Ricerca e sviluppo italiana nella tecnologia M2M

Il centro R&D mondiale di Vodafone per la tecnologia machine-to-machine, le applicazioni IoT e la telematica è una eccellenza nostrana: Cobra Automotive Technologies

Pubblicato il 28 maggio 2015

Al contempo, nel mondo industriale e aziendale, in questi ultimi anni sono cresciuti i casi di eccellenze italiane, realtà produttive di alto valore e qualità, acquisite da multinazionali o società estere. Cobra Automotive Technologies è una di queste eccellenze nostrane. A dimostrarlo la sua storia e i recenti fatti.

????????????????????????????????????

Fig. 1 – Alcuni stabilimenti produttivi di Cobra a Varese

Nell’agosto dell’anno scorso, Cobra è stata comprata dall’operatore Vodafone, uno dei colossi mondiali della telefonia mobile. Ora la società ha preso il nome di Vodafone Automotive ed è fra i player nello scenario competitivo per la conquista dell’enorme ed emergente mercato delle applicazioni IoT (Internet of Things) e della tecnologia M2M (machine-to-machine), che i mobile network operator (MNO) considerano un business sempre più allettante. Soprattutto da quando hanno visto progressivamente assottigliarsi i margini dei normali servizi di connettività, che nel frattempo si sono trasformati in commodity, e hanno dovuto orientarsi verso nuove opportunità commerciali, attraverso la fornitura di servizi di comunicazione più sofisticati, completi, e capaci di portare loro maggior valore.

Centro di competenza all’avanguardia

Lo scorso marzo, Vodafone ha invitato la stampa a visitare gli stabilimenti produttivi e i laboratori di ricerca e sviluppo di Cobra, nella sede storica di Varese, dove ha anche illustrato la propria strategia futura nel settore M2M. “Vodafone ha acquisito Cobra perché da sempre questa azienda ha dimostrato capacità e qualità nel settore automotive” ha sottolineato Erik Brenneis, Machine to Machine director gruppo Vodafone. “Cobra era un’azienda piccola, con difficoltà finanziarie, e non poteva mobilitare investimenti per crescere in futuro nel mondo”. Ma dopo l’acquisizione da parte di Vodafone, sono già stati assunti altri 40 addetti nello sviluppo software e anche nelle vendite. “Prima Cobra non cresceva -ha detto Brenneis- adesso cresciamo di oltre il 30% perché l’organizzazione di Vodafone ha già cominciato a vendere i prodotti di Cobra”.

3-vibration-controller

Figg. 2-3 – I laboratori per il test dei componenti e il collaudo vibrazionale

2-test-compOra che, soprattutto in Italia, il comparto della ’connected car’ sta registrando una forte crescita, Vodafone, attraverso Cobra – che sviluppa, collauda e produce anche ’scatole nere’ per auto – ritiene di avere il controllo di tutti i tasselli chiave che formano questa catena del valore. “Siamo l’unica impresa nel mondo a controllare tutte queste componenti” ha aggiunto Brenneis, ricordando le rosee prospettive di espansione del mercato della ’connected car’. “Oggi meno del 5% delle auto nel mondo sono connesse, ma nei prossimi anni questo settore crescerà moltissimo, e Vodafone è ben posizionata”.

DNA specifico per l’automotive

Cobra ha mostrato la propria eccellenza nel settore automotive, illustrando le regole e il livello di qualità implementati nei processi di sviluppo, produzione e collaudo. I laboratori di qualifica dei prodotti, ad esempio, verificano che gli stessi durino per il tempo previsto e nelle condizioni stabilite, fornendo tutti i requisiti e funzionalità richiesti dai clienti. I sistemi di collaudo sono concepiti per riprodurre l’ambiente in cui i prodotti dovranno operare. Nei test ambientali accelerati, campioni di prodotti vengono sottoposti a determinati profili di temperatura, con specifiche condizioni di stress termico, vibrazionale e di umidità, per un certo periodo di tempo, che consente di verificare la durevolezza e il ciclo di vita.

Un’altra fondamentale area di collaudo sono i test di compatibilità elettromagnetica (EMI). Qui, grazie al supporto di una camera anecoica (priva di eco) e di attrezzature per simulare tutta l’elettronica, i bus di comunicazione (CAN, FlexRay, LIN, MOST), le modalità di trasmissione radio disponibili a bordo del veicolo (GSM, GPS, Bluetooth, sistema di infotainment e così via) o i disturbi transitori sulla vettura, i test hanno l’obiettivo di verificare che le eventuali interferenze non siano tali da creare problemi al funzionamento del prodotto oggetto del test.

 

Con le sue consolidate e raffinate competenze nell’elettronica dedicata al mondo auto, Cobra è ora divenuto il centro di ricerca e sviluppo M2M di Vodafone, un polo tecnologico d’eccellenza mondiale nella tecnologia machine-to-machine, nella IoT e nella telematica in campo automotive, pronto a fornire prodotti e servizi di nuova generazione. A Varese si svolgono tutte le attività di sviluppo hardware, oltre a quelle di produzione e test dei sistemi, mentre il sito di Busto Arsizio ospita la maggior parte dello attività di sviluppo software. A livello globale la società conta 880 addetti, di cui 550 in Italia. Nell’area R&D sono impiegate 200 persone.

