electronics ottiene il riconoscimento Global e-Catalog Distributor of the Year da Molex

    Mouser Electronics ha ricevuto da Molex il premio 2020 Global e-Catalog Distributor of the Year. È il secondo anno consecutivo, e il quinto complessivamente , che Mouser ottiene questo riconoscimento per la distribuzione. Molex ha inoltre consegnato...

  • Cadence Pegasus qualificato per le tecnologie GlobalFoundries 12LP/12LP+ e 22FDX

    Cadence Design Systems ha annunciato che il sistema di verifica Cadence Pegasus è stato qualificato per le tecnologie GlobalFoundries (GF) 12LP/12LP+ e 22FDX. La collaborazione con GF ha confermato che il sistema di verifica Pegasus soddisfa i...

  • La nuova Serie di connettori RF mmWave 5G25 di Molex

    Molex ha presentato la serie di connettori RF mmWave 5G25 flex-to-board per soddisfare le esigenze di applicazioni 5G mmWave che richiedono una rigida integrità del segnale alle frequenze più elevate, fino ai 25 GHz. Questo micro-connettore consente...

  • Mercato semiconduttori:+17,3% nel 2021

    In base agli ultimi dati forniti da IDC il mercato dei semiconduttori dovrebbe crescere nel 2021 in misura pari al 17,3%, in aumento rispetto al 10,8% dell’anno precedente. Il settore, secondo gli analisti della società, dovrebbe stabilizzarsi...

  • Il modulo 5G AIW-355 di Advantech per l’AIoT

    Advantech ha rilasciato AIW-355, un nuovo modulo 5G della serie AIW-300. Questo modulo è stato progettato per soluzioni AIoT che richiedono connettività diffusa, mobilità dinamica e massima sicurezza. AIW-355 è infatti destinato, per esempio, a dispositivi di...

  • Microprocessori: continua la crescita a due cifre

    Dopo l’aumento del 16% fatto registrare lo scorso anno, imputabile alla pandemia che ha fatto aumentare la “dipendenza” da Internet, i microprocessori sono sulla buona strada per continuare questo percorso di crescita. In base al più recente...

  • LPWAN: il 5G per l’IoT

    Le reti WAN Low Power giocano un ruolo fondamentale nell’implementazione dell’Internet of Thing in seno alla rivoluzione 5G Leggi l’articolo completo su Embedded 81

  • Da MIKROE una scheda per la connettività LTE-M e NB-IoT

    MikroElektronika (MIKROE) ha presentato LTE IOT 8 Click, un componente della famiglia di schede di sviluppo periferiche Click, studiata per rispondere alle esigenze di progettisti di soluzioni per la connettività LTE-M e NB-IoT a basso consumo di...

  • Nexperia presenta due nuovi ASFET

    Nexperia  ha annunciato due nuovi ASFET (Application-Specific MOSFET) da 80 V e 100 V con prestazioni SOA migliorate, destinati ad applicazioni hot-swap e soft-start in sistemi di telecomunicazioni 5G,  ambienti server a 48 V e apparecchiature industriali....

  • Keysight: migrazione più semplice dalle reti 4G LTE a 5G Open RAN

    Keysight Technologies ha annunciato la collaborazione con Xilinx e Cisco per presentare soluzioni fronthaul che supportano un percorso di migrazione facilitato dalle tradizionali reti 4G LTE alle reti 5G O-RAN. Le implementazioni di reti di accesso radio...

Scopri le novità scelte per te x