Industria 4.0 diventa Impresa 4.0

Pubblicato il 20 settembre 2017

Il piano lanciato dal governo nel settembre 2016 cambia volto e da Industria 4.0 diventa Impresa 4.0.

Il raggio d’azione si amplia – ha detto il ministro Calenda (nella foto) intervenendo al convegno “Piano nazionale Impresa 4.0”, alla Camera – passando dalla manifattura in senso stretto ai servizi e dando inizio a una seconda fase dove saranno protagonisti le competenze e il lavoro, allargando poi l’attenzione alle PMI.

Si entra dunque in una nuova fase: nel 2018 si punterà ancora alla modalità degli incentivi cercando di promuovere l’innovazione all’interno delle piccole e medie imprese italiane,  ma cercando di costruire una vera e propria cultura dell’innovazione.

Verranno dunque prorogati gli incentivi alle imprese ma con aliquote riviste, compatibilmente con le risorse di finanza pubblica disponibili.

Impresa 4.0 diventerà Lavoro 4.0, Competenza 4.0 con incentivi alla formazione per proteggere e rafforzare l’occupazione.

Uno dei capisaldi della fase due sarà il credito d’imposta per la formazione 4.0 che con la legge di Bilancio 2018 sarà a disposizione delle imprese che effettueranno una spesa incrementale in formazione. Il credito di imposta si applicherà solo alle spese relative ai costi del personale che ha sostenuto corsi di formazione sulle tematiche sotto elencate, con focus su almeno una tecnologia Industria 4.0 e pattuiti attraverso accordi sindacali:

  • Vendita e marketing
  • Informatica
  • Tecniche e tecnologie di produzione

Investimenti periodo 2017-2020

Per l’anno prossimo è stato annunciato un incremento degli investimenti privati di circa 10 miliardi di euro, passando da 80 a 90 miliardi. Crescerà anche la spesa privata in ricerca, sviluppo e innovazione, nel periodo 2017-2020, con maggiore focus su tecnologie per l’industria 4.0.

Competenze – Sui temi dell’Industria 4.0 sono stati mobilitati 200 mila studenti universitari e 3.000 manager, con aumenti del 100% delle iscrizioni degli studenti agli Istituti tecnici superiori sempre relativamente ai temi dell’Industria  4.0.

Infrastrutture –  Entro il 2020 sarà connesso a 30Mbps il 100% delle aziende italiane, mentre il 50% sarà connesso a 100Mbps.

Per il Piano banda ultralarga, sono stati stanziati 3,4 miliardi di interventi pubblici, di cui 800 milioni di euro su aree bianche, 1,3 miliardi su aree grigie e 1,3 miliardi per voucher alla domanda, ma si punta a mettere altri 1,5 miliardi di euro per rafforzare il Piano.

Antonella Pellegrini



Contenuti correlati

  • Industry 4.0 blog: l’esperienza di Cisco in Italia

    A un anno dal lancio del Piano Industriale 4.0, è il momento di domandarsi a che punto siamo, ma soprattutto se il merito di aver spinto le aziende verso un vero e proprio processo di digitalizzazione è...

  • TAVOLA ROTONDA – Industria 4.0: come cambia il mondo della distribuzione?

    Oggi si parla molto di Industria 4.0 e di tutti gli argomenti correlati, smart factory, smart manufacturing, Big Data, IoT e così via, che comportano l’introduzione di nuove tecnologie e la ridefinizione dei processi aziendali. Quale scenario...

  • Connected Manufacturing Forum, focus su tecnologie additive

    Tra gli argomenti di cui si parlerà nel corso del CONNECTED MANUFACTURING FORUM (organizzato a Milano il 26 ottobre da Business International/Fiera Milano Media) uno spazio sarà riservato alla Produzione Additiva – o Stampa 3D – nell’industria...

  • Automotive 4.0: un’evoluzione per tutti i tipi di veicoli

    Il termine automotive è quasi sempre esclusivamente associato alle automobili e alle relative applicazioni. In un’accezione più generale, esso comprende una pluralità di veicoli che spaziano dagli autobus ai camion, ai veicoli industriali, ai macchinari pesanti come...

  • Un seminario per conoscere le agevolazioni in tema di Industria 4.0

    Le agevolazioni per gli investimenti sui beni materiali ed immateriali. Iper e super ammortamento: per consentire alle aziende di conoscere le opportunità fiscali ed i risvolti sulla pianificazione strategica ed ottimizzazione degli investimenti, Business International organizza il...

  • Robot e Industria 4.0: minaccia o spinta al mercato del lavoro?

    Come sarà il mercato del lavoro nei prossimi dieci anni? Non sono certo pochi gli studi che fanno temere il peggio per il mercato del lavoro: Frey e Osborne, due ricercatori dell’Università di Oxford, hanno infatti stimato che entro il...

  • Crescita record per Universal Robots

    Universal Robots continua la propria rapida espansione in tutto il mondo, segnando un tasso di crescita del 62% dal 2015 al 2016. La società che ha aperto la strada alla robotica collaborativa continua a sfruttare il proprio...

  • ANIE: uno sportello digitale per Industria 4.0

    ANIE (Federazione Nazionale Industrie Elettrotecniche ed Elettroniche) sostiene attivamente le PMI italiane che vogliono avviarsi verso il percorso di digital trasformation, attraverso nuovi strumenti: lo sportello digitale e il nuovo portale contenuto all’interno del sito ANIE.it. L’obiettivo è...

  • Sicurezza per l’Industria 4.0 Made in Germany

    Wibu-Systems fa parte di un consorzio che sarà ufficialmente annunciato al CeBIT 2015. Deutsche Telekom, Infineon Technologies, Wibu-Systems e Hirschmann hanno unito le forze per garantire la sicurezza Made in Germany all’intero comparto dell’Industria 4.0. La partnership...

  • NIDays 2015: dritto al cuore dell’innovazione

    Il 12 marzo 2015  torna l’annuale appuntamento con NIDays, il Forum Tecnologico sulla Progettazione Grafica di Sistemi di National Instruments, che quest’anno, giunto alla sua 22ª  edizione, si terrà a Pero (Milano) presso l’ATAhotel Expo Fiera. NIDays,...

Scopri le novità scelte per te x