Crescita a doppia cifra per la distribuzione dei semiconduttori

Pubblicato il 11 settembre 2017

L’industria europea della distribuzione dei semiconduttori prosegue il suo cammino di crescita. Lo rivela Dmass (Distributors’ and Manufacturers’ Association of Semiconductor Specialists), che ha reso noti i dati riguardanti il secondo trimestre del 2017, che mostrano ancora un andamento dinamico per tutto settore.

Nessun segno di rallentamento, dunque, per le vendite di semiconduttori in Europa che sono state di 2,19 miliardi di euro, con un incremento del 17,3% rispetto al corrispondente trimestre dello scorso anno. Nei primi sei mesi, le vendite sono state di 4,3 miliardi di euro, che significa un incremento del 14% rispetto alla prima metà del 2016.

Georg Steinberger, presidente di Dmass afferma: “La crescita dinamica negli ultimi nove mesi è senza precedenti. Non è facile fare previsioni per il resto dell’anno, ma la crescita a doppia cifra dovrebbe continuare anche nel 2017”.  Le previsione è di chiudere l’anno a 8 miliardi di euro, che sarebbe un risultato record. “Ciò che sorprende – aggiunge – è che la crescita deriva da quasi tutti i settori industriali, trainati dal fatto che sempre in più applicazioni aumenta considerevolmente il contenuto elettronico”.

Dal punto di vista geografico,  Polonia, Turchia, Russia e Israele cavalcano l’ondata di crescita, con incrementi tra il 30 e il 40%. La Germania, il più grande mercato, è cresciuta del 13,7% arrivando a 653 milioni di euro, ottima la prestazione dell’Italia che ha messo a segno un +13,4%, raggiungendo i 207 milioni di euro, seguono Regno Unito  +9,6% (154 milioni) e Francia +8,5% (151 milioni). L’Europa orientale è cresciuta del 28,3% a 336 milioni di euro e la Regione del Nord del 14,1% arrivando a 184 milioni di euro.

Per quanto riguarda i prodotti, la crescita riguarda tutti i segmenti, segno di uno sviluppo sano del mercato. ‘Altre logiche’ e Memorie hanno visto i più alti tassi di crescita, seguiti da Logiche Programmabili. I circuiti integrati analogici, il più grande gruppo di prodotti. sono cresciuti del 16,7% a 656 milioni di euro (rappresentano il 30% del totale DMASS). MOS Micro, del 15,6% fino a 443 milioni di euro, i prodotti nell’ambito della potenza del 13,1% a 210 milioni di euro, opto del 10,2% a 223 milioni di euro, memorie del 27,9% fino a 183 milioni di euro e logiche programmabili del 27,1% a 155 milioni di euro.

Georg Steinberger, conclude: “Le logiche programmabili stanno sperimentando una crescita più elevata nonostante i cambi di canale da quello della distribuzione al canale diretto, ma questo potrebbe essere stagionale. Il mercato della distribuzione in Europa mostra una crescita salda a due cifre. ”

“Fare previsioni è sempre difficile”, conclude Steinberger: “Sarebbe bello se la crescita a doppia cifra proseguisse, ma le sfide che ci aspettano sono impegnative: modelli di business, pressione sui margini o nuove disposizioni regolatorie. Sono sicuro che la distribuzione potrà superare i suddetti problemi e trasformarli in interessanti proposte commerciali per i clienti “.

ap



Contenuti correlati

  • 2022 : un anno record per la distribuzione europea

    La distribuzione europea ha chiuso il 2022 con numeri da record: secondo DMASS, le vendite estremamente sostenute di semiconduttori e la normalizzazione di quelle dei component IP&E (Interconnessione, Passivi ed Elettomeccanici) hanno prodotto nel quarto trimestre dello...

  • Le strategie di Samsung per i semiconduttori

    In occasione del Samsung Foundry Forum 2022, Samsung Electronics ha delineato le strategie per i semiconduttori che prevedono l’adozione di nuove tecnologie all’avanguardia. L’innovazione, infatti, è diventata l’elemento chiave nelle tecnologie di processo per tutti gli attori...

  • Uno sguardo all’evoluzione del debug

    I progressi tecnici che hanno caratterizzato l’industria dei semiconduttori hanno contribuito a modificare il processo di sviluppo del software e di conseguenza anche il debugger, divenuto un vero e proprio tool di processo Leggi l’articolo completo su...

  • Q1 2022: crescita record per la distribuzione elettronica europea

    In base agli ultimi dati presentati da DMASS, il primo trimestre 2022 della distribuzione europea è andato decisamente bene: il comparto ha fatto segnare un fatturato globale pari a 4,75 miliardi di euro, con un “balzo del...

  • Le previsioni di Gartner sui ricavi dei semiconduttori

    Gli analisti di Gartner, in una recente ricerca, prevedono che i ricavi mondiali dei semiconduttori aumenteranno del 13,6% nel 2022 rispetto al 2021. Secondo le stime, infatti, le entrate globali per i semiconduttori dovrebbero raggiungere i 676...

  • Vendite di oltre 10 miliardi di dollari per 17 aziende di semiconduttori nel 2021

    IC Insights sta aggiornando le sue previsioni e analisi sull’industria dei circuiti integrati e stima che ci siano state 17 aziende con vendite mondiali di semiconduttori (IC e OSD—optoelettronici, sensori e discreti) di oltre 10 miliardi di...

  • Tutti i vantaggi della personalizzazione

    Note applicative, guide per l’utente, kit di sviluppo e schede di valutazione hanno lo scopo di aiutare gli sviluppatori a ottenere risultati con tempi di introduzione sul mercato sempre più brevi e a soddisfare requisiti sempre più...

  • Crescita a due cifre per Distrelec

    Il gruppo Distrelec ha annunciato che, 18 mesi dopo la sua acquisizione da parte di AURELIUS, sta registrando l’anno finanziario di maggior successo nella storia dell’azienda. Per l’esercizio corrente, infatti, il fornitore di componenti elettronici e tecnici...

  • Comprendere i nuovi modelli di test sui semiconduttori

    Un’analisi dei cambiamenti radicali che il settore dei test sui semiconduttori sta attraversando attualmente e una panoramica delle attività di caratterizzazione a livello fisico e test di conformità dei protocolli che saranno imposte negli anni a venire...

  • Intel non realizzerà più una fabbrica in UK a causa della Brexit

    In una recente intervista alla BBC, Pat Gelsinger, CEO di Intel, ha dichiarato che l’azienda non sta più considerando la possibilità di realizzare una fabbrica di chip nel Regno Unito a causa della Brexit, ipotesi che invece...

Scopri le novità scelte per te x