Cyber security: le aziende aumentano i budget

Pubblicato il 22 febbraio 2018

Secondo gli ultimi dati resi noti da Gartner la spesa per la sicurezza informata raggiungerà quota 96 miliardi di dollari nel 2018, in aumento dell’8% rispetto al 2017.

Tutte le aziende, di qualsiasi dimensione e tipo,  sono oggi sempre più interessate a proteggersi dagli attacchi informatici. Si tratta dunque di un business in crescita, trainato da nuove norme, consapevolezza di minacce emergenti, evoluzione di un business che diventa sempre più digitale: questi gli elementi alla base della crescente spesa in strumenti di sicurezza.

“Attacchi di alto profilo e violazione dei dati interessano aziende di ogni tipo – ha detto Ruggero Contu, research director presso Gartner – e attacchi come WannaCry ed Equifax hanno un peso diretto sulla spesa delle aziende in quanto violazioni di questo tipo possono protrarsi a lungo nel tempo”.

Gli altri fattori che influenzano la spesa in sicurezza sono la riservatezza dei dati e la conformità alle nuove norme, come la General Data Protection Regulation – GDPR -che entrerà in vigore in Europa il 28 maggio 2018.

Secondo i dati di Gartner, entro il 2020 oltre il 60% investirà in una pluralità di tool per la sicurezza dei dati, contro il 35% attuale. I servizi per la sicurezza in outsourcing genereranno un volume di affari di 18,5 miliardi di dollari, con un incremento dell’11% dal 2017. Il ricorso alla consulenza e all’outsourcing esterno è dovuto essenzialmente alla mancanza di competenze interne alle azienda e alla crescente complessità delle minacce da affrontare.

 



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x