Alimentazione: alcuni suggerimenti (parte 8) – Come ridurre le interferenze elettromagnetiche variando la frequenza dell’alimentatore

Dalla rivista:
Elettronica Oggi

 
Pubblicato il 22 febbraio 2011

In questo articolo vi presentiamo una tecnica che può aiutarvi a soddisfare i requisiti EMI e, forse, a semplificare il design del filtro. Con questa tecnica viene modulata la frequenza di commutazione dell’alimentatore per distribuire l’energia del rumore sulle bande laterali e modificare lo spettro dei disturbi dalla banda stretta alla banda larga (firma spettrale), attenuando in modo efficace i picchi armonici. È da notare che le interferenze elettromagnetiche non vengono ridotte, ma solo ridistribuite.

Con una modulazione sinusoidale, due delle variabili che è possibile controllare sono la frequenza di modulazione (fm) e la deviazione di frequenza dell’alimentatore (Δf). L’indice di modulazione (β) è il rapporto tra queste due grandezze, ovvero:

β =Δf/fm

Figure_01a

Figure_01b

Fig. 1 – La modulazione della frequenza dell’alimentatore espande la firma spettrale delle interferenze EMI

La figura 1a mostra in quale misura varia l’indice di modulazione in caso di forme d’onda sinusoidali. Con β=0 non c’è spostamento di frequenza ed è presente una sola riga spettrale. Con β=1, lo spettro di frequenza inizia ad ampliarsi e la componente centrale scende del 20%. Con β=2, lo spettro di frequenza si amplia ulteriormente e la componente più grande della frequenza rappresenta il 60% rispetto al caso originale. Per quantificare l’energia presente in questo spettro è possibile utilizzare la teoria della modulazione di frequenza. Secondo la regola di Carson, la maggior parte dell’energia sarà contenuta in una larghezza di banda pari a 2 * (Δf + fm). La figura 1b mostra indici di modulazione ancora più elevati, dimostrando che è possibile ridurre i valori di punta dei disturbi EMI di oltre 12 dB.

Figure_02

Fig. 2 – Variando la frequenza dell’alimentatore si attenua la componente fondamentale, ma si aumenta il rumore di fondo

Per questi motivi, la scelta ricade in genere su una frequenza di modulazione non troppo superiore alla larghezza di banda del ricevitore, ma fuori dal range udibile. Come risulta ovvio dalla figura 1b, è preferibile una modifica elevata della frequenza operativa. È tuttavia importante sapere che questo avrà degli effetti sul design dell’alimentatore. Quindi è consigliabile scegliere i componenti magnetici in riferimento alla frequenza operativa più bassa. Il condensatore di uscita deve inoltre gestire correnti di ripple più elevate, a causa del funzionamento a frequenza più bassa.

La figura 2 mostra un confronto delle prestazioni EMI misurate con e senza modulazione della frequenza. L’indice di modulazione è pari a quattro e, come previsto, la riduzione delle interferenze elettromagnetiche è nell’ordine degli 8 dB con la componente fondamentale. Sono però da notare anche altri aspetti. Le armoniche sono distribuite sulle bande di frequenza in base al relativo numero, vale a dire che la terza armonica viene espansa tre volte in più rispetto alla componente fondamentale. Lo stesso si ripete alle frequenze più alte, elevando notevolmente il rumore di fondo rispetto al caso a frequenza fissa. Di conseguenza questa tecnica potrebbe essere inutilizzabile nei sistemi a basso rumore, ma risulta vantaggiosa per molti sistemi, per via della maggiore flessibilità di progettazione e della riduzione dei costi del filtro EMI.

 

Un ringraziamento a John Rice e Mike Segal di Texas Instruments per il loro lavoro in questo settore. Il prossimo argomento della rubrica sarà la valutazione dell’aumento di temperatura dei componenti.

