Alimentazione: alcuni suggerimenti (parte 11) – Appianamento delle differenze tra misure e valori calcolati delle perdite di un alimentatore

Dalla rivista:
Elettronica Oggi

 
Pubblicato il 12 maggio 2011

In questo articolo presentiamo un metodo semplice per conciliare le differenze tra i calcoli e le misure effettive basato sullo sviluppo in serie di Taylor, che afferma che qualsiasi funzione può essere rappresentata (in un certo intervallo) da una serie di potenze:

formulaPoiché le perdite in un alimentatore sono calcolabili in base alla corrente di uscita quando si sostituisca quest’ultima con x, esiste una buona correlazione tra i coefficienti e le varie fonti delle perdite di potenza. Ad esempio, ao rappresenta tutte le perdite costanti, ossia indipendenti dalla corrente di uscita, come quelle legate al comando del gate, alla potenza di polarizzazione, al nucleo e alla carica e scarica del condensatore di uscita (COSS) del transistor di potenza. Le perdite corrispondenti al secondo termine, a1, sono legate direttamente alla corrente di uscita e caratterizzabili come perdite nel diodo di uscita e perdite di commutazione. Per quanto riguarda il diodo, la maggior parte delle perdite è causata dalla tensione di giunzione e quindi aumenta proporzionalmente alla corrente di uscita.

Figure_01

Fig. 1 – I componenti delle perdite di potenza sono correlati ai coefficienti quadratici

Analogamente, le perdite di commutazione possono essere calcolate in modo approssimativo come il prodotto di un termine correlato alla corrente di uscita e di una tensione costante. Il terzo termine, facilmente identificabile con le perdite di conduzione, è caratterizzato come perdite nelle resistenze del FET, nei cablaggi magnetici e nelle interconnessioni. I termini di ordine superiore potrebbero essere utili per la valutazione di perdite non lineari, come quelle nel nucleo, tuttavia si possono ottenere risultati utili considerando solo i primi tre termini.

Un metodo per calcolare i tre coefficienti consiste nel misurare le perdite in tre punti di funzionamento e risolvere il sistema di equazioni così ottenuto. La soluzione risulta ancor più semplice se una delle misure si riferisce all’alimentatore a vuoto, in cui tutte le perdite sono uguali al primo coefficiente (a0). Il problema si riduce così a due equazioni in due incognite, facilmente risolvibili. Una volta calcolati i coefficienti, si può creare una curva delle perdite simile a quella illustrata nella figura 1, che mostra i tre tipi di perdite. Questo può risultare molto utile per conciliare le discrepanze tra le misure e i calcoli e per individuare più agevolmente aree di possibili miglioramenti dell’efficienza. Ad esempio, a pieno carico le perdite nella figura 1 sono dovute principalmente alla conduzione. Per migliorare l’efficienza occorre ridurre le resistenze del FET, degli induttori e di interconnessione.

Figure_02

Fig. 2 – I primi tre termini delle perdite evidenziano un’ottima corrispondenza con le misure

La correlazione tra le perdite effettive e uno sviluppo in serie composto da tre termini è molto buona. La figura 2 mette a confronto la curva dei dati misurati con quella di adattamento ai dati per un regolatore buck sincrono. Sappiamo che, in base alla risoluzione di un sistema di tre equazioni, le curve coincideranno in tre punti. La differenza negli altri punti è minore del 2%. Per altri tipi di alimentatori, l’approssimazione può essere meno precisa a causa di vari fattori, come differenti modalità di funzionamento (ad es. continua o discontinua), pulse skipping o funzionamento a frequenza variabile. Questo metodo non è infallibile, ma può consentire ai progettisti di alimentatori di analizzare meglio le perdite effettive nel circuito.

Nel prossimo numero della rubrica illustreremo come sia possibile utilizzare questo metodo per ottimizzare l’efficienza in corrispondenza di un particolare punto di funzionamento.

Per leggere numeri precedenti della rubrica “Suggerimenti sull’alimentazione” di Robert Kollman: www.eo-web.it/webexclusive
Per ulteriori informazioni su questa e altre soluzioni per gli alimentatori: www.ti.com/power-ca
Per contattare Robert Kollman: powertips@list.ti.com

Robert Kollman, senior applications manager, distinguished member – Technical Staff, Texas Instruments



Contenuti correlati

  • TI e Delta Electronics per la realizzazione di alimentatori per server ad alta efficienza

    Texas Instruments (TI) ha annunciato che la sua tecnologia GaN e i microcontrollori C2000 sono stati combinati da Delta Electronics nella progettazione di un’unità di alimentazione per server caratterizzata da un miglioramento dell’80% della densità di alimentazione...

  • Evoluzione delle tecnologie dei semiconduttori per le moderne applicazioni di telesalute

    L’assistenza sanitaria continua a evolversi verso l’auto-trattamento affrancandosi dagli appuntamenti di persona. Oltre a contribuire a ridurre il contatto fisico, le nuove tecnologie hanno dato alla popolazione in generale un accesso senza precedenti a strumenti sanitari per...

  • L’importanza dell’isolamento del segnale nei sistemi HEV/EV a 48 V

    Anche se le tensioni non sono elevate come nei casi a 400 V o 800 V, vi sono molte ragioni per cui l’isolamento è importante sui veicoli ibridi a 48 V, tra cui la maggiore immunità al...

  • Tecnologie fondamentali per la densità di potenza: un’introduzione

    Una definizione della densità di potenza e un’analisi dei quattro aspetti fondamentali da prendere in considerazione relativi alle soluzioni ad alta densità di potenza Leggi l’articolo completo su EO 495

  • Una nuova gamma di MCU ad alte prestazioni da TI

    Texas Instruments (TI) ha presentato le nuove MCU Sitara AM2x, microcontroller ad alte prestazioni che permettono di raggiungere una capacità di elaborazione 10 volte superiore rispetto alle tradizionali MCU basate su flash. Creata intorno ai core MCU...

  • Isolatori digitali: criteri di scelta

    Una guida ragionata sui più importanti parametri da prendere in considerazione nella scelta dell’isolatore digitale più adatto per lo sviluppo di un determinato progetto Leggi l’articolo completo su EO 495

  • I nuovi sensori di umidità di TI

    I primi dispositivi di una nuova famiglia di sensori di umidità di Texas Instruments (TI) sono caratterizzati da una elevata precisione e minimi consumi e permettono ai progettisti di ottimizzare l’efficienza dei sistemi e aumentare la durata...

  • Da TI una nuova famiglia di ADC SAR

    Texas Instruments ha ampliato la sua offerta di convertitori di dati ad alta velocità con una nuova famiglia di convertitori analogico/digitali (ADC) SAR che consentono l’acquisizione di dati ad alta precisione nei progetti industriali. La famiglia ADC3660...

  • Tutti i vantaggi del GaN

    Metà dello spazio, il doppio della potenza: come il nitruro di gallio sta rivoluzionando la robotica, le energie rinnovabili, le telecomunicazioni e altro ancora Leggi l’articolo completo su EO Power 25

  • Come ottenere diagnosi più rapide e accurate con la tecnologia dei test molecolari

    Una breve descrizione della diagnosi molecolare e alcuni dettagli sui componenti utilizzati nei blocchi base degli strumenti utilizzati per effettuare analisi di questo tipo Leggi l’articolo completo su EO 494  

Scopri le novità scelte per te x