Un’alleanza industriale che supera il concetto di compatibilità meccanica per offrire sistemi di potenza versatili

Pubblicato il 7 settembre 2017

Il neologismo coopetizione (co-opetition) non è sicuramente nuovo e fa riferimento alle modalità secondo le quali aziende in competizione tra di loro possono comunque co-operare con l’obiettivo di migliorare le tecnologie che vengono utilizzate nei settori in cui operano. Una strategia di questo tipo viene solitamente messa in atto quando una particolare tecnologia raggiunge il cosiddetto punto di inflessione (ovvero si verifica un cambiamento radicale nei fondamenti ed emergono nuove opportunità).

Per quanto riguarda l’industria elettronica un esempio potrebbe essere rappresentato dalla ZigBee Alliance. Essa è composta da numerosi produttori in competizione tra di loro che hanno come comune denominatore l’interesse nel promuovere l’adozione della tecnologia delle reti wireless di tipo personale: questi produttori hanno collaborato allo sviluppo delle specifiche e a perorare i benefici di questa tecnologia.

Più in generale, per l’industria dei semiconduttori risulta difficile continuare a seguire i dettami della legge di Moore senza ricorrere a una cooperazione ad alto livello tra aziende che competono per i medesimi “design win”. È opinione diffusa che l’assenza di una collaborazione di questo tipo avrebbe riflessi negativi sul tasso di innovazione.

In molti casi il risultato di questi sforzi congiunti è rappresentato dalla introduzione di nuovi standard industriali o dalla formazione di gruppi denominati SIG (Special Interest Group). Nell’industria della potenza vi sono alcuni interessanti esempi. Ciò è dovuto al fatto che la distribuzione e la conversione dell’energia sono operazioni che interessano l’industria elettronica nel suo complesso e devono continuamente modificarsi ed evolvere al fine di soddisfare nuove esigenze.

A livello di circuiti integrati la richiesta di potenza ha subito cambiamenti significativi grazie alla coopetizione e all’innovazione nel campo della tecnologia dei semiconduttori. Nel passaggio da una generazione alla successiva, i dispositivi richiedono valori di tensioni più bassi e differenti in presenza di livelli di corrente decisamente più elevati . Parecchi dispositivi necessitano di numerose sorgenti di tensione/corrente differenti che devono entrare in funzione seguendo uno specifico ordine e in condizioni ben delineate: requisiti che erano poco comuni solo pochi anni fa adesso sono divenuti la norma su ogni circuito stampato.  Tutto ciò contribuisce ad aumentare le pressioni sui progettisti il cui compito è appunto quello di rendere disponibili i livelli di potenza richiesti.

In passato vi sono stati tentativi di coopetizione nel settore della potenza con l’obiettivo di semplificare la fase di progetto e garantire la disponibilità di una seconda sorgente. I primi esempi sono stati i consorzi POLA (Point Of Load Alliance) che, come suggerisce il nome stesso, era focalizzato sui convertitori DC-DC posizionati al punto di carico e DOSA (Distributed-power Open Standards Alliance) che ha sviluppato e rilasciato con successo numerosi standard che avevano per oggetto la compatibilità di tipo fisico (a livello quindi di fattori di forma, ingombri e pinout) degli alimentatori prodotti dai membri di questa organizzazione.

Entrambi i consorzi, POLA e DOSA, sono stati costituiti oltre un decennio fa, quando le problematiche potevano essere gestite tramite standard che si occupavano dell’interoperabilità e della compatibilità dei dispositivi di potenza. Da allora le esigenze dei settori verticali che costituivano i mercati di sbocco dei membri di questi consorzi sono variate in modo significativo. La necessità di avere una potenza caratterizzata da un maggior livello di “intelligenza” ha di fatto costretto i produttori dei dispositivi di potenza a ripensare le modalità da adottare per garantire il grado di compatibilità richiesto dagli utilizzatori.

Le esigenze ora vanno al di là di quelle prettamente “statiche” (ovvero fisiche) che riguardano gli ingombri o il pinout per includere richieste di natura “dinamica”, come ad esempio la velocità con la quale una linea di alimentazione entra in azione e in quale ordine. Per affrontare problematiche di questo tipo è necessario includere elementi che non riguardano l’hardware, bensì la configurazione software.

Una risposta concreta a questa problematiche è stata la costituzione di Architects of Modern Power® (AMP) Group. Si tratta di un’alleanza tra CUI, Ericsson Power Modules e Murata che si basa sul lavoro svolto dai precedenti consorzi compresi POLA e DOSA (Ericsson Power Modules e Murata erano membri di POLA mentre tutte e tre le aziende che costituiscono AMP Group sono membri di DOSA).

AMP Group® si pone tre principali obiettivi: collaborazione tecnologica per accelerare l’innovazione, realizzazione di prodotti realmente compatibili tra loro (multi-sorgente), sviluppo di un percorso evolutivo (roadmap) in grado di soddisfare le future esigenze del mercato. Un approccio di questo tipo permette ad AMP Group di fornire le linee evolutive e il supporto richiesti dall’industria della potenza secondo modalità che le precedenti alleanze non erano in grado di offrire.

