Analogica o digitale: come scegliere l’interfaccia di un microfono MEMS

Pubblicato il 21 maggio 2019

I microfoni MEMS (Micro-Electro-Mechanical System) hanno contribuito ad aumentare potenzialità e funzionalità di una vasta gamma di dispositivi, aggiungendo in questi ultimi tempi capacità di comunicazione e di monitoraggio. I dispositivi di navigazione a comando vocale e gli assistenti domestici digitali sono due esempi di dispositivi che hanno contribuito a questa evoluzione e stanno favorendo la crescita, di natura esponenziale, dell’elettronica a comando vocale. Poichè il numero di settori di possibile utilizzo dei microfoni MEMS è in continuo aumento, per i progettisti è importante comprendere i differenti tipi di interfacce elettriche per microfoni MEMS e le relative modalità di utilizzo.

Microfoni MEMS: concetti di base

I microfoni MEMS sono solitamente composti da due chip a semiconduttore ospitati all’interno di un singolo package. Il primo chip è una membrana MEMS che converte le onde sonore in un segnale elettrico mentre il secondo è un amplificatore che può contenere un convertitore A/D (ADC). Nel caso sia previsto un convertitore A/D in un microfono MEMS il segnale di uscita sarà di tipo digitale,  mentre in assenza del convertitore all’utente viene fornito un segnale di uscita analogico.

Interfacce analogiche per microfoni MEMS

Un microfono MEMS con un’uscita analogica consente di effettuare un interfacciamento molto semplice con il circuito host, come visibile in figura 1. I segnali di uscita analogici sono pilotati da un amplificatore esterno per cui il microfono avrà già raggiunto un livello del segnale accettabile con un’impedenza di uscita relativamente bassa.

Il condensatore che blocca la corrente continua (C1) assicura che la tensione continua di ingresso del circuito host non richieda alcun adattamento con la tensione continua di uscita del microfono MEMS. Oltre a ciò, la frequenza del polo generato dalla combinazione di C1 ed R1 deve essere impostata a una valore sufficientemente basso in modo da consentire il trasferimento dei segnali alla frequenza audio prescelta al circuito host con un adeguato livello di attenuazione: per esempio, per un range di frequenza audio minimo di 20 Hz, 1/(2*π*R1*C1) deve essere < 20 Hz.

Fig. 1 – Schema di un microfono MEMS con uscita analogica collegato a un amplificatore esterno

 

Interfacce digitali per microfoni MEMS

I segnali in uscita dai microfoni MEMS con interfaccia digitale sono codificati su base periodica mediante la modulazione PDM (Pulse Density Modulation). Utilizzando questo tipo di modulazione, la tensione del segnale analogico viene convertita in un flusso digitale a singolo bit  che include una densità corrispondente di segnali di livello logico alto. Tra i vantaggi della modulazione PDM si possono annoverare immunità al rumore elettrico, tolleranza all’errore sui bit e semplicità dell’interfaccia hardware.

La figura 2 mostra la modalità di connessione di un singolo microfono digitale con uscita PDM con il circuito host. Il collegamento del pin “select” a Vdd o Gnd determinerà se i dati sono disponibili sul fronte di salita o di discesa del segnale di clock.

Fig. 2 – Schema di collegamento di un singolo microfono digitale con uscita PDM

 

Nella figura 3, invece, due microfoni sono collegati a un circuito host attraverso linee di dati e di clock condivise: si tratta di una configurazione spesso utilizzata per il setup di microfoni stereo.

 

Fig. 3 – Schema del collegamento di due microfoni digitali con uscita PDM che utilizzano le stesse linee di dati e di clock

Analogico o digitale: quale scegliere?

La decisione di impiegare microfoni MEMS con un’interfaccia analogica o digitale dipende dalla modalità di utilizzo del segnale di uscita. Un segnale di uscita analogico è utile nel momento in cui deve essere collegato all’ingresso di un amplificatore per l’elaborazione analogica nel sistema host. Un semplice altoparlante o un sistema di comunicazione radio sono alcuni tra i possibile esempi di tradizionali applicazioni analogiche. A questo punto è utile sottolineare che i microfono MEMS con uscite analogiche sono caratterizzati da consumi inferiori rispetto a quelli con uscite digitali a causa dell’assenza del convertitore A/D.

