AIXA 2020 chiude i lavori con tre ospiti d’eccezione: Björk, Guadagnino e Lissoni

Pubblicato il 13 novembre 2020

Si avviano alla conclusione le sessioni di alta formazione proposte dall’edizione 2020 dell’Artificial Intelligence Expo of Applications. Con quasi 50mila persone raggiunte sui social media e oltre 600 professionisti e manager di tutto il mondo, tra speaker e partecipanti, coinvolti in 4 giorni per oltre 100 ore di dirette online, la manifestazione internazionale dedicata all’AI e organizzata da Fiera Milano Media – Business International, non si accontenta e decide di chiudere i suoi lavori con un finale speciale e aperto al pubblico: un talk nella serata di venerdì 13 novembre 2020 alle ore 18.30, dal titolo “Algorithms, rhythms of desire’ che vedrà salire sul palco digitale di AIXA 2020 tre giganti dell’espressione contemporanea a tutto tondo –Björk, Luca Guadagnino e Andrea Lissoni- che hanno fatto della trasversalità dei loro progetti e della forza dinamica dei loro lavori una totale direzione di vita. Modererà l’incontro Carlo Antonelli, direttore di AIXA e CEO di Fiera Milano Media.

La liquidità crescente tra mondi, i confini evanescenti tra le discipline e la necessità di rimettere al centro l’uomo, saranno dunque i temi in grado di scandire il ritmo di una conversazione che fluttuerà a metà tra sorprendenti modalità di un rinnovato umanesimo e transizione digitale.

Un insieme di punti di vista che partono dall’intera produzione dell’artista islandese Bjork, che è magicamente riuscita in tutti questi anni a spingere le possibilità delle tecnologie avanzate (inclusa l’intelligenza artificiale) dentro le pieghe più profonde dell’animo umano -come nel suo magnifico show Cornucopia– generando emozioni mai viste e mai sentite, capaci di portare il pubblico verso nuovi livelli di percezione. Una direzione di lavoro, questa, molto cara anche ad Andrea Lissoni che, dopo anni passati a Londra, come Senior Curator International Art della Tate Modern, da aprile ha accettato una nuova sfida come direttore della Haus der Kunst, lo storico museo di Monaco di Baviera che, con l’arrivo del curatore italiano, apre sulla visualità a 360 gradi di questo nuovo decennio, incluso l’uso degli algoritmi da parte di artisti contemporanei. A queste sensibilità. e a molto altro, si lega, e in parte anche si contrappone, il ritmo incessante della produzione cinematografica di Luca Guadagnino, l’acclamato autore di pellicole internazionali di successo che da anni ormai scandaglia i meandri dell’animo umano alla scoperta di quell’inquadratura naturale che guida i nostri desideri. Il regista, tra l’altro, ha recentemente realizzato con HBO “We are who we are”, la miniserie che più ha intercettato in tutto il mondo quella sensibilità della generazione di teenager contemporanei, estremamente difficile da cogliere e raccontare, ben lontana dallo stereotipo di quella velocità iperdigitalizzata che le viene comunemente attribuita, e invece finalmente ritratta come portatrice di un’intelligenza emotiva di nuovo tipo.

 

Per seguire online la diretta streaming dell’evento è possibile visitare il sito: https://businessleaders.1rnd.com/algorithms-rhythms-of-desire



Contenuti correlati

  • Via Technologies: dal progetto dei chip alle soluzioni “intelligenti”

    Nata nel 1987 a Taiwan, nel corso di questi 35 anni VIA Technologies ha seguito un percorso evolutivo che l’ha portata a trasformarsi da azienda dedicata alla progettazione di chip a produttore e sviluppatore di sistemi embedded...

  • Intelligenza artificiale sempre più strategica per il settore sanitario

    Con l’inizio del terzo anno di pandemia globale in tutto il mondo, una tecnologia rapida, economica e portatile con la quale condurre lo screening di massa è una priorità per gli operatori sanitari, sia per il COVID...

  • Accelerare lo sviluppo di applicazioni automotive e IoT che utilizzano motori BLDC

    Per gestire la complessità del software, gli sviluppatori possono usare un driver per motori BLDC dedicato, come A4964KJPTR-T, che integra tutte le funzionalità di controllo motori Leggi l’articolo completo su EO Power 28

  • TinyML: un’introduzione (1a parte)

    Questo articolo è il primo di una serie di tre focalizzati su TinyML: in sintesi l’utilizzo delle tecniche di apprendimento automatico (ML – Machine Learning) su microcontrollori a basso consumo e con un numero limitato di risorse a disposizione...

  • Niente più vincoli per i server edge

    Grazie all’integrazione dei processori della linea Xeon D di Intel sui Server-on-Module COM-HPC da parte di produttori come congatec, le installazioni di server edge non sono più confinate nelle sale server, dove l’ambiente è attentamente controllato dal...

  • Farnell pubblica un nuovo white paper sui sensori smart per IoT

    Farnell ha realizzato un nuovo white paper per supportare i progettisti elettronici nel loro percorso di implementazione di sistemi Internet of Things (IoT). Il saggio in esclusiva, intitolato ‘Sensori Smart – Per l’IoT intelligente’, analizza il mondo...

  • Sistemi embedded medicali, nuovi rischi e opportunità di sviluppo

    Una delle aree tecnologiche più in fermento, nell’era di COVID-19, è senza dubbio quella delle tecnologie medicali. Diversi sono i filoni di sviluppo che in questo momento guidano l’innovazione: dall’Internet of Medical Things (IoMT), alle prospettive applicative...

  • Soluzioni per la misura del consumo energetico dell’IoT cellulare

    Se si vuole misurare il consumo di potenza di un dispositivo in un ambiente chiuso e controllato, l’utilizzo di un simulatore di rete autonomo non è sufficiente perché bisogna misurare anche la potenza effettivamente consumata da un...

  • Come integrare interfacce Wi-Fi in qualsiasi applicazione

    Il collegamento di dispositivi mediante WiFi è diffuso nel mercato IoT. Tuttavia, per una connessione WiFi efficace di un circuito progettato con compatibilità HF è necessario tenere in considerazione gli assemblaggi, la progettazione, il layout della scheda...

  • I microcontrollori a 8 bit hanno ancora un ruolo chiave nel mondo IoT

    L’utilizzo di una MCU a 8 bit durante la progettazione di nodi edge rappresenta una soluzione a basso costo, con consumi ridotti, intelligente (ma non dedicata all’IoT) e in grado di gestire compiti ausiliari e di gestione della potenza...

Scopri le novità scelte per te x