4-camera-anecoica-test-emi

Fig. 4 – La camera anecoica per il test di interferenza EMI

L’eccellenza di Cobra nei servizi di sicurezza e telematica per il settore automobilistico deriva da una storia nell’area industriale di Varese lunga 40 anni. Già nel ’75 (sotto la ragione sociale di ’Delta Elettronica S.a.s’) l’azienda è stata una delle prime in Italia a progettare e commercializzare sistemi di allarme e antifurto per auto. Nel tempo le attività si sono estese allo sviluppo di soluzioni automotive per la sicurezza, e di servizi di localizzazione dei veicoli.

Come gruppo internazionale, presente in Brasile, Italia, Francia, Germania, Spagna, Svizzera e Regno Unito, Cobra opera attraverso due divisioni: Cobra Telematics Services sviluppa infrastrutture telematiche e fornisce servizi. Cobra Electronic Systems, invece, progetta, produce e commercializza sistemi elettronici e componenti. In Europa Cobra fornisce tradizionalmente servizi telematici alle principali case automobilistiche, soprattutto nel segmento di lusso (Audi, Bentley, Ducati, Ferrari, Gruppo Piaggio, Infiniti, Lamborghini, Maserati, Mc Laren, Mercedes-Benz Trucks, Nissan, Porsche, Renault, Tesla). Un’altra attività, dal 2007, è la fornitura di servizi telematici alle società di assicurazioni che, avvalendosi della tecnologia Cobra, hanno la possibilità di offrire ai propri clienti polizze di tipo ’pay per use’ o ’pay as you drive’, grazie all’installazione di ’scatole nere’ all’interno dei veicoli, adibite alla registrazione dei dati.

5-Cobra_black_box

Fig. 5 – Una ’black box’ prodotta da Cobra

Il mondo automotive, con i sistemi di diagnostica e controllo remoto, le soluzioni di sicurezza, e le black box per le polizze assicurative, è il settore principale di applicazione della tecnologia M2M, ma non l’unico. Vodafone, ha spiegato Manlio Costantini, direttore Divisione Enterprise Vodafone Italia, intende proporsi in qualità di partner di soluzioni anche in altre aree di business, come le utility (smart metering, smart, grid, telemetria per pipeline), i trasporti e la logistica (gestione delle flotte, mobile asset tracking).

Giorgio Fusari



Contenuti correlati

  • Anritsu: soluzioni software per manufacturing test di dispositivi IoT e M2M

    Anritsu  ha annunciato la disponibilità di tre nuove opzioni software di misurazione che estendono le funzionalità dello Universal Wireless Test Set MT8870A per supportare test di produzione di applicazioni IoT/M2M. Con queste nuove release, Anritsu ha aggiunto il...

  • Eurotech: gestione remota di dispositivi IoT/M2M su larga scala

    Eurotech ha annunciato un nuovo significativo passo avanti nella gestione remota di dispositivi con Everyware Cloud 4.1, la piattaforma di integrazione M2M/IoT. Everyware Cloud è una piattaforma di integrazione machine-to-machine (M2M) che semplifica la gestione di dispositivi e...

  • In crescita i dispositivi M2M nel settore retail

    Il numero di connessioni M2M nel settore retail ha raggiunto 23,1 milioni in tutto il mondo nel 2014. Lo afferma un recente rapporto realizzato dalla società di analisi e ricerche Berg Insight. La tecnologia M2M consente ai...

  • LTE, nuove opportunità di profitto per i provider di servizi M2M

    I miliardi di dollari investiti dai provider di servizi nell’infrastruttura LTE, uniti alla crescita dei tablet e della telefonia mobile 4G, stanno facendo emergere nuovi servizi fatturabili nel settore macchina-macchina (M2M). Questo articolo illustra 12 di queste...

  • Eurotech, partnership con Arkessa per le soluzioni IoT su scala globale

    Eurotech ha siglato un accordo di partnership con Arkessa, fornitore globale di connettività cellulare multi-network. Questa partnership permetterà a Eurotech di aggiungere servizi di gestione della connettività ai suoi dispositivi e gateway M2M, in virtù del servizio multi-network...

  • Frost & Sullivan, un nuovo ecosistema di fornitori per IoIT

    Frost & Sullivan stima che un nuovo ecosistema di fornitori per IoIT (Internet of Industrial Things) raggiungerà quota 420 miliardi di euro entro il 2020. Secondo un recente studio di Frost & Sullivan sul mercato dei servizi...

  • Frost & Sullivan, nuove opportunità nel IoT

    Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Internet of Things (IoT) – Disruptive Opportunities in Key Sectors”, rileva che diversi organismi di standardizzazione in Europa e negli Stati Uniti stanno lavorando per affrontare la questione dell’interoperabilità...

  • Previsioni di crescita per le piattaforme IoT

    Il mercato globale delle piattaforme per l’Internet of Things di terze parti vivrà una crescita sostenuta nei prossimi anni. È quanto si legge da un recente studio  pubblica to da Berg Insight. Più nel dettaglio, le piattaforme...

  • Eurotech e WebRatio rafforzano la loro collaborazione

    Eurotech e WebRatio hanno rafforzato la loro collaborazione tecnologica per quanto riguarda lo sviluppo di applicazioni Internet of Things, combinando il linguaggio IFML (Interaction Flow Modeling Language) con Everyware Device Cloud. “Uno dei nostri principali obiettivi è...

  • Arrow e MultiTech: accordo per l’M2M

    Arrow Electronics e Multi-Tech hanno firmato un accordo che consentirà ai clienti dell’area Emea di avvalersi della competenza combinata delle due società e del loro portafoglio di prodotti M2M. La combinazione delle loro tecnologie e l’esperienza acquisita...

Scopri le novità scelte per te x