Cohesity collabora con Microsoft per la protezione dei dati

Pubblicato il 12 aprile 2023

Cohesity e Microsoft hanno intensificato i loro rapporti con l’obiettivo di aiutare le aziende ad ampliare a livello globale e a rafforzare la sicurezza dei dati.

Cohesity ritiene che l’AI possa essere impiegata per analizzare rapidamente grandi volumi di dati e consentire alle IT e security operation di rispondere a una violazione in modo più rapido e accurato. L’azienda ha infatti annunciato che porterà avanti la sua data structure abilitata per l’AI che, combinata con OpenAI, farà progredire le iniziative di AI generativa per il rilevamento delle minacce, la classificazione, il rilevamento delle anomalie e altro ancora.

“Cohesity si sta integrando con le ampie piattaforme di Microsoft su sicurezza, cloud e Intelligenza Artificiale, per aiutare i clienti a mettere in sicurezza e proteggere i propri dati contro i crescenti attacchi informatici”, ha dichiarato Sanjay Poonen, CEO e Presidente di Cohesity. “Questa collaborazione rafforzata renderà semplice per migliaia di clienti e partner dell’ecosistema Microsoft l’accesso alla pluripremiata piattaforma di Cohesity e ai suoi vantaggi distintivi di scalabilità, semplicità e sicurezza, in scenari hybrid-cloud o multicloud”.

“Oggi utilizziamo sia le soluzioni di Cohesity sia quelle di Microsoft e siamo entusiasti di questa maggiore attenzione riservata al miglioramento della sicurezza, all’utilizzo delle innovazioni cloud per promuovere la resilienza informatica e all’ottenimento di informazioni più preziose dai dati”, ha evidenziato Niall Townley, Backup Administrator del Community Health Plan di Washington. “Per organizzazioni come la nostra che continuano ad accelerare il passaggio a un mondo ibrido e multicloud, è fantastico poter continuare a gestire i dati in modo semplice e sicuro, ovunque si trovino, attraverso la piattaforma Cohesity Data Cloud. Insieme, tutti questi vantaggi ci aiutano a ottimizzare il cloud e a mitigare al contempo il rischio di minacce informatiche”.

“Con un numero sempre maggiore di organizzazioni che espandono i propri dati in ambienti ibridi e multicloud, le vulnerabilità agli attacchi aumentano e la sicurezza e la protezione dei dati diventano sempre più complesse. Cohesity cerca di andare incontro ai clienti dove si trovano, sia che si tratti di ambienti on-premise sia che si tratti di più cloud provider”, ha sottolineato Phil Goodwin, Research Vice President di IDC. “Cohesity si sforza di aiutare i clienti a ottenere più valore dai dati attraverso una migliore logistica dei dati, una parte fondamentale della quale è rappresentata dalla sicurezza e dalla protezione dei dati. Riteniamo che l’integrazione con Microsoft Azure aiuterà Cohesity e i suoi clienti a stare un passo avanti rispetto ai criminali informatici grazie a una sicurezza più intelligente, ora e con altri futuri interessanti casi d’uso”.



Contenuti correlati

  • L’intelligenza artificiale analogica

    L’intelligenza artificiale (AI), a causa della sua complessità, costituisce una sfida impegnativa per l’informatica digitale. L’intelligenza artificiale analogica consente di ottenere efficienza energetica e velocità, grazie anche all’evoluzione dei nuovi circuiti integrati. L’intelligenza artificiale analogica può anche...

  • Cisco
    Cisco fornisce 800 Gbps sul cavo transatlantico Amitié

    Cisco, in collaborazione con Microsoft, ha eseguito con successo una prova di trasmissione a 800 Gbps sul cavo transatlantico denominato Amitié. Si tratta di un collegamento tra Stati Uniti e Francia (da Boston a Bordeaux) lungo 6.234...

  • SECO
    SECO ha presentato la piattaforma StudioX

    StudioX è la nuova piattaforma di intelligenza artificiale di SECO, progettata per un supporto aziendale personalizzato. Questa piattaforma permette infatti alle aziende di sviluppare servizi di supporto basati dall’IA, per elevare standard interni e migliorare l’esperienza cliente....

  • ADI
    ADI implementa l’AI generativa con SambaNova System

    Analog Devices (ADI) ha annunciato la collaborazione con  SambaNova System per implementare l’AI generativa. L’obiettivo di ADI è quello di guidare la sua trasformazione globale, rendendo l’AI pervasiva in tutta l’azienda. Come parte della fase iniziale dell’implementazione,...

  • Rimozione del rumore in immagini a raggi X basata su algoritmi di deep-learning

    Hamamatsu Photonics ha sviluppato una nuova tecnologia di riduzione del rumore basata su algoritmi di deep learning e su un nuovo metodo di simulazione delle immagini a raggi X Leggi l’articolo completo su EO Lighting33

  • Un approccio alla comprensione delle reti neurali artificiali

    Le reti neurali sono uno dei più affascinanti paradigmi di programmazione mai inventati. Nell’approccio convenzionale alla programmazione, diciamo al computer cosa fare, suddividendo i grandi problemi in tanti piccoli compiti definiti con precisione che il computer può...

  • Couchbase
    Più applicazioni e migliori insight in tempo reale, secondo Couchbase il 2024 sarà l’anno dell’Intelligenza Artificiale

    Fabio Gerosa, Sales Director Italy di Couchbase, mette in luce i principali trend tecnologici che caratterizzeranno il prossimo anno La tecnica Retrieval-Augmented Generation (RAG) sarà fondamentale per ottenere risultati fondati e contestuali con l’AI L’entusiasmo per i...

  • Clearbox AI
    I modelli AI per le banche: ecco perché non funzionano

    A cura di Shalini Kurapati, Co-Founder e CEO di Clearbox AI Nel mese di luglio è rimbalzata sulla stampa mondiale la notizia di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori di Stanford e Berkeley in cui...

  • Innodisk
    Da Innodisk un nanoSSD PCIe compatto e con elevate prestazioni

    Innodisk ha realizzato il primo nanoSSD PCIe 4TE3 per design AI edge caratterizzati da elevata miniaturizzazione e prestazioni di elaborazione elevate come quelli 5G, automotive e aerospaziali. Questa soluzione è progettata nel fattore di forma BGA M.2...

  • Snowflake
    AI generativa, come ridurre al minimo i rischi di perdita o furto di dati

    Di Torsten Grabs, Senior Director of Product Management, Snowflake Le aziende hanno rapidamente riconosciuto la potenza dell’AI generativa per alimentare nuove idee e migliorare la produttività. Tuttavia, rendere disponibili dati sensibili e proprietari in modelli linguistici di...

Scopri le novità scelte per te x