Maxim: un ‘DNA’ rende inattaccabili i dispositivi IoT

Presentato a Monaco di Baviera l’autenticatore sicuro DS28E38 DeepCover con tecnologia ChipDNA, proposto sul mercato come soluzione pratica per proteggere dispositivi e progetti da minacce informatiche e tentativi di clonazione

Pubblicato il 21 novembre 2017

NeI mondo i cyberattacchi figurano sempre più tra le notizie di cronaca sui vari media e, anche in termini economici, il dilagare delle minacce informatiche sta causando danni sempre maggiori: la società di ricerche Cybersecurity Ventures stima che il cybercrime costerà al mondo seimila miliardi di dollari l’anno per il 2021.

In questo scenario, con l’obiettivo di fornire una soluzione ai problemi più recenti di protezione dei dispositivi, Maxim Integrated Products ha presentato sul mercato un prodotto che punta a difendere in maniera semplice, rapida ed economica i vari device dagli attacchi fisici invasivi: si tratta dell’autenticatore sicuro DS28E38 DeepCover con tecnologia ChipDNA.

Un ambito particolamente critico della cybersecurity sono i dispositivi IoT (Internet of Things) disseminati nel mondo, il cui numero è in continua espansione: tutti questi innumerevoli nuovi endopoint connessi in rete sono esposti agli attacchi, e rappresentano delicati punti di vulnerabilità per guadagnare l’accesso all’intera rete.

Don Loomis, vice president della business unit

Micros, Security and Software di Maxim Integrated Products

Per tale ragione dovrebbero disporre di meccanismi di sicurezza e protezione particolarmente robusti: ma la realtà, ha spiegato in una conferenza stampa a Monaco di Baviera Don Loomis, vice president della business unit Micros, Security and Software della società, è che, spesso, questi dispositivi intelligenti non si rivelano altrettanto ‘smart’ in termini di security.

Perché? Perché nella maggioranza dei casi i device embedded non vengono sviluppati seguendo criteri di ‘security by design’, e perché i progettisti ritengono che aggiungere la caratteristiche di protezione in un secondo momento sia costoso, complicato e dispendioso, anche a livello di tempo necessario per creare i meccanismi di difesa.

DS28E38 DeepCover, l’autenticatore sicuro con tecnologia ChipDNA

Tecnologia ChipDNA, una protezione hardware ‘next-gen’

Tra le tecniche di protezione di dispositivi e prodotti, continua Loomis, l’approccio basato su hardware risulta più solido rispetto alle strategie di securizzazione via software, perché è più difficile alterare un sistema di protezione a livello fisico, e un circuito integrato sicuro dotato di funzionalità ‘root of trust’ (RoT). Tuttavia, anche quando si adottano circuiti integrati sicuri esiste ancora la possibilità che essi vengano compromessi da attacchi mirati a livello di silicio, per sottrarre le chiavi di cifratura e guadagnare l’accesso ai dati protetti.

Ed è a partire da questo assunto che Maxim fonda la propria soluzione evoluta di sicurezza hardware ‘next-gen’, attraverso l’integrazione in DS28E38 della tecnologia PUF (physical unclonable function) ChipDNA, che ha la capacità di rendere il sistema immune anche agli attacchi fisici invasivi.

Ciò è possibile perché la chiave di cifratura principale prodotta dall’autenticatore non è conservata in una memoria, ma generata quando serve dal circuito PUF sfruttando le naturali proprietà elettriche del semiconduttore MOSFET. Se si verificasse un attacco fisico invasivo, aggiunge Maxim, questo provocherebbe un’alterazione delle caratteristiche elettriche del sensibilissimo circuito DS28E38, impedendone la violazione.

Vantaggi e applicazioni: dalle attrezzature industriali al mondo medicale

I benefici derivanti dall’uso di questo meccanismo di protezione sono molteplici, aggiunge Loomis. Oltre a fornire una protezione evoluta, la tecnologia ChipDNA permette di eliminare, o ridurre, i problemi di complicata gestione delle chiavi dei circuiti integrati sicuri. Il circuito ChipDNA avrebbe inoltre dimostrato elevata affidabilità anche in differenti condizioni di temperatura e tensione, oltre che nel processo di invecchiamento del dispositivo stesso.

In aggiunta, per garantire la qualità del meccanismo di cifratura, la tecnologia PUF di Maxim è stata collaudata con i test di casualità della suite del NIST (National Institute of Standards and Technology), ottenendo esisto positivo e l’approvazione da parte dello stesso istituto.

