Qowisio, una startup realizza la sua prima rete pubblica per l’IoT

Pubblicato il 4 novembre 2015

Fondata nel 2009 per offrire soluzioni di building automation, compresi i sensori collegati o soluzioni personalizzate, la startup francese Qowisio spera di completare l’installazione della sua prima rete pubblica per l’IoT entro la fine del 2015.

L’azienda ha sviluppato un protocollo radio a banda ultra stretta proprietario, che supporta potenza molto bassa e a raggio molto a lungo (da 50 a 60 chilometri nelle zone rurali) con connettività bidirezionale. La soluzione nasce dagli sforzi della propria attività di R & S, con molte similarità a Sigfox.

Inizialmente, il protocollo radio è stato sviluppato esclusivamente per rispondere alle esigenze dei clienti aziendali ed è stata integrata nei prodotti  venduti  per l’automazione degli edifici. Ma forte della sua esperienza internazionale, con il 99% dei propri ricavi dalle esportazioni e di prodotti, Qowisio ha deciso che avrebbe potuto fornire reti per l’IoT su scala nazionale. Con un fatturato stimato di 15 milioni di euro per il 2015, la società ritiene di poter quasi moltiplicare i suoi ricavi entro i prossimi cinque anni.

Di fronte a lotte in termini di marketing tra Sigfox e Semtech LoRa, il co-fondatore di Qowisio, Guillaume Houssay, ammette che la decisione di entrare nel mercato delle infrastrutture di rete IoT non è stata facile.

“Abbiamo già clienti che utilizzano i nostri prodotti connessi, e quello che stiamo facendo sta espandendo il servizio che possiamo fornire attraverso una infrastruttura di rete più ampia”, afferma Houssay al momento di presentare la sua azienda al CES Unveiled di Parigi.

E aggiunge: “Non credo che un servizio di abbonamento dati  per ogni dispositivo abbia senso per l’IoT, soprattutto per i nuovi bisogni emergenti come l’impiego di sensori che possono essere in uso  solo per alcune settimane o pochi mesi . Le licenze dovrebbero essere legate agli oggetti connessi, sulla base del valore che possono portare ai nostri clienti, non sono basati sui dati che generano”.

 

ap



Contenuti correlati

  • Molex Ventures investe e collabora con le startup

    Molex Electronic Technologies ha formalmente annunciato la costituzione di una nuova consociata, Molex Ventures, interamente dedicata alla soluzione di sfide industriali e alla creazione di valore attraverso tecnologie emergenti.  Molex Ventures è specializzata in investimenti e collaborazioni...

  • Lemonbeat Studio 2.0 accelera lo sviluppo di terminali intelligenti IoT

    Lemonbeat GmbH ha presentato una nuova versione della sua suite software Lemonbeat Studio 2.0 per lo sviluppo rapido di dispositivi terminali intelligenti per applicazioni Internet of Things (IoT). I dispositivi intelligenti consentono di ridurre in modo significativo...

  • Keysight collabora con i principali centri di ricerca

    Misurare i rumori con precisione nei nuovi dispositivi elettronici da utilizzare in IoT, 5G. Questo è lo scopo della collaborazione di Keysight Technology con i principali centri di ricerca. Il rumore è uno dei principali fattori limitanti...

  • Come alimentare in modo efficiente i sensori per applicazioni IoT

    I sensori utilizzati in ambito Internet of  Things devono essere alimentati per svariati anni senza manutenzione: grazie a soluzioni innovative come quelle proposte da Recom è possibile risolvere in modo efficiente questa complessa sfida Leggi l’articolo su...

  • L’Italia e le startup: qualcosa sta cambiando?

    Sta cambiando qualcosa in Italia per quanto riguarda le startup, nonostante i dati?  Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico, il numero delle società innovative in Italia ha toccato quota 7300, con più di 1000 società attive...

  • Eurotech e Alten Calsoft Labs: partner per l’IoT

    Eurotech annuncia una partnership con Alten Calsoft Labs, azienda che si occupa di servizi di trasformazione digitale, consulenza tecnologica, IT aziendale e ingegneria di prodotto e che offre le migliori soluzioni in ambito IoT per segmenti verticali...

  • I trend da tenere sott’occhio nel 2018

    Quali sono i trend già emersi nel 2017, che “andranno per la maggiore” nel 2018? Il 2017 è stato un anno decisamente interessante per le nuove tecnologie che hanno avuto un forte impatto in molti settori, dai pagamenti...

  • Collaborazione tra Analog Devices e Siemens sull’IoT

    Analog Devices e Siemens collaborano per lo sviluppo di sistemi ‘dai sensori al cloud’,  per MindSphere, il sistema operativo aperto per l’Internet delle Cose basato su cloud di Siemens. MindSphere consente alle industrie di migliorare l’efficienza dei...

  • Maxim: un ‘DNA’ rende inattaccabili i dispositivi IoT

    NeI mondo i cyberattacchi figurano sempre più tra le notizie di cronaca sui vari media e, anche in termini economici, il dilagare delle minacce informatiche sta causando danni sempre maggiori: la società di ricerche Cybersecurity Ventures stima...

  • Sviluppare nuove soluzioni IoT con il modulo VIA SOM-9X20

    VIA Technologies ha presentato il modulo VIA SOM-9X20 basato sul processore Qualcomm Snapdragon 820. Questa piattaforma è in grado di accelerare lo sviluppo di soluzioni IoT e di applicazioni industriali come sistemi HMI e digital signage, soluzioni...

Scopri le novità scelte per te x