Alleanze europee per processori ed edge/cloud computing

Pubblicato il 28 luglio 2021

L’Unione Europea ha di recente annunciato due nuove Alleanze Industriali, la prima che riguarda processori e semiconduttori e la seconda relativa alle tecnologie edge e cloud.

L’Alleanza Industriale sulle tecnologie a semiconduttore e processori riguarda le tecnologie di processo, che dovrebbero passare da 16 a 10 nm, ed è finalizzata a soddisfare le attuali esigenze dell’industria europea. Ciò è perfettamente in linea con le intenzioni annunciate sia da TMSC, che è disposta a realizzare una fabbrica in Europa, e da Intel, che si è offerta di costruire una fabbrica in Baviera (in attesa di sviluppi riguardo a GlobalFoundries). Questa mossa va ovviamente anche nella direzione di diminuire la dipendenza dai produttori stranieri e di ovviare alla ormai nota carenza di chip che sta investendo parecchi settori industriali, automotive “in primis”.

Questa Alleanza “strizza” anche l’occhio ai nodi di processo da 5 a 2 nm, per anticipare future esigenze e produrre chip che consentano di ridurre i consumi in cellulari e data center. L’obiezione in questo caso è che nel Vecchio Continente non ci sono società che progettano chip per smartphone e solo una manciata di produttori di integrati per datacenter.

La microelettronica, e in particolare i processori, sono tra le aree chiave di investimento del Piano di Ripresa e Resilienza e gli Stati Membri dell’Unione Europea si sono impegnati a usare il 20% dei fondi stanziati per la trasformazione digitale (equivalenti a 145 miliardi di euro) nei prossimi 3 anni.

 

Allenza per l’edge/clod computing

Questa Alleanza rappresenta la maggiore opportunità per l’Unione Europea di rafforzare le proprie capacità a livello di tecnologie per il cloud e per l’edge (ovvero la periferia della rete) preservando, almeno in questo settore, la propria sovranità tecnologica. Sarà necessario sviluppare tecnologie di elaborazione dei dati completamente nuove, che comprendano anche l’edge, allontanandosi quindi dai modelli di infrastrutture di elaborazione dati completamente centralizzata. Entro il 2025 l’80% dei dati generati verrà elaborato alla periferia, contro il 20% attuale.

L’Alleanza per “Industrial Data, Edge and Cloud” focalizzerà la propria attenzione sullo sviluppo di tecnologie di cloud ed edge computing efficienti in termini di consumi energetici e di utilizzo di risorse, completamente interoperabili e caratterizzate da un elevato grado di sicurezza che potranno essere utilizzate in tutti i settori, compresi quello militare e della sicurezza.

La partecipazione alle due Alleanza è aperta ad aziende pubbliche e private, nonché a realtà accademiche e centri di ricerca. Le norme di partecipazione, che prevedono severi requisiti in termini di sicurezza, protezione di IP e via dicendo, potrebbero precludere la partecipazione ad aziende con quartier generale in Europa ma possedute da investitori cinesi.

Filippo Fossati



Contenuti correlati

  • La tecnologia di archiviazione dei dati nel cloud computing

    Nel sistema del cloud computing l’archiviazione dei dati adotta la tecnologia di archiviazione distribuita e l’affidabilità dei dati è garantita dall’archiviazione di ridondanza Leggi l’articolo completo su EO 496

  • Due nuove divisioni per Intel

    Il nuovo Ceo di Intel, Pat Gelsinger ha annunciato la nascita di due nuove divisioni, in risposta alla crescente importanza dei settori HPC (High Performance Computer), software e IoT, e la nomina di un nuovo CTO (Chief...

  • Cadence e TSMC insieme per accelerare lo sviluppo di applicazioni sui processi N3 e N4

    Cadence Design Systems e TMSC hanno annunciato l’ampliamento della loro collaborazione per accelerare la progettazione di applicazioni di elaborazione mobile, AI e hyperscale utilizzando il flusso integrato completamente digitale e la suite di tool per progetti custom/analogici...

  • Edge computing – la killer app del 5G?

    Il 5G è finalmente arrivato. Molti di noi hanno già abbandonato il loro smartphone 4G, mentre le aziende stanno facendo i conti con il nuovo standard. Il momento non potrebbe essere migliore: ci sono ora più di...

  • Lattice Automate: uno stack per l’automazione industriale

    Lattice Semiconductor  ha di recente ampliato il proprio portafoglio di stack di soluzioni basati su FPGA a basso consumo con l’introduzione di Lattice Automate. Si tratta di uno stack che include tool software, core IP industriali, schede...

  • Compatibilità: l’elemento chiave per il successo delle applicazioni per Industry 4.0

    Intervista a Peter Müller, VP Product Center Modules di Kontron La digitalizzazione ha preso velocità, soprattutto negli ambienti industriali. Sono sempre maggiori le soluzioni che vengono sviluppate per soddisfare le esigenze di sicurezza, flessibilità e compatibilità e...

  • La rivoluzione dell’elaborazione ai margini della rete

    In questo articolo vengono evidenziati i progressi dell’edge computing, confrontandolo con il cloud computing e delineati alcuni requisiti chiave per l’implementazione IoT Leggi l’articolo completo su EO 493

  • Intel investe in nuove fabbriche in Arizona

    Per tre decenni una buona parte dei prodotti in qualche modo legati alla tecnologia sono stati prodotti in Cina. Il Paese asiatico ha rivitalizzato molte aree, come Shenzen e Nanchino, investendo in fabbriche di semiconduttori e nella...

  • Edge computing: adesso è mission-critical

    Dal fog computing all’edge computing mission-critical : l’evoluzione di un paradigma di elaborazione nelle parole di Flavio Bonomi, Technology Visionary for Fog/Edge Computing che attualmente ricopre la carica di Board Technology Adviser presso Lynx Software Technologies Prima...

  • Da congatec una gamma di piattaforme operanti nel range di temperatura esteso

    L’edizione di “embedded world 2021 DIGITAL” ha offerto a congatec la possibilità di focalizzarsi sulle problematiche legate alla robustezza, proponendo una gamma completa di piattaforme – dai server COM-HPC di fascia alta ai moduli in formato SMARC a...

Scopri le novità scelte per te x