Una delle modalità utilizzate da AMP Group per risolvere le problematiche legate  alla potenza digitale prevede la standardizzazione di un certo numero di formati per convertitori POL (Point Of Load) e convertitori per bus intermedio (IBC – Intermediate Bus Converter), compresa un’implementazione standardizzata del protocollo PMBus (Power Management Bus). Questo standard aperto per la gestione della potenza ha il vantaggio di offrire un elevato livello di flessibilità.

I produttori, val la pena sottolineare, non sono comunque obbligati a implementare il protocollo nello stesso modo, fatto questo che può introdurre un’inutile confusione. AMP Group ha incluso PMBus® nei propri standard al fine di mantenere la compatibilità tra i dispositivi realizzati dai suoi membri. Nessun altro consorzio industriale che si occupa di potenza digitale ha fatto un investimento di questo tipo al fine di rendere disponibile una soluzione veramente multi-sorgente.

La natura dinamica delle odierne applicazioni richiede l’adozione di un nuovo approccio per offrire prodotti di potenza in linea con le aspettative degli utilizzatori. Gli standard messi a punto da AMP Group includono funzionalità di verifica all’interno del sistema – come ad esempio impostazione dei margini di tensione (margining), tracciamento della tensione (tracking), propagazione del guasto (faul spreading) – e forniscono i livelli di controllo richiesti per la verifica di tensioni di ingresso e di uscita, corrente di uscita, temperatura, frequenza e duty cycle.

I membri di AMP Group stanno lavorando alla stesura di standard in grado di soddisfare le necessità sia attuali sia future del settore della potenza. La complessità della potenza digitale è in aumento e i progettisti possono trovare in AMP Group un valido ausilio per gestire questo fenomeno sfruttando l’alleanza tra fornitori, diminuire i rischi, ridurre il time to market e ottimizzare le risorse di progetto.

Jeff Schnabel, VP Global Marketing – CUI, Portavoce di The AMP Group



Contenuti correlati

  • CUI: nuovi alimentatori AC/DC open frame

    Il Power Group di CUI ha introdotto due nuove famiglie di alimentatori AC/DC ad alta densità di tipo open frame. Le serie VOF 180 e VOF 225A sono in grado di erogare una potenza continua di 180...

  • CUI: alimentatori AC-DC a elevate densità in package open frame

    Il Power Group di CUI ha annunciato l’aggiunta dei modelli a 275 W, 350 W e 550 W alla propria famiglia VOF composta da alimentatori AC-DC di tipo open frame. Questi alimentatori offrono elevata densità, alta efficienza...

  • Murata: convertitori DC-DC per applicazioni in ambienti critici

    Murata Power Solutions ha realizzato una serie di convertitori DC-DC non isolati a tre terminali appositamente concepiti per l’impiego in ambienti critici. La serie di convertitori OKI-78SR-E è composta da tre moduli a uscita singola con tensione...

  • Le nuove ventole assiali di CUI

    Il Thermal Management Group di CUI ha annunciato l’introduzione della linea di ventole assiali CFM-V. Si tratta di componenti DC che utilizzano il sistema omniCOOL che, grazie all’integrazione di una struttura magnetica permette il bilanciamento del rotore...

  • Emissioni EMC: un problema da affrontare nelle prime fasi di progetto

    L’esecuzione di un collaudo di pre-conformità EMC durante le fasi di assemblaggio del sistema può contribuire a eliminare modifiche impreviste di progetto che hanno un impatto negativo su costi e tempi di sviluppo di un prodotto Bruce...

  • European MEMS & Sensors Summit 2017

    Si è concluso il 22 settembre l’European MEMS & Sensors Summit 2017, evento organizzato da SEMI, che si è svolto a Grenoble (Francia ) insieme alla prima edizione dell’European Imaging & Sensors Summit di MSIG (MEMS &...

  • Murata: convertitore DC-DC switching a 12V

    Murata ha ampliato la sua gamma di convertitori DC-DC per applicazioni embedded con un modello a 12V. La serie è quella siglata OKI-78SR ed è composta da componenti switching di potenza non isolati. Il nuovo modello (OKI-78SR-12/1.0-W36-C)...

  • Sistema omniCOOL: come migliorare durata e prestazioni delle ventole in DC

    Dalle appliance consumer ai grandi apparati industriali, i dispositivi che vengono utilizzati tutti i giorni fanno ricorso alle ventole per espellere il calore e garantire un funzionamento affidabile. L’elemento centrale di ogni ventola è il cuscinetto che...

  • Il ruolo dei “supercapacitors” nel progetto dei futuri sistemi energetici

    Nel volgere di pochi anni, dispositivi che non integravano a bordo nessun componente o circuito elettronico – e ovviamente non prevedevano alcun tipo di capacità di elaborazione delle informazioni – sono divenuti sempre più “intelligenti” entrando a...

  • Future, Cypress e Murata presentano il kit Nebula per IoT

    Future Electronics ha annunciato insieme ai  partner Cypress Semiconductor e Murata la disponibilità del kit di sviluppo Nebula per applicazioni IoT. Nebula è una scheda “IoT cloud ready” (ovvero che permette di gestire le applicazioni IoT in...

Scopri le novità scelte per te x