Per ulteriori informazioni sulle soluzioni per l’alimentazione, visitare il sito www.power.ti.com. Per eventuali domande sui contenuti del presente articolo potete contattarmi all’indirizzo powertips@list.ti.com.

Fonti di riferimento
1 – “Reduction of Power Supply EMI Emissions by Switching Frequency Modulation,” Feng and Chen, IEEE Transactions on Power Electronics, 1994.
2 – “EMI Filter Design, SEM1500, Topic 1”: http://focus.ti.com/docs/training/catalog/events/event.jhtml?sku=SEM403002

Robert Kollman, Texas Instruments



Contenuti correlati

  • Realizzare telecamere smart basate sull’AI con un processore “ad hoc”

    Il processore AM62A è progettato per applicazioni di visione da bassa a media che richiedono una o due telecamere. Grazie al suo innovativo acceleratore per AI, all’encoder/decoder H264/H265 e al processore ISP (Image Sensor Processor) integrato dotato...

  • La correzione del fattore di potenza tramite controllo della modalità a corrente di picco

    Questo nuovo metodo di controllo in modalità a corrente di picco per PFC presenta numerosi vantaggi rispetto al tradizionale metodo di controllo in modalità a corrente media che verranno illustrati in questo articolo Leggi l’articolo completo su...

  • Costruire un sensore di parametri vitali senza contatto per più pazienti per uso domestico

    Con un sensore radar a onde millimetriche (mmWave) è possibile rilevare movimenti minimi, persino dal torace di un paziente (quindi i parametri vitali), movimenti a letto o addirittura monitorare più pazienti in una volta sola Leggi l’articolo...

  • TEXAS INSTRUMENTS
    Nuove gamme di dispositivi GaN da Texas Instruments

    Texas Instruments (TI) ha presentato due nuove gamme di dispositivi di conversione di potenza che consentono di ottenere maggiori densità di potenza. I nuovi stadi di potenza integrati al nitruro di gallio (GaN) da 100 V di...

  • Diagnostica di carico avanzata per ridurre i tempi di downtime

    Il rilevamento della corrente è una soluzione diagnostica del carico che, una volta aggiunta a una rete di distribuzione della potenza 24 VCC, permette di migliorare la raccolta dei dati, rendendo possibile diagnosticare correnti di sovraccarico, rotture...

  • Implementazione di un master IO-Link con temporizzazione deterministica

    Questo articolo affronterà l’argomento dell’implementazione di master IO-Link ad alte prestazioni in sistemi industriali per ottenere tempi di ciclo precisi e latenza deterministica Leggi l’articolo completo su Embedded 91

  • Texas Instruments
    Texas Instruments presenta nuovi chip automotive

    Texas Instruments (TI) ha presentato a CES2024  i suoi nuovi semiconduttori progettati per migliorare la sicurezza e l’intelligenza nel settore automotive. Il chip sensore radar a onde millimetriche AWR2544 a 77 GHz è il primo nel settore...

  • TI
    TI espande la sua gamma di FET GaN

    Texas Instruments (TI) ha annunciato di aver ampliato la sua gamma di prodotti basati su tecnologia GaN con nuovi FET con gate driver integrati, tra cui i dispositivi LMG3622, LMG3624 e LMG3626, che permettono di raggiungere velocità...

  • 2024: buone prospettive per i semiconduttori

    Il mercato globale dei semiconduttori si trova in una fase di solida inversione di tendenza. Questa è l’opinione degli analisi di WSTS,  che hanno rivisto al rialzo i dati relativi alla crescita del 2° trimestre 2023 rispetto...

  • Come ottimizzare i progetti HVAC per i veicoli HEV/EV

    Una panoramica delle problematiche di progettazione correlate alle applicazioni elettroniche per HVAC e un’analisi del ruolo che hanno le prestazioni del controllo in tempo reale, la scalabilità e il costo nella risoluzione di tali problematiche Leggi l’articolo...

Scopri le novità scelte per te x