Componenti elettronici: le tendenze di mercato nel 2020 secondo Mouser

Pubblicato il 31 agosto 2020

Quali tendenze caratterizzano il mercato dei component elettronici nel 2020? Per rispondere al quesito, abbiamo interpellato due personalità che si distinguono per il loro know-how del comparto: Mark Burr-Lonnon Senior Vice President, EMEA, Asia e Global Service di Mouser Electronics e Jeff Newell Senior Vice President, Prodotti di Mouser Electronics.

Per quali settori e categorie di prodotti avevate previsto la crescita maggiore nel 2020 prima della diffusione del COVID e come sono cambiate le cose da allora?

Mark Burr-Lonnon

Mark:  Quando è iniziato il 2020 ci aspettavamo una crescita complessiva di circa l’8% e attualmente abbiamo un tasso di crescita di circa l’8,3%. La nostra attività in questo momento è in ottima salute.

Uno dei nostri principali gruppi di clienti sono gli OEM, che rappresentano una fetta importante dell’industria elettronica. Anche i servizi di produzione elettronica (EMS) di piccole e medie dimensioni sono un gruppo di clienti forte per noi e, dal punto di vista del volume dei clienti, hobbisti e studenti rappresentano anch’essi un buon mercato.

Diversamente da quanto pianificato e dalle nostre aspettative per certi gruppi di clienti e settori, l’anno si è rivelato leggermente diverso a causa del COVID come è successo per molte altre aziende. L’impatto ha portato i nostri clienti EMS con elevati volumi ad essere molto più attivi di quanto ci aspettassimo e fino ad ora quest’anno ha fatto crescere quella parte della nostra attività del 31%. Il settore degli EMS piccoli e medi è cresciuto anch’esso del 10% rispetto alle previsioni, come pure il settore degli hobbisti e degli studenti che è cresciuto del 15%, tutti segnali molto positivi per la nostra attività nel suo complesso. Il gruppo di clienti OEM, che rappresenta un gruppo molto grande per noi dal punto di vista del volume dei clienti, è cresciuto del 3%. Una crescita di tutto rispetto considerando il modo in cui sono stati colpiti i mercati industriali a livello globale.

Complessivamente, dunque, dal punto di vista del settore e dell’attività siamo molto fortunati a trovarci in questa posizione.

L’aspetto interessante è stato ilsaliscendi della domanda, il modo in cui sono cambiate le cose da quando il COVID si è diffuso in tutto il mondo. L’anno è iniziato molto bene per Mouser, poi intorno al Capodanno cinese (periodo in cui solitamente si verifica un rallentamento) è iniziata la discesa profonda quando la Cina è entrata in lockdown. L’Europa e le Americhe improvvisamente hanno compreso quello che stava succedendo in Cina e il risultato è stata un’ondulazione degli affari. Abbiamo avuto una regione in calo e due in crescita, poi improvvisamente la Cina si è ripresa mentre le altre due hanno attraversato momenti difficili.

Jeff Newell

Jeff: Dal punto di vista del prodotto, se da un lato non prevediamo necessariamente una crescita del prodotto in quanto tale, ci sono diversi aspetti interessanti che vale la pena menzionare.

Per prima cosa, ci aspettavamo senza dubbio che il business dei condensatori tornasse a crescere quest’anno. Nel 2019 era calato significativamente come conseguenza della grande vitalità nel 2018. Tutte le persone con cui ho parlato, sia internamente che esternamente, si aspettavano che tornasse a crescere. E invece non è successo. Se da un lato le vendite sono scese considerevolmente, il volume delle vendite è sceso solo del 3% circa e stiamo ancora consegnando molti prodotti. Prevedevamo che la maggior parte della crescita sarebbe provenuta dal settore automobilistico, ma chiaramente non sta andando molto bene in questo momento. Stiamo ancora consegnando molte linee di prodotti differenti ai nostri clienti del settore automobilistico, ma le quantità sono relativamente piccole, il che evidenzia che si tratta più probabilmente di attività di progettazione che non di consumo per la produzione.