Ovviamente un segnale di uscita digitale risulta vantaggioso quando il segnale deve essere utilizzato da un circuito digitale, come un processore DSP (Digital Signal Processor) o un microcontrollore. I segnali di uscita digitali sono inoltre caratterizzati da una maggiore immunità contro il rumore elettrico rispetto ai segnali analogici: si tratta di un notevole vantaggio nel caso i conduttori tra il microfono e il circuito host siano ubicati in un ambiente rumoroso dal punto di vista elettrico.

Considerazioni conclusive

Visto la crescente diffusione dei microfoni MEMS e i vantaggi connessi al loro utilizzo, è importante comprendere appieno le differenti configurazioni ora disponibili. La scelta tra un’uscita analogica o digitale dipende essenzialmente dall’utilizzo che verrà fatto del segnale di uscita e dal tipo di sistema su cui verrà implementato: L’offerta di CUI Devices comprende microfoni con uscite sia analogiche di digitale (PDM) in modo da consentire ai progettisti di scegliere il prodotto più adatto per soddisfare le loro esigenze.

Bruce Rose Principal Applications Engineer (CUI Devices Inc)



Contenuti correlati

  • Ai nastri di partenza il progetto “Listen2Future

    Capitanato da Infineon Austria, è partito il progetto di ricerca europeo “Listen2Future” che coinvolge 27 partner di 7 diversi Paesi: l’obiettivo è lo sviluppo di microfoni e sensori a ultrasuoni sempre piccoli da utilizzare in applicazioni di...

  • Nuove opzioni per guida DIN per le morsettiere di CUI Devices

    L’Interconnect Group di CUI Devices  ha annunciato l’espansione della sua linea di morsettiere con l’aggiunta di nuovi modelli su guida DIN. La famiglia TBDR offre connettori a molla o con tappo di chiusura a innesto. Queste morsettiere...

  • Una introduzione ai relè di segnale

    I relè sono alcuni dei dispositivi elettronici più antichi, più utili e più utilizzati perché offrono un controllo remoto sicuro di un circuito a distanza. Nonostante siano in circolazione dal 1835, i relè continuano ad essere impiegati...

  • Ventole assiali vs. Ventole centrifughe – Qual è la differenza?

    Qualsiasi componente o sistema che generi calore operativo che possa influenzarne negativamente le prestazioni deve essere raffreddato. Questa è una di quelle semplici regole di ingegneria che si imparano a scuola e che probabilmente si ignorano fino...

  • CUI Devices introduce la nuova linea di relè di potenza

    Il Relays Group di CUI Devices ha annunciato l’aggiunta di una nuova linea di prodotti alla sua offerta di relè di potenza. Adatti per la commutazione in una vasta gamma di applicazioni industriali, apparecchiature di misura e...

  • Elementi base sui connettori circolari e cavi

    Cosa sono i connettori circolari? I connettori circolari sono dispositivi elettrici cilindrici di dimensioni variabili con superfici di accoppiamento circolari. Contengono più pin, o contatti, che si collegano alle parti applicabili per trasferire energia elettrica, segnali o...

  • CUI Devices aggiunge nuovi connettori circolari M8 alla sua offerta

    L’Interconnect Group di CUI Devices ha annunciato l’aggiunta di nuovi componenti M8 alla sua linea di connettori circolari. La famiglia CDM8 offre una gamma di versioni con opzioni caratterizzate da 3, 4, 5, 6 o 8 pin....

  • Oscilloscopio da 1 GHz: criteri di scelta

    Gli esperti del settore condividono considerazioni chiave – il tasso di campionamento, facilità d’uso e molte altre – utili nella scelta del giusto oscilloscopio Leggi l’articolo completo su EO 504

  • PDM vs. I2S: confronto delle interfacce digitali nei microfoni MEMS

    Di Jeff Smoot, CUI Devices Nonostante i microfoni nei sistemi embedded siano disponibili da parecchi decenni, una volta lanciati i microfoni MEMS il loro utilizzo si è rapidamente esteso. Questa espansione è anche dovuta al successo delle...

  • CUI Devices amplia la gamma di interruttori

    Lo Switches Group di CUI Devices ha aggiunto modelli classificati IP67 alla sua linea di interruttori tattili. Utilizzabili per applicazioni soggette a umidità e contaminanti ambientali, le serie TS03, TS05, TS08 e TS19 sono caratterizzate da ingombri...

Scopri le novità scelte per te x