L’altro importante vantaggio, sottolinea la società, è che con DS28E38 gli ingegneri hanno a disposizione una soluzione per incorporare in maniera rapida e semplice nei progetti un meccanismo di sicurezza e protezione robusto per difendere i propri dispositivi e la proprietà intellettuale contro i crescenti e sempre più sofisticati cyberattacchi. Il circuito chipDNA DS28E38 è infatti economico (prezzo inferiore a un dollaro, per quantità di almeno mille pezzi) e integrabile nei progetti degli utenti tramite l’interfaccia a contatto singolo 1-Wire di Maxim.

Le applicazioni degli autenticatori sicuri ChipDNA spaziano in sostanza in tutti i principali mercati: dalla verifica della genuinità dei moduli OEM, che garantisce una sicura operatività delle attrezzature nel mondo industriale, alla verifica della genuinità dei sensori nel settore medicale; alla gestione sicura dei progetti di riferimento e dei componenti dei vendor autorizzati di terze parti; alla protezione dei prodotti consumabili dai tentativi di contraffazione con prodotti di bassa qualità commercializzati nei mercati secondari.

Giorgio Fusari



Contenuti correlati

  • I trend da tenere sott’occhio nel 2018

    Quali sono i trend già emersi nel 2017, che “andranno per la maggiore” nel 2018? Il 2017 è stato un anno decisamente interessante per le nuove tecnologie che hanno avuto un forte impatto in molti settori, dai pagamenti...

  • Collaborazione tra Analog Devices e Siemens sull’IoT

    Analog Devices e Siemens collaborano per lo sviluppo di sistemi ‘dai sensori al cloud’,  per MindSphere, il sistema operativo aperto per l’Internet delle Cose basato su cloud di Siemens. MindSphere consente alle industrie di migliorare l’efficienza dei...

  • Maxim abilita il monitoraggio costante dello stato di salute

    I costi globali per la cura della salute sono crescenti, e la disponibilità dei moderni dispositivi di monitoraggio remoto dei parametri chiave che indicano lo stato fisico di una persona sta portando i pazienti a un cambiamento...

  • Sviluppare nuove soluzioni IoT con il modulo VIA SOM-9X20

    VIA Technologies ha presentato il modulo VIA SOM-9X20 basato sul processore Qualcomm Snapdragon 820. Questa piattaforma è in grado di accelerare lo sviluppo di soluzioni IoT e di applicazioni industriali come sistemi HMI e digital signage, soluzioni...

  • Il cloud ha un ruolo sempre più importante nelle applicazioni IoT

    Le piattaforme e i servizi cloud sono elementi ormai indispensabili per sfruttare al massimo le potenzialità offerte dai dispositivi Internet of Things Mark Patrick, Mouser Electronics Leggi l’articolo su Elettronica Oggi di ottobre

  • Gli elettrodomestici nell’era dell’IoT

    Grazie a MCU a basso consumo e radio Bluetooth Smart gli elettrodomestici sono ormai pronti a connettersi a “Billions of Things” Jason Tollefson, sr. product marketing manager, Microchip Technology Leggi l’articolo su Elettronica Oggi di ottobre

  • Implementazione delle funzionalità di sicurezza negli apparecchi medicali connessi a IoT

    Questo articolo esamina le principali procedure relative alla sicurezza che gli sviluppatori dovrebbero adottare nel corso del processo di progettazione al fine di irrobustire il dispositivo, proteggerne le comunicazioni, e impedirne l’accesso da parte di malintenzionati Warren...

  • European MEMS & Sensors Summit 2017

    Si è concluso il 22 settembre l’European MEMS & Sensors Summit 2017, evento organizzato da SEMI, che si è svolto a Grenoble (Francia ) insieme alla prima edizione dell’European Imaging & Sensors Summit di MSIG (MEMS &...

  • Il ruolo dei “supercapacitors” nel progetto dei futuri sistemi energetici

    Nel volgere di pochi anni, dispositivi che non integravano a bordo nessun componente o circuito elettronico – e ovviamente non prevedevano alcun tipo di capacità di elaborazione delle informazioni – sono divenuti sempre più “intelligenti” entrando a...

  • Embedded IoT: la via verso l’Edge Computing

    C’era una volta il cloud… E c’è ancora, ma potrebbe non bastare più. Il numero di dispositivi interconnessi aumenta in modo esponenziale, ed elaborare dati esclusivamente a livello centrale potrebbe non essere la soluzione ottimale. Rendere i...

Scopri le novità scelte per te x