Un’altra categoria di prodotti che vale la pena menzionare è quella dei discreti. Nel 2018 avevano visto una grande crescita, poi un calo nel 2019 e ancora devono recuperare la loro posizione. Non riusciamo a capire il perché e i fornitori di discreti con cui parliamo condividono le stesse preoccupazioni. Probabilmente ci vogliono più ricerche e approfondimenti per esprimere un giudizio ponderato, ma dal momento che i componenti discreti si usano praticamente dovunque, è strano che una tecnologia come questa abbia un calo così importante mentre in altri settori della nostra attività questo non succede. L’unica conclusione che possiamo trarre è che o c’è un eccesso di scorte, oppure sono i settori ad essere stati colpiti negativamente; i settori automobilistico, industriale, petrolifero e del gas utilizzano buone quantità di quei prodotti e in questo momento semplicemente non stanno comprando.

Tra gli aspetti positivi, ci aspettavamo di veder crescere microprocessori, microcontrollori, analogici e interconnessioni. Quest’anno queste categorie sono cresciute e persino alcune aree dei passivi come i resistori e gli induttori stanno andando molto bene.

Un’altra area su cui volevamo concentrarci quest’anno è quella degli strumenti di sviluppo. Abbiamo ingaggiato nuovi fornitori, nuove linee e molti dei nostri fornitori attuali stanno uscendo con nuove schede di sviluppo e strumenti di valutazione. Il settore continua a rendere più semplice la progettazione di nuovi prodotti da parte di ingegneri progettisti, per questo motivo le schede di sviluppo e i kit di valutazione stanno tutti mostrando forti vendite per noi quest’anno. È interessante notare che questi strumenti di sviluppo sono facili da acquistare per gli ingegneri stessi, perciò alcuni di loro, ad esempio un hobbista che lavora per un OEM, può lavorare a un progetto da casa. Direi che stiamo consegnando più strumenti di sviluppo adesso di quanto abbiamo mai fatto prima d’ora.

Come stanno rispondendo i vostri clienti ai cambiamenti che il COVID ha imposto loro e voi cosa state facendo diversamente?

Mark: Sicuramente abbiamo visto molti ingegneri progettisti mettere in piedi dei banchi da lavoro in casa. La California, per esempio, è stata gravemente colpita dal virus, ma un ingegnere può fare molto da casae penso che alcuni siano contenti di stare in casa a fare il loro lavoro senza nessuno che li disturbi. Certi tipi di test potrebbero essere difficili da eseguire tra le mura domestiche, ma alcuni ingegneri sembrano andare nel laboratorio dell’ufficio solo per eseguire test specifici e poi tornano a casa.

Jeff: Rimanendo sullo stesso tema, i fornitori ci dicono che stanno avendo delle chiamate molto efficaci con i loro clienti sui nuovi progetti, utilizzando Zoom, Microsoft Teams etc. Le chiamate sembrano essere molto produttive perché permettono di sbrigare velocemente la parte sociale introduttiva e di passare rapidamente agli aspetti fondamentali. I clienti riescono a far partecipare la persona giusta alla chiamata, pertanto il processo decisionale avanza rapidamente. Riteniamo che anche per i fornitori svolgere il lavoro di progettazione in un ambiente virtuale stia effettivamente funzionando. Resta da vedere se questo sarà il modo in cui si faranno le cose d’ora in avanti, ma è evidente che il fatto di non potersi ritrovare fisicamente nella stessa stanza non ha arrestato il processo di progettazione.

Mark: Una decisione importante che abbiamo preso è stato di mantenere il livello del nostro inventario. Probabilmente il nostro non è un caso isolato, tuttavia non sono molti i distributori che hanno mantenuto dei livelli di magazzino alti come i nostri. Attualmente abbiamo scorte per un valore di circa 800 milioni di dollari e continuiamo a concentrarci sulla dimensione delle scorte provenienti da tutti i fornitori, il che significa che i prodotti sono disponibili per gli ingegneri al momento dell’acquisto.

