Monitoraggio movimenti, accelerazioni, angoli e campi magnetici in un’unica soluzione

Un innovativo modulo Microchip offre in soli 17x17 mm un’ampia varietà di misure precise e già condizionate per l’uso nelle applicazioni indossabili, nel monitoraggio ambientale e nei prodotti per IoT

Pubblicato il 29 settembre 2015

La rivelazione dei movimenti è una delle tecnologie elettroniche oggi più diffuse e diversificate in una gran varietà di applicazioni come il rilevamento delle intrusioni, il comando dei videogame, il conteggio dei pezzi nelle catene di montaggio, la misura dell’efficacia dei gesti atletici degli sportivi, la sorveglianza degli animali, la rivelazione dei micro cedimenti negli edifici storici, il riconoscimento dei rischi di frane o valanghe e il monitoraggio delle correnti sottomarine, senza contare le soluzioni più innovative come la lettura labiale del parlato o il riconoscimento gestuale dell’espressione del viso e dei movimenti inconsapevoli delle persone, sia per motivi di sicurezza sia per ragioni medicali.

figura 1 3sensori

Fig. 1 – Il nuovo Microchip Motion Module MM7150 unisce nello stesso silicio un coprocessore Microchip SSC7150, un accelerometro/magnetometro Bosch BMC150 e un giroscopio Bosch BMG160

Ciò che sta cambiando negli ultimi anni sono le dimensioni di questi preziosi sistemi diventati ormai sufficientemente piccoli per essere tranquillamente indossati, oppure fatti indossare agli animali o comunque facilmente installabili in postazioni capaci di autoalimentarsi e dotate di front-end wireless per l’invio dei dati misurati a distanza.

Inevitabilmente, la compattezza ne fa dei protagonisti ideali per le prossime applicazioni di Internet-of-Things anche perché oltre ai movimenti questi sensori sono oggi in grado di rivelare parecchie altre informazioni. Microchip ha presentato un innovativo modulo sensore di posizione e movimenti, accelerometro e giroscopio.

Tutto con una sola I2C

Il nuovo Microchip Motion Module MM7150 unisce nello stesso silicio un coprocessore Microchip SSC7150 con architettura a 32 bit, un compasso digitale a 6 assi Bosch BMC150, definito come Geomagnetic Sensor/Accelerometer perché funziona come accelerometro a 3 assi e magnetometro a 3 assi e, infine, c’è a bordo anche un giroscopio a 3 assi Bosch BMG160. MM7150 è quindi un sensore di posizione e movimento a 9 assi con le funzioni di magnetometro, accelerometro, inclinometro e giroscopio che può essere interamente configurato attraverso il bus d’interfaccia I2C con velocità di 400 kHz.

figura 2 s7150

Fig. 2 – MM7150 misura posizioni, movimenti e angoli su 9 assi in soli 17×17 mm e può essere alimentato con una pila al litio da 3V, con un mini pannello fotovoltaico oppure con una soluzione di Energy Harvesting

In effetti, il modulo viene fornito già pre-calibrato con algoritmi di filtraggio e compensazione segnali tipici per le applicazioni più diffuse, ma tramite l’I2C questi programmi possono essere modificati e adattati alle applicazioni e al microprocessore o microcontrollore principale che generalmente governa ciascuna applicazione.

Tramite l’I2C non transitano solo i parametri di configurazione ma sono trasferiti anche i dati misurati dai sensori già pre-condizionati dall’SSC7150 che corregge gli offset allineando le forme d’onda dei simboli per adattarle all’uso diretto da parte delle MPU o MCU. Ogni qualvolta cambia l’energia dei segnali misurati, il coprocessore attiva una procedura di auto calibrazione che riequilibra la sensibilità di misura.

Prestazioni elevate alla portata di tutti

MM7150 è realizzato su una schedina di 17×17 mm dove i componenti sono montati apposta solo da un lato per semplificarne l’installazione in tutti i sistemi applicati e per agevolarne la saldatura sulle schede madri. Il consumo è molto basso e contenuto in 13,25 mA in piena operatività mentre scende a 70 µA in modalità Deep Sleep.

figura 3 db7150

Fig. 3 – La scheda di sviluppo MM7150 PICtail Plus Daughter Board può essere usata anche insieme alla più completa piattaforma Microchip Explorer 16 Development Board

Si può comodamente alimentare a 3V anche con una comune pila al litio ricaricabile o usa e getta, ma è consigliabile affiancarvi una mini cella fotovoltaica oppure un dispositivo di Energy Harvesting che si accontenta di catturare e riutilizzare l’energia diffusa nell’ambiente. Se accompagnato da una soluzione di alimentazione locale e da un ricetrasmettitore wireless, il modulo si presta alla realizzazione di punti di monitoraggio compatti, completi, economici e capaci di garantire un funzionamento affidabile e di qualità.

