Come cambia il lavoro con l’intelligenza artificiale

Pubblicato il 10 settembre 2019

L’intelligenza artificiale è una minaccia per l’occupazione? Secondo gli esperti porterà certamente a perdite di lavoro, ma vi saranno anche importanti benefici per tutti, sia dal punto di vista lavorativo sia nella vita di tutti i giorni. Come sopravvivere ai cambiamenti? Con lo studio, la preparazione e l’aggiornamento continuo, per creare nuove forme di occupazione.

Nel corso del secolo scorso, i rapidi progressi tecnologici hanno portato molti cambiamenti nella società. Alcuni lavori sono stati completamente eliminati e molti ruoli che richiedevano forza  lavoro sono stati ora automatizzati. Sembra che questa tendenza sarà ancor più accentuata rispetto al passato per i progressi nell’intelligenza artificiale.

Le macchine con intelligenza sono in grado di apprendere, ragionare sui problemi e risolverli. Inoltre, la possibilità di avere a disposizione sistemi intelligenti, funzionanti giorno e notte, a costi minimi di runtime, ma soprattutto l’enorme diminuzione del loro costo rispetto al passato sono tutti fattori che rendono fattibile e conveniente il loro utilizzo in sostituzione agli esseri umani. Oltre a ciò, possono eseguire gli stessi compiti con maggiore precisione e massima efficienza (fino a qualche anno fa tali sistemi erano costosissimi e dunque molto più conveniente utilizzare manovalanza a basso costo).

L’intelligenza artificiale si è rivelata utile in molti campi per trovare soluzioni e realizzare lavori che gli esseri umani non sono in grado di fare. Stephen Hawking,  l’astrofisico di fama mondiale scomparso lo scorso anno,  in un articolo su The Guardian, già avvertiva come l’intelligenza artificiale e l’aumento dell’automazione stessero decimando i posti di lavoro. E non solo i lavori manuali (non sarebbe una novità), ma anche quelli generalmente svolti da persone provenienti da quella che è definita la classe media; e dunque, peggiorando la disuguaglianza sociale e rischiando notevoli sconvolgimenti politici. Il fisico di affermava che: “l’automazione delle fabbriche ha già decimato i lavori nella produzione tradizionale, e l’aumento dell’intelligenza artificiale è probabile che estenda questa distruzione di lavoro nelle classi medie, lasciando posto a ruoli creativi o di vigilanza e controllo”.

Come sarà il futuro in un mondo dove l’intelligenza artificiale e la robotica saranno attori protagonisti? Abbiamo avuto in passato rivoluzioni economiche e industriali, ma la rivoluzione che porterà l’intelligenza artificiale è piuttosto diversa. Tutto lo scenario sta per cambiare e dobbiamo capire come ci si adatterà.

Certamente nuovi posti di lavoro saranno disponibili laddove è richiesta creatività (le macchine non sembrano essere ancora così sofisticate e complesse), ma tali posti non compenseranno la scomparsa di altri ruoli come la contabilità, o anche la diagnostica, che sta prendendo sempre più piede, con gran parte delle mansioni che saranno svolte dai robot. E presto non sarà neanche più necessaria la programmazione,  perché con la Machine Learning le macchine auto-apprenderanno come migliorarsi, anziché impararlo dall’uomo.

Brynjolfsson e McAfee, autori di “In gara con le Macchine. La tecnologia aiuta il lavoro?” hanno provato a indicare una via d’uscita. In estrema sintesi, consiste “nel lavorare con le macchine innovando le organizzazioni, investendo nel capitale umano attraverso la scuola e la formazione continua”.

 

Antonella Pellegrini



Contenuti correlati

  • L’Intelligenza Artificiale nell’Industria 4.0

    L’ intelligenza artificiale (IA) è un settore in continua crescita e alcune sue applicazioni nell’Industria 4.0, rappresentano senz’altro il suo apice. Questo perché, grazie alla combinazione di IA e Industria 4.0 le aziende hanno la possibilità di...

  • Intelligenza Artificiale: l’Italia si fa strada nell’innovazione ma servono formazione e talento

    Di Riccardo Fino, Data Scientist di Agile Lab Italia Come evidenziato dai dati dell’Osservatorio Artificial Intelligence del Politecnico di Milano, nel 2021 il mercato italiano dell’Intelligenza Artificiale è cresciuto del 27%, raggiungendo un valore di 380 milioni...

  • Spazi abitativi sempre più intelligenti e protetti

    Ai nostri giorni, lavastoviglie, frigoriferi, lavatrici, condizionatori d’aria, macchine per caffè e una miriade di altri dispositivi domestici sono sempre più spesso preceduti dalla parola “smart” Leggi l’articolo completo su EO 499

  • Soluzioni e piattaforme per l’Intelligenza Artificiale

    Il desiderio di utilizzare macchine per simulare l’intelligenza umana ha dato il via a una nuova era di innovazione nota come Intelligenza Artificiale. Al giorno d’oggi, le macchine vengono programmate per avere cognitivamente una capacità percettiva simile...

  • Il binomio AI e MV migliora la qualità e riduce i costi di produzione nel settore automotive

    L’intelligenza artificiale (AI) offre una soluzione rivoluzionaria per verificare la qualità dei componenti automobilistici, particolarmente complessi, sensibili ai costi, ad alto volume e molto spesso di importanza critica per la sicurezza. Utilizzata in combinazione con la machine...

  • Considerazioni sui sistemi Embedded Linux di classe enterprise

    Le attuali tendenze emergenti del settore elettronico, quali IoT, Intelligenza Artificiale e Machine Learning, impongono ai produttori dei dispositivi il possesso di una profonda conoscenza dei diversi Sistemi Operativi, od OS (Operating Systems) disponibili, sia quelli di...

  • AI: cresce la fiducia delle aziende italiane nelle nuove tecnologie

    Una recente ricerca commissionata da reichelt elektronik e condotta da OnePoll, fa il punto sul grado di implementazione dell’AI nel settore industriale italiano. Da ormai alcuni anni, l’utilizzo di soluzioni di intelligenza artificiale domina l’intero settore industriale...

  • Le fabless fanno decollare il mercato dei chip

    Il cambiamento dei modi di vivere imposto dalla pandemia e la successiva ripresa economica sono i due fattori che hanno alimentato la crescita del mercato dei semiconduttori che quest’anno, secondo le previsioni di IC Insights, dovrebbe crescere...

  • Machine Learning, reti neurali e Deep Learning

    In questo articolo viene presentata una panoramica sugli attuali metodi di apprendimento automatico (machine learning) e del loro utilizzo nel settore della ricerca, concentrandosi sui metodi dell’apprendimento automatico e il deep learning (apprendimento profondo). L’obiettivo dell’articolo è...

  • Olympus semplifica le analisi delle immagini industriali per le ispezioni dei materiali

    Il software di analisi delle immagini OLYMPUS  Stream adesso si avvale dell’efficacia dell‘intelligenza artificiale per integrare la nuova generazione di segmentazione delle immagini nelle ispezioni dei microscopi industriali. La versione 2.5 del software aggiunge la tecnologia deep...

Scopri le novità scelte per te x