Durante una delle nostre abituali chiamate con i fornitori, il CEO di uno dei nostri principali fornitori di interconnessioni ha commentato che secondo lui si sta per manifestare un’ondata di innovazione e che si tratterebbe di un’opportunità unica guidata dal settore dell’elettronica. Siamo d’accordo con lui. La sua intuizione entra in risonanza con quello che stiamo vivendo in Mouser, guardando avanti vediamo un grande potenziale. In questo momento c’è un focolaio di innovazione nelle case degli ingegneri, che verrà presto allo scoperto durante la fase del prototipo. Quando è iniziato il 2020 sapevamo che con il 5G e le altre principali tendenze del mercato per i prossimi due anni sarebbero stati buoni, ma a causa del COVID stiamo vedendo innovazioni anche in molte altre aree del nostro settore.

Avete notato qualche cambiamento particolare nel settore dell’elettronica medica e nella domanda di componenti?

Mark: Quello medico è sempre stato un buon settore per noi, ma come si poteva immaginare abbiamo visto un enorme aumento della domanda, in particolare di tutti i tipi di sensori. Microcontrollori, analogici, display LCD e praticamente qualsiasi componente che si usa in un ventilatore sono cresciuti notevolmente. La domanda è stata ben al di sopra del normale e aver mantenuto il livello delle scorte ci ha permesso di spedire i prodotti dalle giacenze. Una cosa che siamo molto contenti di poter offrire, considerando la destinazione e l’urgenza di questi componenti.

Come sono le previsioni per l’ultima parte del 2020 e fino al 2021? Ci sono previsioni rispetto alle quali siete fiduciosi?

Mark:  Abbiamo iniziato l’anno prevedendo una crescita globale dell’8% di pari livello nelle nostre tre regioni Asia, Americhe ed Europa. A partire da giugno 2020 la crescita è stata del 6% nelle Americhe, del 5% in Europa e del 20% in Asia. L’aspetto più difficile da prevedere è come andrà da qui in avanti. Abbiamo già visto il tasso di crescita in Cina passare dal -40% al +20%, il che mostra il drammatico cambiamento che c’è stato in un periodo di tempo relativamente breve.

I prossimi tre mesi saranno determinanti perché la produzione sta ricominciando in alcune parti dell’Europa e delle Americhe. Il mercato ha bisogno di domanda per funzionare ma, ad esempio, ci sono 40 milioni di persone negli USA che in questo momento non stanno lavorando, ciò significa che non stanno spendendo. Detto questo, crediamo fermamente che il settore dell’elettronica non sarà così gravemente colpito come quello dell’intrattenimento e dell’ospitalità, visto che l’innovazione va avanti.

La vera incognita è la percentuale di dipendenti che torneranno a lavoro, riportando in pista le nostre economie. La speranza è che il rientro si verifichi durante l’estate. Potrebbe succedere di avere un’estate sopra la media in Europa, dal momento che le aziende sono intenzionate a tornare a lavorare. Difficilmente assisteremo alla solita corsa alle vacanze estive a cosi breve distanza dalla fine dei lockdown.

Jeff: Dal punto di vista dell’andamento del prodotto e del mercato, il 5G continuerà a spingere i consumi. I governi potrebbero investire nello sviluppo del 5G come pacchetto di incentivi economici, creando ancora più domanda. Non sorprende che le nostre linee di prodotti RF stiano avendo una domanda significativa su tutta la linea, inclusi i transistor di potenza RF, i filtri RF e le interconnessioni RF.

Mark: Le nostre 27 sedi in tutto il mondo restano aperte e abbiamo adottato delle misure per proteggere il personale e rallentare la diffusione del virus. Stiamo ancora assumendo e avremo bisogno di assumere persone, non abbiamo avuto congedi temporanei né licenziamenti e quest’anno dovremmo raggiungere i 2 miliardi di dollari. Nel contesto del COVID restiamo forti e continuiamo ad investire nelle nostre persone, che stanno lavorando molto duramente per elaborare gli ordini in modo tale che le catene di progettazione e di approvvigionamento in tutto il mondo rimangano aperte.

Publitek



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x