Keysight collabora con i principali centri di ricerca

Pubblicato il 13 febbraio 2018

Misurare i rumori con precisione nei nuovi dispositivi elettronici da utilizzare in IoT, 5G. Questo è lo scopo della collaborazione di Keysight Technology con i principali centri di ricerca.

Il rumore è uno dei principali fattori limitanti nei dispositivi elettronici, incluse le parti sensibili come sensori e memorie. Di conseguenza, la capacità di monitorare il rumore utilizzando un approccio statistico su di un numero elevato di campioni e dispositivi diversi è più critica che mai.

“Dall’introduzione dell’analizzatore avanzato di rumore a bassa frequenza, Keysight si è attivamente impegnata con centri di ricerca di fama mondiale nel campo delle misurazioni del rumore”, afferma Cédric Pujol, EEsof EDA device modeling business development manager di Keysight. “Queste collaborazioni hanno spinto i nostri sviluppi in un’ampia gamma di applicazioni, consentendo all’analizzatore di aumentare la sua versatilità nelle misurazioni del rumore flicker (1/f)e del rumore burst (random Telegraph noise) e hanno contribuito a rafforzare l’uso dell’analizzatore per i dispositivi utilizzati nell’elettronica industriale e nel 5G e Dispositivi IoT”.

Nuove soluzioni

La pietra miliare della collaborazione di Keysight con i centri di ricerca, come  l’università svedese di Chalmers, il  Fraunhofer EMFT in Germania,  l’IMEC in Belgio e i LAAS-CNRS in Francia, è l’aggiunta del software WaferPro Express, un framework di misurazioni che beneficia dell’esperienza pluriennale di Keysight nella modellazione di dispositivi. Keysight A-LFNA offre ora ai progettisti la flessibilità di trasformare le loro misure del rumore a bassa frequenza in modelli matematici.

I risultati derivanti dalla collaborazione in corso includono un’estensione dell’A-LFNA per consentire misurazioni del rumore su sensori CMOS fino a frequenze ultra-basse (0,030 Hz) e su dispositivi di potenza con una tensione di polarizzazione da 200 V. A supporto delle tecnologie bulk silicon e silicio su isolanti (SOI – silicon on insulator), l’A-LFNA ora misura anche un rumore di fondo all’avanguardia (2E-27 A2 / Hz). Inoltre, è stato aggiornato per misurare la densità del rumore fino a 40 MHz.

“Sono lieto che il sistema di misura 1/f di Keysight e più in generale il portafoglio di dispositivi di Keysight soddisfi le esigenze dei principali centri di ricerca in Europa”, dice  Thierry Locquette, responsabile vendite EMEAI di Keysight EDA. “La combinazione di una soluzione all’avanguardia con un forte supporto locale è un significativo elemento di differenziazione”.

ap



Contenuti correlati

  • Renesas: diodi laser per ripetitori LTE 4,9G e 5G

    Renesas Electronics Corporation ha annunciato una nuova serie di diodi laser a modulazione diretta (DML) che consentono comunicazioni ad alta velocità all’interno di ripetitori LTE da 4,9G e 5G, e tra server e router del data center...

  • IAR Systems acquisisce Secure Thingz

    IAR Systems ha stipulato un accordo per acquisire il 100% delle azioni di Secure Thingz, un fornitore di soluzioni di sicurezza avanzate per sistemi embedded, Internet of Things (IoT). Con l’acquisizione, IAR Systems si assicura il ruolo...

  • Accordo tra AIT e Siemens Austria sul wireless

    l’Istituto Austriaco di Tecnologia (AIT ) ha avviato una collaborazione con Siemens Austria per un progetto di sviluppo tecnologico all’avanguardia a livello internazionale. Il progetto di ricerca UNWIRE esplora la propagazione delle onde radio in ambienti industriali,...

  • Chip custom: una valida alternativa per i sistemi industriali

    Come valutare in modo semplice la convenienza di utilizzare un chip custom per applicazioni IIoT (Industrial Internet of Things) e Industry 4.0 Leggi l’articolo su Embedded di febbraio

  • LA COPERTINA DI EMBEDDED – Edge computing: l’intelligenza di IoT si delocalizza

    Con l’avvento di Internet of Things (IoT) si è assistito a un contemporaneo aumento dell’interesse verso quello che comunemente viene definito “edge computing” (elaborazione ai bordi della rete). Questo modello, che Cisco definisce “fog’ computing”, prevede la...

  • COVER STORY – AC/DC a bassa potenza per applicazioni IoT

    I requisiti necessari per un AC/DC destinato ad applicazioni IoT alimentato dalla rete sono molteplici: bassa potenza, dimensioni compatte, capacità di gestire ampie variazioni della corrente di carico, consumo elettrico molto basso in assenza di carico, certificazione...

  • I nuovi componenti Wi-Fi di Silicon Labs per l’IoT

    Silicon Labs ha annunciato l’introduzione di una nuova gamma di prodotti Wi-Fi in grado di semplificare la progettazione di prodotti a basso consumo alimentati a batteria che utilizzano la tecnologia Wi-Fi come per esempio telecamere di sicurezza...

  • Trasmissioni di potenza wireless per IoT

    Una soluzione di carica wireless aggiunge valore, affidabilità e robustezza in tutte le applicazioni in cui risulti difficile o impossibile ricorrere ai connettori Leggi l’articolo su Elettronica Oggi di gennaio/febbraio

  • La nuova generazione delle interfacce chip-to-chip I3C

    Rispetto alle I2C, le nuove I3C soddisfano meglio le esigenze di collegamento necessarie alla moltitudine dei sensori protagonisti delle reti IoT perché possono metterne d’accordo le diverse caratteristiche Leggi l’articolo su Elettronica Oggi di gennaio/febbraio

  • Lemonbeat Studio 2.0 accelera lo sviluppo di terminali intelligenti IoT

    Lemonbeat GmbH ha presentato una nuova versione della sua suite software Lemonbeat Studio 2.0 per lo sviluppo rapido di dispositivi terminali intelligenti per applicazioni Internet of Things (IoT). I dispositivi intelligenti consentono di ridurre in modo significativo...

Scopri le novità scelte per te x