Le prestazioni dei sensori integrati in questo modulo dal prezzo competitivo sono adatte anche alle applicazioni più impegnative: l’accelerometro ha un range di misura di ±2G con risoluzione di 0,98 mG e accuratezza di ±40 mG; il magnetometro misura ±1300 µT sugli assi X e Y e ±2500 µT sull’asse Z con risoluzione di 0,3 µT e accuratezza di ±3°; il compasso digitale rivela gli angoli da 0° a 360° con risoluzione di 1° e accuratezza di ±10°; il range del giroscopio è di ±2000 °/s con risoluzione di 0,061 °/s e accuratezza di ±5 °/s, mentre l’inclinometro è sensibile da -180° a +180° con risoluzione di 1° e accuratezza di ±5°.

Per realizzare rapidamente ogni sorta di applicazioni per l’automazione industriale e per l’elettronica consumer, automotive e medicale Microchip ha messo a punto la scheda di sviluppo compatta ed economica MM7150 PICtail Plus Daughter Board con le API per l’integrazione operativa dell’SSC7150 con tutte le MPU e MCU più diffuse e con un connettore fatto apposta per utilizzarla anche montata sulla più completa piattaforma Explorer 16 Development Board, la quale è dotata anche di IDE MPlab, Programmer, Debugger e Compiler per lo sviluppo dei programmi in linguaggio C.

Lucio Pellizzari



Contenuti correlati

  • Due nuovi MOSFET di potenza a canale N da Toshiba

    Toshiba Electronics Europe ha ampliato la sua gamma di MOSFET di potenza a canale N per applicazioni automotive con due nuovi prodotti ospitati in un compatto (5×6 mm) package di tipo SOP Advance (WF) a bassa resistenza....

  • Microchip semplifica la progettazione Industriale Linux con un nuovo SOM

    Per eliminare la tradizionale complessità di progettazione dei sistemi industriali MPU-based funzionanti con sistema operativo Linux Microchip Technology ha realizzato un nuovo System on Module (SOM) con MPU SAMA5D2. Siglato ATSAMA5D27-SOM1, il nuovo modulo integra il System...

  • Connettività automotive sicura con Green Hills e u-blox

    Green Hills Software ha ampliato la sua piattaforma per la connettività sicura per applicazioni automotive con le tecnologie di u-blox. La piattaforma offre un’ampia scelta di opzioni di connettività ad alta velocità per l’infotainment, la guida autonoma,...

  • Microchip compra Microsemi per 8 miliardi di dollari

    Microchip Technology ha acquisito Microsemi per circa  8,35 miliardi di dollari, secondo i termini di un accordo definitivo siglato lo scorso 1° marzo. Con questa acquisizione Microchip dovrebbe espandere la propria presenza in alcuni mercati, come quello dello...

  • Microchip: trattative avanzate per acquisire Microsemi

    Microchip sarebbe  in trattative avanzate per acquistare la rivale californiana Microsemi, specializzata nella produzione di chip per l’aerospaziale, le comunicazioni, i data center e i settori industriali. Lo riferiscono fonti di mercato, secondo cui Microchip Technology valuterebbe...

  • Visione neuromorfica per gli autoveicoli a guida autonoma e per occhiali bionici

    Una start-up francese ha realizzato un chip neuromorfico di visione con un’eccezionale efficienza nella cattura dei movimenti, ottimo non solo per i sistemi di visione automotive o a bordo dei droni o dei robot, ma anche per...

  • Alimentatori: un settore in perenne evoluzione

    Complessivamente, il mercato degli alimentatori a commutazione AC/DC e DC/DC per applicazioni commerciali (C-SMPS), che quindi esclude i dispositivi destinati al mercato consumer e gli UPS (Uninterruptible Power Supplies), ha un valore stimato compreso tra 22 e...

  • Toshiba Memory Europe: memorie NAND Flash UFS 2.1 per automotive

    Toshiba Memory Europe  ha iniziato la consegna dei campioni di memorie Flash NAND embedded per applicazioni automotive compatibili con lo standard JEDEC UFS versione 2.1. Questi componenti soddisfano i requisiti dello standard AEC-Q100 di Classe 2 e...

  • Connettività in ambito automotive

    Le applicazioni IIoT diventano indispensabili non solo per migliorare la sicurezza a bordo degli autoveicoli e abbattere il traffico nelle metropoli ma anche per concepire nuovi servizi gestibili con le piattaforme cloud Leggi l’articolo su Elettronica Oggi...

  • Sistemi “mild hybrid” a 48V per le auto del futuro

    Normative su emissioni e consumi sempre più stringenti impongono ai big player del comparto automotive di correre ai ripari: Il dispositivo ISL78226 è un controllore PWM sincrono bidirezionale a 6 fasi per sistemi a 12V/48V espressamente ideato...

Scopri le novità scelte per te x